courtfool.info
Il giullare di corte rivela i segreti
dietro agli avvenimenti modiali
list of articles
StartListOfArticles

courtfool.info favicon I retroscena della finanza e delle banche:

Il sistema bancario in breve
Se hai appena segno qui, io vi darò un saldo di 1.000 euros e 1.000 euros mi dovrete maggiorato degli interessi.

Il sistema bancario in breve

Segreti di denaro, interesse e inflazione
Con solo un piccolo po 'di soldi banchieri possono pagare vicenda milioni...

Segreti di denaro, interesse e inflazione

courtfool.info yellow key Debito, credito, banco!

Canadas National Debt
I politici danno miliardi di euro ai banchieri privati...

Canada: Storia di due sistemi monetari

falling banknotes

new article

flag UK   Private banks or a bank of the government.

flag Bulgaria   Частни банки или банка на правителството.

flag France   Banques privées ou une banque du gouvernement.

flag Netherlands   Privé banken of een overheidsbank.

flag Russia   Банковская система вкратце.

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Dal debito di stato alla moneta di stato


Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Wall_Street_Bull

La banca spiegata: la truffa dei derivati



courtfool.info faviconI retroscena dell'Euro:

La follia dell'euro

La follia dell'euro

Fuori dall'euro, e poi?

Fuori dall'euro, e poi?

MES, il nuovo dittatore Europeo!

MES, il nuovo dittatore Europeo!

YouTube: The new European dictator

courtfool TouTube key ESM ruba i Tesoro entro 3'51''

MES, un colpo di stato in 17 paesi
Tranquillo! Costruire l'Europa!

MES, un colpo di stato in 17 paesi


Zeus rapes Europa

flag UK   Zeus rapes Europa

flag Bulgaria   Зевс насилва Европа

flag France   Zeus viole Europa

flag Netherlands   Zeus verkrachtte Europa

Euromania

courtfool TouTube key EUROMANIA by Peter Vlemmix


Ascensao_e_queda_do_euro

Autores:
Rudo de Ruijter
Yannis Varoufakis
Costas Lapavitsas
James K. Galbraith
Gerard Dunénil
Michael Hudson
Ed Dolan
Jacques Nikonoff
Jean-Claude Paye
Eugénio Rosa
Jorge Figueiredo

courtfool-favicon Le rivelazioni sulla guerra contro la Libia

Obama e Sarkozy in Libia
Obama e Sarkozy in Libia

Le_email_di_Hillary_Clinton_sulla_Libia Le e-mail di Hillary Clinton sulla Libia

NATO rescues euro in Libya

flag UK   NATO rescues euro in Libya

flag France   L'OTAN sauve l'euro en Libye

flag Netherlands   NAVO redt euro in Libië

flag Portugal   NATO resgata o euro na Líbia

flag Bulgaria   НАТО спасява еврото в Либия

flag Russia   НАТО спасает евро в Ливии

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena dietro le democrazie:

power to the_people

flag UK   The road to democracy

flag France   La route vers la démocratie

flag Netherlands   De weg naar democratie

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Iraq:

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Iraq Memorial

Iraq Memorial



courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Afganistan:

Petrolio e 11 settembre

Petrolio e 11 settembre


courtfool.info favicon I retroscena delle accuse all'Iran:

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

courtfool.info yellow key Cancellare Israele dalla carta geografica?


courtfool.info favicon Addio alla sviluppo!

Energia mondiale e popolazione
Le prospettive fino al 2100

Energia mondiale e popolazione

Crisi energetica:
Una svolta per l'umanità


courtfool.info favicon I fatti e le menzogne su il clima:

The clockwork of the Earth and Sun

flag UK   The clockwork of the Earth and Sun

flag France   L'horloge de la terre et du soleil

The activity of the Sun

flag UK   The activity of the Sun

flag France   L'activité du soleil

CO2: scare, claims and fraud...

flag UK   CO2 scare, claims and fraud...

flag France   CO2, panique, affirmations et fraude...


courtfool-favicon Uncover secrets:

Sleepwalking

flag UK   Wake up citizens?

flag Bulgaria   Пробудете се, граждани?

flag France   Réveiller les citoyens?

flag Netherlands   Burgers wakker schudden?

flag Russia   Пробудим ли граждан?

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Chicken_parliament


flag UK   The chicken-parliament

flag Bulgaria   Кокошият парламент

flag France   Le parlement des poules

flag Netherlands   Het kippenparlement

flag Russia   Петушиный парламент

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon Umore:

Protesta a Draguignan
"Ci sono alternative al capitalismo"

courtfool.info yellow key Protesta a Draguignan

Cartoons

new cartoons Cartoons


courtfool-favicon Offerta eccezionale:

Confused perspectives

Ivan Boyadjhiev, Confused Perspectives, 40 x 50 cm Ivan Boyadjhiev
Confused Perspectives
40 x 50 cm
Click here...



courtfool-favicon Treaties:


stroke Treaty establishing the European Union (EU)

stroke Treaty on the Functioning of the European Union (TFEU)

stroke Amendment article 136 TFEU

stroke First version of the Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)(not ratified)

stroke Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)

stroke Treaty on Stability, Coordination and Governance in the economic and monetary union (TSCG)

stroke Vienna Convention on the Law of Treaties 1969


courtfool.info favicon Chi hanno pubblicato gli articoli di Court Fool?
Più di 500 siti?

Publishers

StartPublishers



11 Septiembre 2001
24h Gold
321 Energy
Aardewerk.be
Academie-Gaullisme
Ad Broere
Advivo.com.br
Afghan.nl
Aftershock News (ru)
Albe.ru
Aldeilis
Alexander's Gas and Oil
Alex Constantine's 9/11 Truthmove
Alfa Kappa
Aljazeera Com
Aljazeera Info
Altea te quiero verde
Alter du Lot
Alter Info
Altra Informazione
American Chronicle
American Iranian Friendship Committee
Amsterdam Post
Anarchiel
Andalous.ma
Anonymous France
Anovis Anophelis
Antifascist Encyclopedia
Apocalypse Total
Apokalyps Nu
Apollo Solaris
Aquarius Age
Argusoog
Arianna Editrice.it
ArmonyaX
Articles du jour
Artikel 7 Nu
At-Park / АТ-парк
Atlas Vista Maroc
Au bout de la route
Avant de voter
Averdade vos libertara
Avicennesy
Avizora
A voz do povo
Baltimore Chronicle
Bankiv Tomske.ru
Banque publique .be
Beaujarret 50'z
Beez Libre Info
Before it is news
Belém Livre
Bernard Sady
Bezformata.ru
Biflatie.nl
Blogapares
Blog Chalouette
Blog Chatta.it
Blog économique et social
Blogg.org
Blog World-citizenship
Bobo in Paraguay
BOINNK!!!
BouBlog
Brasilianas.org
Brood en spelen
Bullion Management Group
Burbuja.info
Business-Gazeta.ru /
БИЗНЕС Online
Cafe 415
Candombeando
Cantv
Carla Noirci's Log
CASMII
Caveat emptor
CawAilleurs
CDU Arouca
Cenex.com.ua
CGT Santé 46
Chatta it
Chipstone
Chris Roubis
Chiado Editora
Club Invest
Cogito ergo sum
Collectif de Remises En Causes de Besançon
Come Don Chisciotte
Comité Valmy
Conscience Citoyenne Responsable
Contre-Info
Correio Progressista
Corriera della Notte
Cosenostrea casanostra
Counter Currents
Crash Debug fr
Crise Systémique Globale
Critical Trend (bg)
Criticamente
Cross-Cultural Understanding
Dagboek van een belegger
Daily Motion
Daily Times
Dandelion Salad
Dazibaoueb
Déborah 33 Epée
De Echte Denker
De Kelderlander
De Lange Mars
Démocratie réelle Nimes
De Waarheid Nu
Démocratie capitaliste
Démocratie Réelle à Nimes maintenant
Démocratie royale
Democratische Partij v Solidariteit
Denissto.eu
De Reaguurder
De Vrije Chroniqueurs
Dialogue & Démocratie Française
Diário Liberdade
Diatala.org
Digitale Stad Eindhoven
Dimensional Bliss
Dire Giovani
Dissident News
Dit kan niet waar zijn.eu
Diário de Notícias - Cartaz
Djamazz Centerblog
Docplayer.ru
Dolezite.sk
ДОТУ.org.ua / Dotu.org.ua
Double Standards
Dove sono le ragazze
Doy Cinco
Dreamdash
Dutch Amazing Nieuws
Dwarslezing
E.J. Bron
Earth Matters
Económico Fórum pt
Economics Kiev /
Мировая и рыночная
экономика
Статьи и книги

EC-planet
Eco-Humanisme Radical.org
Edelmetaal.Info
Educate Yourself
E-Foro Bolivia
Égalité & Réconciliation
Eindtijd in beeld
Élections Algérie
EliteTrader.ru / Элитный Трейдер
El Libre Pensador
Elkhadra
Eltimir / Елтимир
End the ECB
End US Militarism
天涯社区 /
(End of the world community)

Enrico Sabatino
Entrelector
Es.Sott.net
Etienne Chouard
EU Alert
Europe 2020
Europlouf
Eurostaete eu
Eva Anárion
Evolution de notre civilisation
Facebook
Fai te
FCCI
FDESOUCHE
Ferra Mula
Filosofia e Tecnologia
Fimdostempos.net
Finanza.com Blog
Finanza Online
Focus στην Οικονομία
Folha diferenciada
Forexaw
Fortune F. Desouche
Forum démocratique
Forum des Alternatives.org
Forum.for-ua.com
Forum Mondiale della Alternative
Four Winds
Francisco Trindade
François de Siebenthal
Free Minds
Freedom Bytes
French News Online
French Revolution
Fronte di Liberazione dai banchieri
FTU.su
Fugada YouTube Forum
Future Fast Forward
Gabriele van Doorn
Geen Flauwekul
Generaal Pardon
Geografia e Luta - Prof. Mazucheli
Geopolitica blog
George Orwell Werkgroep
Gest Credit
Gianfranco Vizzotto
Gino Salvi
Global Echo
Global Economic Intersection
Global Faultlines
Global Order
Global Research
Global Systemic Crisis
Golden Heart
Gorod.Tomsk.ru
Город.Томск
Goto 2012
Goudstaven-goudstukken
草根金融服务社 /
(Grassroots Financial Service)

Grioo
Guerre Libre Info.org
Henry Makow
Het echte nieuws.be
Het uur van de waarheid
Hidden Mysteries
Ho visto cose che voi umani
Holland 4 MPE
Ho visto cose che voi umani
Hubbert Peak
Huffington Post
Iceberg Finanza
Il nodo gordiano
Imperiya / Империя
Indebitati
Indymedia
Indymedia Portland
Info Guerilla
Infomare Per Resistere
Information Clearing House
Informazione in Rete
Infos différentes
Infowars Ireland
Institute of Evolutionary Economics
Instituto Reage Brasil
Intellezione
Intermarket & more
International Business Times
InvestGraf
Investors Hub
Iran Blog
Iran Daily
Iran File
IRIB Iran French Radio
Irish Public
Irish Timez
Irissan
Islam City
Isxys / ΙΣΧΥΣ
Ivan Mutov
Jean Marie Lebraud
Joomla
Joop.nl
Jornal Fraternizar
Jornalggn.com.br
Jose Joa Net
Josè Maria Salvador
Journal la Mée
Journal Milénio
Journaux de Guerre
Kanie Tistory
Klein Paradijs
Klepsudra
Kollinos
Komitet / Комитет
Kostarof
L'éveil 2012
L'Observatoire de l'Immo
La banlieu s'exprime
Lanet Kiev
Las razones de Aristófanes
LeaksFree.com
Le Banquier Garou
Le Blog d'Eva
Le Blog de Nicole
Legion 5-9
Legio Victrix
Le Lot en Action
Le Metropole Cafe
Le Monde du Sud
Le Partisan de Gauche
Le Post
Les Indignés
Les moutons enragés
Leugens
Lettre d'Informations Stratégiques Internationales
Liberamenteservo.it
Libertatum
L.I.E.S.I.
Lit Corner
L'Olandese volante
Luminária
Macua Blogs Moçambique
Magok Vagyunk
Manifeste pour un débat sur le libre échange
Mapeni School
Marianne2
Marista Urru
Market Oracle cn
Market Oracle co.uk
MasterNewMedia
Mathaba News
Maurício Porto
Max 1967
Maxi News
MBM Hautetfort
Mecano Blog
Melochi
Mens en Politiek
Mercato Libero News
Metropolis
Mga Diskurso ni Doy
Michel Collon Info
Middle East Online
Mondialisation Ca
Money Files
Mouvement Politique d'Éducation Populaire
Na Sombra.org
Nato nella tana
Natural Money
Nervyoko-bis
Newropeans Magazine
News Follow Up
Newzz in Ukrain
Niburu
Nieuw-Nederland
Nieuws-Flash
Norma Tarozzi
Nota.to-p.net / НОТАРИАТ
Notizie Libere
Notizie Silcea
Nous les dieux
Novusordoseclorum
NucNews
Nya Politiken
Ocastendo Blogs
Occupy Amsterdam
Occupy Network tv
Oil Crisis
Olo's Ramblings
Oko-planet.su / Око Планеты
Onderzoek 9/11
One Base.com
Ons geld
Ontdek Islam
Openbare Bank be
Os Bárbaros
Osservatorio Sovranità Nazionale
Osvaldo Bertolino
Our World / НАШ МИР
Oxygene.re
Pakistan News Service
Palestine - Solidarité
Panier de Crabes
Paper Blog fr
Paperless Korea
Paraguay Tistory
Partage dialoguer avec jean loup
Parti de Gauche 34
Partido Comunista Brasileiro
Patrice Mars
PCF Bassin
PCF Cap Corse
Peace by Truth
Peak Oil .pl
Pensare Liberi News
Pensioenblog
Perunica
Peter Pan's Paradijs
Philippe Vedovati
Pintxo
Planeta Caos
Planete Non Violence
Plein Overheid
Politics & Current Affairs
Portal Luis Nassif
Portland Independent Media Center
Post Jorion
Post Switch
Pragmatic Economist
Pravda / Правда
Primavera do 11
Project for the Old American Century
Prova Final
Puszta Igazság
Quo Fata Ferunt
Raise the Hammer
Ravage Digitaal
Rayven
Real Infos
Real Wealth Society
Recuperare Credit
Relapsing Fever
Resistance
ReRuBabs
Réseau International
Resistance 71
Résistance FR
Resistenze.org
Resistir Info
Resurs.by
Revolta Total Global
Robin Good
Rodon
Rol Club
Rue 89
Rus Nevod
Sahar TV Iran
Saura Plesio
Schoonoord Web
Seigneuriage Blogspot
Sempre Vigili!
Shem.se
Siddharth Varadarajan
Signoraggio.it
Silver and Gold Shop
Silver Bear Cafe
Sociale Databank Nederland
Sociale Driegeleding
Sociologias
SOS-crise
Sott.net
Soutenir l'Afghanistan
Spartacus.info
Spazio Forum
Spiegelbeeld
Spraakloos
Sprookje Nieuws
Stampa Libera
Star People
Stienster Blogspot
Studien von Zeitfragen
Stop de bankiers
Storyo.ru / Страницы истории
Suciologicus
Sustainocratie
Svobodnoslovo / Свободно слово
Tegen Onzin
Textos A Voz do Povo.pt
The Movement
The People's Forum
The Pragmatic Economist
The Voice of Wakker Holland
The Wild, Wild Left
Tijdgeest Magazine
Time For Change
Timotv
Toine van Bergen
TomskNet.ru / Город.Томск
To-p.biz
Top-débats.info
Tora Yeshua / תורה־ ישוע
Trademan.org
Transatlantic Information
Exchange System
Transition Town Breda
Transcom Se
Triplo II
Truth Spring
Truth Move 9/11
Tunisia Today
Uitpers
UKIP Hillingdon
Um Novo Despertar
Uruknet Info
Vemiplast
Verborgen Nieuws
Vermelho.org.br
Verontruste Moeders
Veterans for America
Video data bg
Viewzone Magazine
Vilag Helyzete Blogspot
Vilistia
Visionair.nl
Vision Démocrate.net
V-Kontakte.ru / Вконтакте
Voix dissonnantes
Volya.ariy.org
Voprosik / Вопросик
Voy Com
Vrijspreker
Vues du monde
Vyacheslav Burunov
ВячеславБурунов
Wake Up From Your Slumber
Wakkere Mensen
Wall Street Pit
Want to know .nl
War and Peace / война и мир
Waterput klassiek
We Are Change Holland
We Are Change Rennes
Welcome Back UZ
Werkgroep George Orwell
What really happened
Wij worden wakker
Wiki Strike
Wisdia Encyclopedia
Worldissue Blog bg
World Prout Assembly
Wroom.ru
YouTube
Yursodeistivie / Юрсодействие
ZakonVremeni.ru
ЗаконВремени
Zebuzzeo
Zé Povinho no século XXI
Znanie-Vlast.ru
БезФормата.ru

Since 2006 the sites here above have published one or more of the court fool's articles. Some seem to be out of reach today, either because these websites or pages do not exist anymore, or because of other causes. To compliment them, I have chosen to keep them in the list.
Rudo de Ruijter

courtfool-faviconSpecial thanks to:

Christine, Corinne, Francisco, Evelyne, Françoise, Gaël, Peter, Ingrid, Ivan, Krister, Jorge, Marie Carmen, Ruurd, Sabine, Lisa, Sarah, Valérie & Anonymous...

courtfool-favicon Ringraziamenti per le traduzioni:

StartTranslators

Alter Info
Carlo Pappalardo
Come Don Chisciotte
Ermanno di Miceli
Ivan Boyadjhiev
Jorge G-F
Lisa Youlountas
Jose Joaquin
Manuel Valente Lopes
Marcella Barbarino
Marie Carmen
Mary Beaudoin
Michel Ickx
Михаил
Natalia Lavale
Nicoletta Forcheri
Peter George
Resistir Info
Traducteur sans frontière
Valérie Courteau

StartJoinTranslators
Decrease text size
Increase text size

 

Segreti di denaro, interesse e inflazione

di Rudo de Ruijter,
Ricercatore indipendente,
Paesi Bassi

Il denaro svolge un ruolo importante nella nostra vita. E anche nella società praticamente tutto è definito in termini di denaro. È strano che solo pochi conoscano i trucchi da prestigiatore grazie ai quali i soldi appaiono e scompaiono. Ognuno di noi si rende conto che valgono sempre meno, ma pochi sanno che la responsabilità maggiore ricade sul sistema monetario stesso, cui devono essere imputati anche l'eterna corsa alla crescita economica e la sempre maggiore pressione lavorativa nei paesi industrializzati. Il denaro può anche essere usato per opprimere, ad esempio nei paesi in via di sviluppo, o per giustificare nuove guerre, come quella in Iraq. Volete gettare un rapido sguardo dietro le quinte? Benvenuti allo spettacolo dei giocolieri di soldi!


Content:

  1. Creare moneta
  2. Inflazione permanente
  3. Le banche centrali hanno bisogno dell'inflazione
  4. I capricci della massa monetaria
  5. La guerra contro l'Iraq
  6. L'oppressione del Terzo mondo
  7. L'arma cinese
  8. Inflazione e crescita economica
  9. Ancora crescita o società sostenibile?


1. Creare moneta

Scambiare, un bisogno primario

Ognuno ha bisogno di prodotti e servizi posseduti dai suoi simili, e per ottenerli usa il denaro. Naturalmente sarebbe bello se si trattasse di un onesto strumento di scambio. Ma non è così. I soldi perdono continuamente valore.

Il denaro non appartiene allo Stato

Molti pensano che il denaro venga creato dallo Stato, ma in realtà la maggior parte dei governi ha poco o nessun margine di manovra sulla massa monetaria del proprio paese. I banchieri si sono impadroniti di questa prerogativa, e hanno trasformato un semplice mezzo di scambio in un lucrativo modo per tassare la popolazione raccogliendo interessi. I banchieri raccolgono continuamente interessi su praticamente tutto il denaro che circola nel mondo.

Il denaro viene creato dalle banche commerciali

I banchieri ora hanno, a livello mondiale, un sistema monetario che si basa sul creare denaro partendo dal nulla. Più o meno tutti i soldi nei conti bancari consistono di aria fritta. C’è solo una piccolissima parte di soldi veri in circolazione. Come è possibile ciò?

La banca è contabile

Ogni volta che un banchiere dà un prestito egli non elargisce denaro, ma solo un saldo positivo. Il prestito non consiste d’altro che numeri in un libro contabile. Supponiamo che si voglia un prestito dalla tua banca, “la Banca Al Verde’’.  Da una parte del libro contabile il banchiere scrive che devi 250.000 euro e dall’altra parte che lui deve a te 250.000 euro. Vedi arrivare la cifra sul conto. Puoi spenderla. Vuoi comprare una piccola casa? Ok, compra una piccola casa.

Supponiamo che tu faccia un assegno al venditore della casa. Egli porterà l’assegno alla sua banca, la ‘’Banca dello Scudo Rosso’’. Ora questa banca vuole cambiare l’assegno alla tua banca, che è come dire, prendere soldi reali. Lo ‘’Scudo Rosso’’ sa che il suo collega ha manipolato i conti e non si accontenta dell’”aria fritta”.

Così ora la banca ”Al Verde” dovrà presentarsi con denaro vero. Tuttavia, in realtà, il più delle volte ciò non è necessario, poiché lo ‘’Scudo Rosso’’ dà continuamente prestiti. Una parte di tale prestiti saranno spesi dai clienti di “Al Verde”’. Così ciò che accade è che “Scudo Rosso” cambia la sua richiesta di 250.000 euro alla banca ”Al Verde” con la richiesta di 250.000 euro di ”Al Verde” a “Scudo Rosso”.

exchanging

Pagamenti interbancari

Tutti i pagamenti sono effettuati allo stesso modo. Quando uno deve pagare un cliente di un’altra banca, è la sua banca che pagherà per lui all’altra banca. Ma lo stesso giorno ci saranno anche pagamenti fatti dai clienti di altre banche a clienti della sua stessa banca. Tutti questi pagamenti interbancari sono semplicemente cancellati l’un l’altro.

Quello che alla fine le banche si pagano tra loro sono le piccole differenze tra i pagamenti in entrata e in uscita. Per facilitare questi pagamenti tutte le banche hanno un conto alla banca centrale. Le somme in queste conti sono considerati i veri soldi. (Se desiderano, le banche possono richiedere l’intera somma in banconote, e la banca centrale le può stampare per loro) 

Alla banca centrale la regola è che le banche devono avere un bilancio positivo a fine giornata. Quando un banchiere è a corto di denaro perché ha ricevuto un po’ meno di quanto ha sborsato, egli dovrà prendere in prestito i soldi per la notte dai suoi colleghi, che hanno invece ricevuto un po’ di più di quanto hanno sborsato. E quando i colleghi non hanno fiducia tra loro, come durante la crisi creditizia del 2008 e di nuovo adesso fino a pochi mesi fa, il banchiere può prendere in prestito dalla Banca Centrale per un quarto dell’1% in più (Cioè lo 0.25%).>

Il girotondo dei prestiti

 I prestiti hanno un effetto nascosto. Quando colui che ha ricevuto il finanziamento spende i soldi, chi li riceve in pagamento li deposita nella sua banca che, proprio grazie a questo deposito, può effettuare nuovi prestiti. Anche i soldi di questi nuovi finanziamenti verranno spesi e diventeranno depositi in altre banche. E così via. Naturalmente, a ogni passaggio la banca incassa interessi. È un enorme girotondo che crea denaro e gonfia la massa monetaria totale del paese.

Se nel paese esistesse un solo istituto bancario, salterebbe subito agli occhi che sta creando sempre nuova moneta, concedendo finanziamenti, recuperando sotto forma di deposito il denaro prestato, concedendo nuovi finanziamenti, recuperando di nuovo il denaro, e così via.

L'effetto di questo girotondo è che l'assieme del mondo bancario concede sempre nuovi finanziamenti e raccoglie sempre più interessi, gonfiando varie volte la massa monetaria. Ma tutto questo rende noi o i banchieri più ricchi?

Le banche creano nuova moneta, ma non possono magicamente creare nuovi beni da comprare. Se la gente dispone di più soldi ma la quantità di beni da comprare resta invariata, tutto quel che succede è che i prezzi salgono. Il valore facciale del denaro diminuisce. È quella che si chiama inflazione.

Allora, quando le banche mettono in circolazione nuovo denaro, il valore dell'unità monetaria diminuisce. E questo vale anche per gl'interessi che raccolgono. Se concedono 10 volte più finanziamenti e gonfiano di 10 volte la massa monetaria, gl'interessi che raccolgono valgono 10 volte meno.

La concorrenza garantisce l'inflazione

Nella maggior parte dei paesi esiste una sola valuta ufficiale ma parecchie banche commerciali che la distribuiscono, e che continuano a gonfiare la massa monetaria anche se non diventano molto più ricche per questo. La sola spiegazione per un tale comportamento è la concorrenza all'interno del mondo bancario. Anche se parlare di concorrenza suona bene quando ci riferiamo a normali aziende, la concorrenza tra le banche significa prestare quanto più denaro possibile, e quindi massimizzare l'inflazione.

Per una banca, la concorrenza è una battaglia per raccogliere più interessi e per aumentare la propria quota di mercato e di benefici. La banca con i migliori risultati crescerà più rapidamente delle altre e, nel tempo, potrà assorbire i propri concorrenti.

Il divario tra ricchi e poveri

Non tutti possono ottenere in prestito il denaro che vorrebbero. Quando si chiede un finanziamento, le banche esigono garanzie su cui mettere le mani se chi riceve il credito viene meno ai pagamenti. Il tasso d'interesse applicato alle grandi aziende è sempre leggermente più basso. La richiesta di garanzie a copertura serve ad allargare continuamente il divario tra ricchi e poveri.

Per la società si tratta di un pericolo incombente e continuo. Poiché le condizioni di finanziamento vengono decise dalle banche e non dai governi, questi ultimi possono solo tentare di nascondere i disastri sociali, ma non sono in grado di debellarli o di prevenirli.

Crediti all'investimento e al consumo

Un effetto dei finanziamenti, fin troppo noto a chi li riceve, è che il capitale ottenuto dev'essere rimborsato con gl'interessi. Per poterlo fare, l'imprenditore che prende in prestito una certa somma dovrà ottenere benefici supplementari. I prestiti agl'investimenti non sono solo un flusso di cassa per i banchieri, ma possono anche contribuire a ulteriori attività economiche. Mettere a disposizione denaro per gl'investimenti potrebbe essere un ruolo delle banche utile alla società.

Al contrario, i prestiti ai consumatori di solito non servono ad aumentare i consumi. È vero che, grazie al credito ottenuto, un bene può essere acquistato prima, ma il vantaggio è controbilanciato da un lungo periodo di ridotta capacità di acquisto del consumatore: questi dovrà risparmiare per rimborsare non solo il bene comprato ma anche gl'interessi, e di conseguenza col suo stipendio potrà acquistare meno beni di consumo. Quando il consumatore paga alla banca gl'interessi, solo una parte dei suoi soldi servirà per pagare gli stipendi degl'impiegati della banca stessa e solo una parte di questi stipendi verrà spesa in beni di consumo. Il credito al consumo tende quindi piuttosto a ridurre il totale di beni di consumo acquistati. 

Dove va il denaro?

Quando chi ha ottenuto un finanziamento spende il denaro ricevuto, diventa molto difficile prevedere come verrà usato da quelli nelle cui mani finirà in seguito. Uno potrà riceverne una parte vendendogli un'auto, e usare poi la somma ricavata per pagare gli stipendi ai propri dipendenti, che a loro volta potranno così pagare l'affitto. In effetti, quando fa il suo ingresso nel grande circo delle transazioni interpersonali, il denaro può servire per tutti gli usi per i quali è stato pensato.

Nel periodo in cui il credito resta in corso, i soldi vengono trasferiti da una banca all'altra ogni volta che i titolari di un conto effettuano pagamenti ai titolari di un altro conto in una banca diversa. La Banca centrale gestisce un apposito conto per ogni banca e si occupa dei trasferimenti.

A volte è più pratico usare banconote e monete. In banca o da un distributore automatico è possibile prelevare dal proprio conto contanti; una volta spesi, chi li ha ricevuti andrà alla propria banca, effettuerà un deposito, e vedrà apparire la somma sul proprio estratto conto. Il denaro può presentarsi come contante o come numeri in un conto bancario, ma ai fini del pagamento la cosa non fa differenza.

Dove finisce il denaro?

Il denaro finisce quando chi ha ottenuto il prestito rimborsa il capitale alla banca. In quel momento la banca trasferisce i soldi dal conto di deposito al conto di credito del prestatario. Il conto di credito mostrerà che il debito del titolare è stato annullato. Il denaro inizia ad esistere quanto sul conto di chi ha ricevuto il prestito vengono scritte delle cifre e svanisce quando le cifre vengono eliminate.

Chi ottiene un finanziamento deve restituire alla banca anche gl'interessi, che non fanno parte della somma monetaria creata dall'istituto di credito per il debitore, che deve lavorare e ottenere la cifra necessaria a pagarli raccogliendo altra moneta in circolazione (per definizione quest'ultima forma parte del totale dei prestiti in essere nel paese in quel momento).

Il ciclo di vita del denaro termina dunque quando finisce il prestito. E se tutti i prestiti venissero rimborsati non resterebbe più moneta. Ma per il momento c'è un oceano di denaro, e su questo oceano le banche raccolgono interessi.

Banchieri contro non-banchieri

Nella società il denaro circola in due direzioni: viene verso di voi quando producete o fate cose che gli altri vogliono, si allontana da voi quando comprate cose o fate lavorare gli altri per voi. E a volte potete risparmiare soldi da usare più tardi.

Nel caso dei banchieri la situazione è differente: i banchieri si limitano semplicemente a togliere in continuazione soldi a qualcuno e a spenderli, partendo dal principio che il denaro è loro, dato che sono loro ad averlo creato, e che hanno quindi tutto il diritto di raccoglierne i frutti. In effetti, in alcuni paesi questo gettito viene chiamato "rendita" (in italiano “interesse”.) E anche se tutti usano il denaro, le banche prelevano l'interesse sempre dal primo utilizzatore, colui che lo ha ricevuto in prestito. Tra poco vedremo come le banche riescono a far pagare anche gli altri utilizzatori.

Le banche non possono essere considerate delle normali aziende commerciali, visto che si sono autoproclamate proprietarie di tutto il denaro in circolazione e che la popolazione deve pagare per ottenerlo.

Time-out

Quasi tutto il denaro ha un'esistenza temporanea. Per mantenerlo in circolazione, i prestiti estinti devono essere rimpiazzati da nuovi finanziamenti. I crediti vengono accesi in momenti differenti e hanno durate differenti. Spesso chi li riceve ne rimborsa ogni mese una parte. E questo significa che ogni somma in circolazione ha un suo proprio "time-out", che corrisponde al previsto momento in cui il debitore deve rimborsarlo.

L'ammontare totale del denaro in circolazione determina la quantità di soldi di cui disponiamo per le nostre transazioni e, in ultima analisi, determina il livello globale dei prezzi dei prodotti e dei servizi.

Transazioni

Lungo tutto l'arco della sua esistenza, il denaro è uno strumento per le transazioni. Una transazione ha luogo quando due parti lo ritengono opportuno. "A" ritiene più interessanti i soldi ricevuti e "B" ritiene invece più interessante l'auto d'occasione che ha comprato. Ha avuto luogo uno scambio: ora "A" ha i soldi e "B" l'automobile, e tutti e due sono soddisfatti. 

Le transazioni possono includere un esborso per il valore aggiunto. Quando un panettiere prepara il pane aggiunge il suo lavoro alla farina, al latte e al lievito: il lavoro svolto costituisce il valore aggiunto. E quando lo vende la transazione non è solo uno scambio di proprietà ma è anche un pagamento del valore aggiunto.

Per definizione, il totale delle transazioni di un paese non fornisce indicazioni sul valore aggiunto o sul valore di beni e servizi prodotti nel paese stesso.

 

2. Inflazione permanente

US interest and inflation 1940-1999
grande immagine

L'inflazione fa perdere valore al denaro che possediamo, che può fluttuare moltissimo nel tempo. Molte teorie economiche cercano di spiegarne le cause, ma in effetti spiegano piuttosto l'aumento e la riduzione dei prezzi di beni e servizi, non le cause dell'inflazione permanente, che sono tutt'altre. Tra poco daremo uno sguardo ai vari tipi d'inflazione, ma per cominciare dobbiamo eliminare ogni confusione tra Indice dei prezzi al consumo e inflazione dei prezzi.

Indice dei prezzi al consumo e inflazione dei prezzi

L'inflazione dei prezzi provoca scontento tra la gente. Ecco perché molti paesi usano un Indice dei prezzi al consumo che fornisce cifre molto più rassicuranti [1], [2], [3]. Quindi, quando i politici o i funzionari parlano di "inflazione" di solito stanno piuttosto facendo riferimento all'Indice dei prezzi al consumo.

L'indice si basa un confronto annuale dei prezzi di un paniere di prodotti di cui una famiglia "media" ha bisogno. La composizione del paniere varia da un paese all'altro, così come varia il sistema usato per calcolare l'indice: un paese può includervi le spese per l'alimentazione, il riscaldamento e la casa, mentre un altro può non tener conto di queste uscite [4], [5]. Qualche paese indica le categorie di prodotti inserite nel paniere [6], ma i singoli prodotti restano di solito segreti. Alcuni istituti statistici spiegano comunque i trucchi usati per ottenere indici rassicuranti. Ad esempio, cambiano periodicamente il contenuto del paniere, oppure sostituiscono con prodotti più economici quelli il cui prezzo è sensibilmente aumentato, o ancora considerano il miglioramento della qualità di un prodotto come una riduzione del prezzo, che invece è rimasto invariato. Con questo sistema, il Centraal Bureau voor de Statistiek olandese ha registrato una riduzione del 64% tra il 1998 e il 2003 per il computer inserito nel suo paniere! E così l'indice scende [7].

La composizione del paniere viene quindi modificata periodicamente, e la giustificazione è che "quando i prezzi salgono, anche le famiglie cambiano le abitudini di acquisto". Come influisce questa politica sull'indice? Visto che la famiglia così definita non può spendere più di quel che guadagna, l'aumento dei prezzi del paniere usato per calcolare l'indice di prezzi al consumo è automaticamente limitato dall'aumento delle entrate: la famiglia non può spendere di più.

Se non diversamente indicato, in questo articolo "inflazione dei prezzi" indica l'aumento reale dei prezzi di tutte le transazioni, e non un qualsivoglia indice dei prezzi al consumo, e "inflazione" significa in primo luogo aumento della massa monetaria. Ma ne riparleremo tra qualche istante.

Teoria dell'inflazione da spinta dei costi

Secondo questa teoria, l'inflazione dei prezzi è dovuta all'aumento dei costi (ad esempio salari più elevati, aumento del prezzo delle materie prime importate o aumento delle imposte sui consumi) [8].

Teoria dell'inflazione indotta da domanda

Secondo questa teoria, l'inflazione dei prezzi si manifesta quando la domanda eccede l'offerta [9]. La maggiore domanda può essere dovuta alle attività di esportazione, alla riduzione delle imposte o alla crescita della massa monetaria. Le fluttuazioni della domanda possono avere luogo anche quando per un certo periodo aumenta la propensione al risparmio dei consumatori, che poi ricominciano a spendere.

Attese che si autorealizzano

Anche le attese influiscono sull'inflazione dei prezzi. Produttori e rivenditori di solito hanno un listino prezzi valido per sei mesi, o al massimo un anno, nel quale includono una percentuale per tener conto dell'inflazione prevista. In tal modo il prezzo aumenta immediatamente, e contribuisce così all'inflazione reale. Lo stesso succede con i banchieri: quando concedono un prestito tengono conto del fatto che l'interesse che ricaveranno sarà ridotto nel tempo dall'inflazione, e calcolano quindi un margine di guadagno supplementare. Il costo supplementare dell'interesse contribuisce all'inflazione reale.

Incremento della massa monetaria

Se l'inflazione indotta da domanda e quella da spinta dei costi non provocassero una espansione della massa monetaria, alcuni prezzi aumenterebbero e altri diminuirebbero. In realtà noi vediamo piuttosto alcuni prezzi aumentare più rapidamente di altri, ma raramente diminuire; e questo perché col passare del tempo la massa monetaria aumenta per la sempre maggiore quantità di prestiti in essere. È quella che si chiama inflazione monetaria.

Inflazione monetaria

Naturalmente l'inflazione monetaria influisce sui prezzi delle transazioni, mai però in modo uniforme. In pratica, quando diventa disponibile una maggiore quantità di denaro, la moneta supplementare crea spazio per un aumento dei prezzi ad ogni successiva transazione. Possiamo presumere che la moneta supplementare provochi un aumento supplementare dei prezzi laddove altri fattori inflazionari, ad esempio una domanda elevata, sono all'opera. 

L'inflazione monetaria è responsabile dei permanenti aumenti complessivi dei prezzi di cui ci rendiamo a lungo andare conto. È la sola inflazione che dura anni e decenni.

L'inflazione si riferisce in primo luogo al lievitare della massa monetaria, che porta a un aumento dei prezzi medi. Oggi usiamo il termine "inflazione" anche per indicare l'aumento dei prezzi, ma è possibile che, in presenza di una crescita della massa monetaria e di una contemporanea crescita della produttività, i prezzi medi non crescano, o crescano meno rapidamente. La moneta disponibile si diluisce su un maggior numero di prodotti e servizi, e questo aiuta a tenere bassi i prezzi.

 

3. Le banche centrali hanno bisogno dell'inflazione\

Potrebbe sembrare piuttosto naturale che l'inflazione alimenti se stessa. Quando nel corso della durata di un prestito i prezzi crescono, i nuovi prestiti devono finanziare beni più costosi, e quindi devono essere più elevati. In qualsiasi momento la causa dell'inflazione dovrebbe essere l'inflazione stessa. Tuttavia alla base dell'inflazione non c'è una forma di "perpetuum mobile", ma una politica chiara e dichiarata delle banche centrali [10], [11]. L'inflazione è una componente del nostro sistema bancario.

Come già detto prima, la concorrenza tra le banche commerciali garantisce loro la sicurezza di erogare il più alto numero possibile di finanziamenti. Per aumentare o ridurre l'inflazione, la banca centrale ha quindi solo bisogno di allentare o stringere il flusso di prestiti.

Il metodo più usato dalle banche centrali per manovrare l'inflazione è la variazione del tasso d'interesse, pensato per influenzare i potenziali beneficiari dei finanziamento. Come spiega De Nederlandsche Bank N.V. (la banca centrale olandese): "L'interesse lavora da acceleratore e da freno dell'economia. Aumentando il tasso d'interesse i prezzi diminuiscono, o quantomeno crescono più lentamente, diminuendolo i prezzi aumentano più rapidamente" [12].

Una possibile spiegazione è che quando i tassi d'interesse aumentano la gente sollecita meno prestiti. E quando un numero minore di prestiti viene a termine ed è sostituito da nuovi finanziamenti, c'è meno moneta nel paese. Nel tempo, la stessa quantità di denaro permetterà di comprare di più. I prezzi scenderanno. Ma attenzione all'inciso della Banca centrale olandese "o quantomeno crescono più lentamente". La banca centrale non ha nessuna intenzione di veder scendere i prezzi; almeno in apparenza, in questo caso viene ancora permesso alla massa monetaria di crescere, solo un poco più lentamente.

Quando la banca centrale riduce i tassi d'interesse, lo fa per una ragione ben chiara: far erogare più finanziamenti, e quindi far crescere più rapidamente la massa monetaria. Naturalmente i tassi d'interesse influenzano anche i risparmi. Quando gl'interessi sui risparmi scendono, cresce il numero di persone che preferiscono spendere i propri soldi.


Le banche centrali non possono manovrare l'inflazione dei prezzi di prodotti specifici (ad esempio pane, biciclette o automobili), ma piuttosto l'inflazione monetaria, l'aumento cioè del volume globale di prestiti. Il denaro supplementare non si ripartisce in modo uniforme sull'economia, aumenta piuttosto gli effetti di altri fattori, ad esempio facendo crescere i costi o la domanda.

Quando l'economia non è più in grado di assorbire l'inflazione e il denaro non si ripartisce più a sufficienza, nascono le bolle speculative. Masse sempre più grandi di denaro vagano, ad esempio, nei mercati azionari o immobiliari, dove si lucra forzando l'aumento dei prezzi. Anche le imprese cominciano ad essere comprate e vendute sempre più rapidamente, come se fossero giocattoli finanziari.

Anche se ammettono che l'inflazione fa parte delle loro politiche, le banche centrali la giustificano piuttosto con motivi economici, di solito apparentemente plausibili e accompagnati da dotti commenti di economisti e giornalisti. La maggior parte di costoro dimentica però che in primo luogo sono le stesse banche centrali ad aver bisogno dell'inflazione.

Inflazione: le banche centrali hanno bisogno di utili

Le banche centrali hanno ottenuto il potere di controllare il volume della massa monetaria, di fissare l'inflazione e gl'interessi, e di dettare le regole per le istituzioni finanziarie. E così possono influenzare l'economia. E hanno ottenuto leggi per gestire questo potere. Se le loro entrate dipendessero da altri, il potere potrebbe ben presto essere eroso. Ecco perché raccolgono direttamente i propri utili [14], [15].

Le banche centrali ottengono i propri utili grazie alle operazioni finanziarie. Una fonte di entrate estremamente lucrativa è prendere denaro quando l'interesse è basso e prestarlo quando è alto. Per quel che riguarda le operazioni monetarie il meccanismo funziona in questo modo. Quando l'interesse delle banche commerciali scende troppo (bassa domanda), la banca centrale riceve grandi volumi di soldi dalle banche, in modo che vi sia meno denaro in circolazione. Di conseguenza la domanda di prestiti aumenta di nuovo e l'interesse applicato dalle banche commerciali ricomincia a salire. Quando invece l'interesse delle banche commerciali sale troppo, la banca centrale trasferisce fondi alle banche, che possono così erogare più finanziamenti ai clienti e l'interesse scende nuovamente [16]. Quanto maggiore è la differenza tra interesse dell'erogazione e interesse dell'assunzione di denaro, tanto più elevati sono i benefici della banca centrale.

Per guadagnare con queste operazioni l'inflazione è indispensabile. Senza, i tassi d'interesse si manterrebbero piuttosto bassi [17] e ci sarebbe una differenza minima tra interessi elevati e interessi bassi. Con questo tipo di commercio, le banche centrali impinguano il loro stato patrimoniale: acquistano più valori (erogano più moneta) di quanto ne vendano.

Molte banche centrali affermano di voler mantenere l'inflazione attorno al 2%: intendono dire che vogliono un aumento del 2% dell'indice dei prezzi al consumo del loro paese [11], non dell'inflazione reale della massa monetaria, di solito molto più alta [3].

Inflazione: far pagare alla gente l'uso del denaro

Per le banche centrali l'inflazione non è solo necessaria per aumentare gli utili, è anche un mezzo per esercitare il potere su chi utilizza i soldi. A causa dell'inflazione monetaria i cittadini pagano, anche se contro la loro volontà, l'uso del denaro. Le banche raccolgono interessi dai debitori, e sembra che costoro siano gli unici a pagare per la moneta creata. Ma guardiamo meglio cosa succede in presenza d'inflazione. 

Grazie all'inflazione, chi ha ricevuto un prestito ha il vantaggio di veder diminuire nel tempo il valore dei suoi rimborsi alla banca, che si decompongono in interessi e restituzione del capitale. Gl'interessi rappresentano il guadagno della banca. Possiamo essere sicuri che la banca ha previsto l'inflazione e ha leggermente accresciuto in anticipo il tasso d'interesse. Quindi, per quel che riguarda gl'interessi, l'inflazione non rappresenta un vantaggio per il debitore. Per quel che riguarda il capitale, le cose stanno differentemente. La banca ha solo bisogno di recuperare il capitale nominale, dato che il rimborso serve solo a riazzerare le cifre registrate, che hanno dato inizio al prestito. La svalutazione della somma da restituire a titolo di capitale rappresenta quindi un vantaggio per il debitore.

Il vantaggio del debitore nei pagamenti per il rimborso del capitale dev'essere calcolato separatamente ad ogni versamento. E quando calcoliamo anche l'inflazione subita dai successivi utilizzatori del denaro creato da questo prestito, vediamo che i totali sono grosso modo gli stessi.

transazioni cumulate

grande immagine

In questo esempio, la linea rossa mostra l'ammontare totale delle transazioni eseguite con il denaro del prestito durante il ciclo di vita del capitale. La perdita di valore dovuta all'inflazione è ripartita nelle 60 transazioni. Se l'inflazione è al 2%, si tratta in media dello 0,167% per transazione. La perdita di valore per gli utilizzatori del denaro pareggia il vantaggio del debitore.

Per dirla in maniera più semplice: se il debitore deve pagare un interesse del 6% (sul capitale) e ricava dall'inflazione un vantaggio del 2% (sul capitale), il suo vantaggio reale è pari a 2/6 degl'interessi [18]. D'altra parte, i successivi utilizzatori del denaro subiscono una perdita di pari grandezza. La banca non ci rimette niente: ha previsto l'inflazione e ha leggermente accresciuto in anticipo il tasso d'interesse.

In altre parole, ecco cosa fa la politica inflazionista delle banche centrali: fa passare una parte degl'interessi dai debitori agli utilizzatori. E in questo modo gli utilizzatori pagano un interesse per il semplice fatto di usare il denaro!


La “massa monetaria” deve crescere

Il classico rischio per i banchieri è che i mutuatari non paghino i loro debiti o che li paghino solo in parte. E quando la garanzia è insufficiente, il banchiere avrà problemi con il suo libro contabile, e cioè avrà delle cifre che prima o poi dovrà registrare come perdite.

Per minimizzare il rischio di mancati pagamenti, le banche si preoccupano di mettere in circolazione sempre più prestiti. Questo perché quanti  più “soldi” sono messi in circolazione, tanto minore è il valore di ogni moneta. La cifra che il debitore deve restituire è fissa. E poiché questa cifra durante il prestito diventa di minor valore, egli potrà guadagnarla più facilmente. In tal modo il numero delle perdite nei pagamenti è considerevolmente ridotto.

Manipolare inflazione e interessi

Manipolare inflazione interessi
grande immagine

 Grazie al diritto di fissare l'inflazione e gl'interessi, le banche centrali detengono il potere. Ci possono far risparmiare di più, investire di più, consumare di più, speculare di più, e in ogni caso lavorare di più.

Come sopra spiegato, l'inflazione è l'interesse che chi usa il denaro deve pagare. L'inflazione spinge la gente a lavorare di più e a competere per accaparrarsi parte della moneta supplementare messa in circolazione per nascondere la perdita di valore del denaro nelle loro mani.

L'inflazione spinge inoltre la gente a non tenere i soldi in tasca o sotto il materasso, ma a spenderlo o a metterlo in banca per guadagnare un poco d'interesse. Buona parte del denaro resta così a disposizione delle banche.

Se l'interesse è elevato la gente risparmia di più, se invece è basso preferirà spendere, prendere in prestito o investire di più.

Quello che in un certo momento ci sembra una scelta interessante, dipende in buona parte da quello che la banca centrale vuole farci fare.

 

4. I capricci della massa monetaria

Come abbiamo già detto, la massa monetaria di cui dispone la società è l'ammontare totale dei prestiti in essere, e questo di per sé è molto strano. Quale può essere il rapporto tra prestiti in essere e necessità monetaria della società? Che cosa può avere a che fare la necessità dei debitori, e la loro capacità di rimborso, con la necessità monetaria del resto della società? Se domani comprate una casa, e con il finanziamento che vi è stato accordato create moneta per i prossimi venti anni, la cosa non ha niente a che fare con le necessità dell'economia tra dieci o quindi anni, oppure sì?

In effetti la società dispone di una massa monetaria aleatoria, creata dai prestiti erogati in passato e dalle quote che devono essere ancora rimborsate. Ogni giorno quote vengono rimborsate e nuovi prestiti vengono erogati. A causa delle dimensioni enormi della massa monetaria, è difficile che la gente si renda conto delle variazioni. In teoria, le banche centrali potrebbero centralizzare tutte le informazioni sui prestiti in essere e sanno esattamente quanto denaro prestato verrà restituito domani, in due o in dieci giorni; e con le operazioni monetarie potrebbero mantenere la stabilità della massa monetaria. Ma, come abbiamo detto sopra, non è questa la politica delle banche centrali, che si limitano a lasciarla crescere.

Secondo alcune teorie, senza inflazione l'economia non potrebbe essere manovrata. Uno degli argomenti principali è che quando la massa monetaria non aumenta non è possibile ridurre i salari se le difficoltà economiche lo richiedono: "Bisognerebbe ridurre gli stipendi pagati e i dipendenti non lo accetterebbero mai", e "se la massa monetaria aumenta, i tagli ai salari possono essere mascherati facendo in modo che i salari aumentino meno rapidamente dell'inflazione".  Coloro che la pensano in questo modo ritengono quindi che l'inflazione serva a raggirare la gente e sostengono che le cose non potrebbero andare diversamente. Ma il loro punto di vista suona falso. In effetti, con una massa monetaria stabile alcuni prezzi salirebbero mentre altri scenderebbero. La gente accetterebbe le variazioni salariali in modo completamente differente da oggi, quando oramai da decenni i prezzi non fanno che aumentare. Inoltre, con una massa monetaria stabile è sempre possibile mantenere stabili i salari pagati, anche nei periodi di difficoltà economica, se durante i periodi di prosperità economica vengono create entrate supplementari con la ripartizione degli utili e le riduzioni impositive.

Il sistema monetario attuale non prende come base una massa di denaro in grado di soddisfare i bisogni dell'economia. Si limita a fare in modo che le banche possano raccogliere interessi su tutto il denaro in circolazione, che la concorrenza del settore provochi la massima inflazione monetaria possibile, e che le banche centrali garantiscano il loro potere e i loro utili. Stimolare l'economia non significa altro che ridurre o aumentare leggermente interesse e inflazione. Per tutto il resto, l'economia se la deve vedere con il denaro che è disponibile in un certo momento.

 

5. La guerra contro l'Iraq

Il valore dei soldi è espresso in valuta, e ogni paese ha una sua valuta ufficiale. Negli USA è il dollaro americano, che circola molto anche all'estero. Dal 1973, la quantità di dollari al di fuori degli Stati Uniti è aumentata sempre più velocemente. La metà delle importazioni statunitensi sono espresse in dollari, e gli USA non danno niente in cambio. I dollari restano all'estero a tempo indefinito, e ogni minuto gli USA comprano 1,25 milioni di dollari in beni e servizi dagli altri paesi, che non ricevono niente in cambio: più semplicemente le cifre vengono aggiunte al debito estero, e il debito è diventato talmente enorme che gli USA non potrebbero comunque restituirlo. Il paese è dunque alla bancarotta. Uno dei principali motivi per cui il resto del mondo continua a volere i dollari, è che praticamente tutto il gas e petrolio dev'essere pagato in tale valuta. Gli USA hanno così anche il vantaggio di avere sempre libero accesso a queste riserve, dato che, per pagarle, possono creare tutta la cartamoneta che vogliono. Per sostenere la domanda mondiale della loro valuta e poter disporre liberamente delle riserve di gas e petrolio, gli USA cercano di fare in modo che i paesi dell'OPEC continuino a quotare il petrolio in dollari. Tuttavia il 6 novembre del 2000, l'Iraq, le cui riserve di petrolio sono le seconde al mondo per importanza, era passato all'euro [19]. Il dollaro aveva perso valore, e nel luglio 2002 la situazione era diventata molto seria, al punto che il FMI aveva segnalato il pericolo di un collasso della moneta [20]. Pochi giorni dopo, a Downing Street erano stati discussi i piani per un attacco, e un mese più tardi Cheney aveva annunciato di essere sicuro che l'Iraq disponesse di armi di distruzione di massa [22]. Con questo pretesto, il 19 marzo 2003, gli USA avevano invaso l'Iraq, e il 5 giugno 2003 avevano riportato il commercio del petrolio nell'area del dollaro [23]. Così adesso, almeno finanziariamente, gli USA dispongono di nuovo liberamente delle riserve di petrolio iracheno (e mentre da Bagdad i giornalisti raccontano la guerra, da Bassora il petrolio viene esportato in dollari). Dalla primavera del 2003 anche l'Iran è passato all'euro, e dall'8 giugno 2006 la Russia vende il suo gas e il suo petrolio in rubli. (Per maggiori dettagli e spiegazioni, vedi "Costi, misfatti e pericoli del dollaro" [24]. Nota: il conflitto tra USA e Iran è comunque più di una semplice battaglia monetaria. Dietro le scene c'è anche la formazione di un cartello per il mercato mondiale del combustibile nucleare. Per saperne di più, vedi "Attacco al mercato dei combustibili nucleari" [25])

 

6. L'oppressione del Terzo mondo

Le importazioni libere (1,25 milioni di dollari al minuto) sono vantaggiose solo se i dollari restano per sempre all'estero. Se gli altri paesi vogliono usarli per comprare beni e servizi dagli USA, allora non c'è più nessun vantaggio. Ma da oltre 30 anni gli Stati Uniti importano più di quanto esportino, e nessun altro padroneggia meglio di loro l'arte di mantenere i dollari fuori del paese.

Ad esempio, sin dagli anni '60 Banca mondiale e FMI concedono ai paesi del terzo mondo prestiti in dollari. La politica è di erogare quanti più prestiti possibile, in modo che i paesi non siano mai in grado di rimborsarli [26] e restino per sempre legati ai prestiti e ai crescenti interessi. Il cosiddetto "aiuto" ai paesi in via di sviluppo non è quindi niente altro che oppressione, e la tanto decantata riduzione del debito da parte dei paesi industrializzati raggiunge a stento l'1% [27].

 

7. L'arma cinese

Il governo cinese non vuole nel paese libero commercio in valuta statunitense. I dollari risparmiati dagli esportatori cinesi vengono cambiati in moneta locale dalla Banca centrale cinese, che possiede una riserva enorme di dollari (circa 1.000 miliardi nel marzo 2007) [28]. In effetti si tratta di un'arma molto efficace contro ogni possibile attacco dal parte degli Stati Uniti. In qualsiasi momento lo desideri, la Cina può immettere sui mercati dei cambi enormi quantità di dollari e deprimere le quotazioni della moneta, o addirittura farla crollare definitivamente [29].

 

8. Inflazione e crescita economica

Quando siamo nati, l'attuale sistema monetario, governato da banche, interesse e inflazione, già esisteva: fa parte dell'ambiente "naturale". Ecco perché è così difficile percepire la sua influenza sulla nostra vita e la nostra società. Qualsiasi cosa si possa dire, può facilmente essere considerata normale: non conosciamo un'alternativa migliore. Gli effetti del sistema sono ovunque, anche nel nostro modo di pensare e nelle nostre convinzioni.

Ci sembra quindi un'evidenza lapalissiana che l'economia è sana solo quando cresce. Il concetto di "crescita economica" è stato canonizzato da economisti, politici e tutti quelli che capiscono, o dicono di capire, la società. In Europa occidentale e in nord America ci siamo battuti con successo per la crescita economica sin dai primi anni della rivoluzione industriale. Il sistema ha dato prova di se stesso.

Non è un caso che il nostro sistema monetario sia basato sull'inflazione costante e la nostra economia sulla crescita ininterrotta: agl'inizi del secolo passato alcuni furbi banchieri hanno concepito il sistema in questo modo [30]. Interessi e inflazione devono costituire un'entrata permanente per le banche, in cambio di un semplice tirar fuori moneta dal cappello. I prestiti devono creare sempre nuova attività economica. I governi e la popolazione devono chiedere sempre nuovi finanziamenti. Risponde perfettamente agli sviluppi del mondo industriale. Meccanizzazione, industria mineraria, coltivazioni intensive, risorse coloniali, concorrenza tra le nazioni, guerre e ricostruzioni, crescita esplosiva della popolazione, lavoratori stranieri, lavoro femminile, sviluppo del settore servizi, boom della tecnologia informatica: tutto conduce alla crescita economica, sinonimo di prosperità. E ancora oggi, in Europa occidentale, parliamo in termini di crescita economica; qualcosa che, dopo il livellamento della crescita demografica, può essere ottenuta solo con una sempre maggiore pressione lavorativa sui singoli dipendenti. Le strade della crescita economica e della prosperità si sono separate.

L'inflazione funziona come la carota dinanzi all'asino: tutti cominciano a correre più velocemente per ottenere una parte del denaro supplementare messo in circolazione. E mentre corrono, nessuno può sottrarsi al pagamento per l'uso dei soldi. Grazie all'inflazione tutti concorrono a pagare l'interesse alle banche. E se, grazie al fatto che noi tutti corriamo di più, cresciamo più ricchi, possiamo essere praticamente sicuri che i tassi d'interesse cresceranno. Nel gergo bancario si dice che l'economia è surriscaldata e dev'essere raffreddata. Fino a quando potremo di nuovo correre più forte.

Espansione mondiale

Banche centrali privati e pubbliche
grande immagine

Nel frattempo le banche sono cresciute: con i loro giochi di prestigio hanno conquistato il mondo, e dappertutto si sono impossessate del denaro, costringendo la gente ad accollarsi interessi e inflazione. Dappertutto, ad eccezione della Cina, le banche centrali hanno ottenuto leggi speciali per fissare, indipendentemente dalla volontà del governo locale, il livello d'interesse e d'inflazione. Dopo l'Europa occidentale e l'America settentrionale, altri paesi stanno adesso sviluppando le loro economie. Dal punto di vista delle banche, questo significa nuovi governi e nuovi cittadini per i quali tirar fuori soldi dal cappello.

In effetti, che le banche centrali siano pubbliche o private non fa poi una grande differenza. Praticamente ovunque hanno ottenuto uno statuto speciale che garantisce loro un elevato livello d'indipendenza dal governo locale, e , assieme alle banche commerciali, decidono quanti finanziamenti erogare, di quanto denaro dispone la società e quanto deve pagare la popolazione.

 

9. Ancora crescita o società sostenibile?

popolazione mondiale

La politica della maggior parte delle banche centrali poggia sulla crescita permanente della massa monetaria. In Europa occidentale e in America settentrionale, a questa crescita si sono accompagnate la crescita economica e quella demografica. Nel frattempo il mondo è molto cambiato. L'espansione esplosiva della popolazione e delle attività economiche ha fatto spaventosamente aumentare la pressione sull'ambiente. L'uomo si è impadronito di aree fertili, le foreste sono state trasformate in coltivazioni e città, molte specie sono state sterminate, buona parte della fauna ittica è in via di estinzione. La rapida crescita della popolazione mondiale continua ad aggravare l'inquinamento del suolo, idrico e atmosferico. In molte aree scarseggiano gli alimenti e l'acqua. Il clima sta cambiando. Le analisi indicano che, con l'attuale tendenza, la popolazione mondiale continuerà a crescere rapidamente, e raddoppierà quasi. Le linee del grafico sono state tracciate come se la cosa fosse possibile...

Limiti della crescita

La Terra non diventa più grande quando l'economia e la popolazione crescono. Per la prima volta nella storia dell'uomo ci troviamo a far fronte a limiti precisi. Ovviamente, non sappiamo cosa fare. Chiesa e Stato hanno sempre esaltato la crescita, e anche le banche la amano. Limiti allo sviluppo demografico? Nessun politico al potere ha intenzione di bruciarsi con un argomento così scottante.

A che punto si colloca questo limite? Dipende da cosa vogliamo, in quanto umanità. Se vogliamo ottenere la migliore qualità di vita possibile, per i nostri figli e i nostri nipoti, non dovremmo pesare sulla terra più dello stretto necessario. Dovremmo batterci per una popolazione ridotta, e così elimineremmo anche il principale motivo di conflitti e guerre.

La politica odierna va esattamente contro i bisogni di una società pacifica e sostenibile. Il sistema monetario svolge un ruolo fondamentale. Le riforme sono necessarie. Quanto più aspettiamo più difficile sarà in futuro il compito.

 

Note e riferimenti

[1] http://www.mw.ua/2000/2020/52764 

[2] "… valore di riferimento (4.5%) della crescita m3 su base annua. Questo valore di riferimento per la crescita monetaria si basa su una crescita economica potenziale tra il 2,0 e il 2,5%, un'inflazione inferiore al 2,0% a medio termine, e un rallentamento della velocità della moneta a lungo termine tra lo 0,5 e l'1,0% annuo". http://www.dnb.nl/dnb/home/file/ar03_tcm47-146939.pdf

[3] "Nel 2003, la massa monetaria (m3) nell'eurozona è cresciuta a un ritmo dell'8,0%, ben al disopra del valore di riferimento ufficiale del 4,5%". http://www.dnb.nl/dnb/home/file/ar03_tcm47-146939.pdf

[4] http://bigpicture.typepad.com/comments/2005/09/the_history_of_.html

[5] http://www.goldandsilverexchange.info/consumer-price-index.html 

[6] http://www.cbs.nl/en-GB/menu/themas/prijzen/publicaties/artikelen/archief/2005/consumer-price-index-art.htm

[7] http://www.cbs.nl/NR/rdonlyres/AB3F1E9D-EFED-4FD9-9393-E59F762D5C9B/0/2007gevoelsinflatieart.pdf

[8] http://www.tutor2u.net/economics/revision-notes/a2-macro-causes-of-inflation.html

[9] http://www.britannica.com/eb/article-3512/inflation

[10] http://www.dnb.nl/dnb/home/rente_en_inflatie/algemeen/nl/46-150027.html

[11] "La stabilità dei prezzi viene definita come un aumento nell'eurozona inferiore al 2% su base annua dell'Indice armonizzato dei prezzi al consumo" http://www.ecb.int/mopo/strategy/pricestab/html/index.en.html

[12] http://www.dnb.nl/dnb/home/rente_en_inflatie/algemeen/nl/46-150027.html

[13] http://www.cbc.ca/news/background/economy

[14] http://www.bis.org/speeches/sp050218.htm

[15] http://financial-dictionary.thefreedictionary.com/facility

[16] http://news.bbc.co.uk/2/hi/business/6938425.stm

[17] http://www.house.gov/jec/fed/05-19-03.pdf

[18] Il vantaggio reale dipende dai singoli piani di ammortamento del debito. È interessante fare un confronto.

[19] Petrolio iracheno in euro: http://www.un.org/Depts/oip/background/oilexports.html 

[20] Messa in guardia del FMI sul collasso del dollaro: http://news.bbc.co.uk/1/hi/business/2097064.stm 

[21] Promemoria di Downing Street: http://www.timesonline.co.uk/tol/news/uk/article387374.ece

[22] Cheney: http://english.aljazeera.net/News/archive/archive?ArchiveId=2480

[23] Come può collassare il dollaro in Iran?  http://www.raisethehammer.org/index.asp?id=252  (Cfr.  Iraq)

[24] "Costi, misfatti e pericoli del dollaro" http://www.courtfool.info/en_Cost_abuse_and_danger_of_the_dollar.htm

[25] "Attacco al mercato dei combustibili nucleari" http://www.courtfool.info/en_Raid_on_Nuclear_Fuel_Market.htm

[26] http://www.cadtm.org/spip.php?article2211

[27] http://www.aidc.org.za/?q=book/view/40

[28] http://news.xinhuanet.com/english/2007-05/11/content_6083732.htm 

[29] http://www.telegraph.co.uk/money/main.jhtml?xml=/money/2007/08/07/bcnchina107a.xml

[30] G. Edward Griffin, The Creature of Jekyll Island

September 2007

Altri testi sulle particolarità della Fed, la banca centrale statunitense:

"Meet the system"  MeetTheSystem.org

 

tradotto da Carlo Pappalardo http://bastianini.info

 

L'autore può essere contattato via il sito www.courtfool.info

Se lo volete, potete copiare l'articolo e diffonderlo o pubblicarlo in riviste e siti web.

 

Se non volete perdere il mio prossimo articolo, cliccate su uno o più di questi link.
(Il vostro indirrizzo e-mail non verrà usato per altri scopi).

flag IT   Gradirei ricevere una e-mail ogni volta che compare un nuovo articolo in italiano.
Se il link non funziona , si prega di inviare una e-mail.
indirizzo: courtfool@xs4all.nl
soggetto:
Subscribe articles IT