courtfool.info
Il giullare di corte rivela i segreti
dietro agli avvenimenti modiali
list of articles
StartListOfArticles

courtfool.info favicon I retroscena della finanza e delle banche:

Il sistema bancario in breve
Se hai appena segno qui, io vi darò un saldo di 1.000 euros e 1.000 euros mi dovrete maggiorato degli interessi.

Il sistema bancario in breve

Segreti di denaro, interesse e inflazione
Con solo un piccolo po 'di soldi banchieri possono pagare vicenda milioni...

Segreti di denaro, interesse e inflazione

courtfool.info yellow key Debito, credito, banco!

Canadas National Debt
I politici danno miliardi di euro ai banchieri privati...

Canada: Storia di due sistemi monetari

falling banknotes

new article

flag UK   Private banks or a bank of the government.

flag Bulgaria   Частни банки или банка на правителството.

flag France   Banques privées ou une banque du gouvernement.

flag Netherlands   Privé banken of een overheidsbank.

flag Russia   Банковская система вкратце.

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Dal debito di stato alla moneta di stato


Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Wall_Street_Bull

La banca spiegata: la truffa dei derivati



courtfool.info faviconI retroscena dell'Euro:

La follia dell'euro

La follia dell'euro

Fuori dall'euro, e poi?

Fuori dall'euro, e poi?

MES, il nuovo dittatore Europeo!

MES, il nuovo dittatore Europeo!

YouTube: The new European dictator

courtfool TouTube key ESM ruba i Tesoro entro 3'51''

MES, un colpo di stato in 17 paesi
Tranquillo! Costruire l'Europa!

MES, un colpo di stato in 17 paesi


Zeus rapes Europa

flag UK   Zeus rapes Europa

flag Bulgaria   Зевс насилва Европа

flag France   Zeus viole Europa

flag Netherlands   Zeus verkrachtte Europa

Euromania

courtfool TouTube key EUROMANIA by Peter Vlemmix


Ascensao_e_queda_do_euro

Autores:
Rudo de Ruijter
Yannis Varoufakis
Costas Lapavitsas
James K. Galbraith
Gerard Dunénil
Michael Hudson
Ed Dolan
Jacques Nikonoff
Jean-Claude Paye
Eugénio Rosa
Jorge Figueiredo

courtfool-favicon Le rivelazioni sulla guerra contro la Libia

Obama e Sarkozy in Libia
Obama e Sarkozy in Libia

Le_email_di_Hillary_Clinton_sulla_Libia Le e-mail di Hillary Clinton sulla Libia

NATO rescues euro in Libya

flag UK   NATO rescues euro in Libya

flag France   L'OTAN sauve l'euro en Libye

flag Netherlands   NAVO redt euro in Libië

flag Portugal   NATO resgata o euro na Líbia

flag Bulgaria   НАТО спасява еврото в Либия

flag Russia   НАТО спасает евро в Ливии

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena dietro le democrazie:

power to the_people

flag UK   The road to democracy

flag France   La route vers la démocratie

flag Netherlands   De weg naar democratie

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Iraq:

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Iraq Memorial

Iraq Memorial



courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Afganistan:

Petrolio e 11 settembre

Petrolio e 11 settembre


courtfool.info favicon I retroscena delle accuse all'Iran:

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

courtfool.info yellow key Cancellare Israele dalla carta geografica?


courtfool.info favicon Addio alla sviluppo!

Energia mondiale e popolazione
Le prospettive fino al 2100

Energia mondiale e popolazione

Crisi energetica:
Una svolta per l'umanità


courtfool.info favicon I fatti e le menzogne su il clima:

The clockwork of the Earth and Sun

flag UK   The clockwork of the Earth and Sun

flag France   L'horloge de la terre et du soleil

The activity of the Sun

flag UK   The activity of the Sun

flag France   L'activité du soleil

CO2: scare, claims and fraud...

flag UK   CO2 scare, claims and fraud...

flag France   CO2, panique, affirmations et fraude...


courtfool-favicon Uncover secrets:

Sleepwalking

flag UK   Wake up citizens?

flag Bulgaria   Пробудете се, граждани?

flag France   Réveiller les citoyens?

flag Netherlands   Burgers wakker schudden?

flag Russia   Пробудим ли граждан?

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Chicken_parliament


flag UK   The chicken-parliament

flag Bulgaria   Кокошият парламент

flag France   Le parlement des poules

flag Netherlands   Het kippenparlement

flag Russia   Петушиный парламент

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon Umore:

Protesta a Draguignan
"Ci sono alternative al capitalismo"

courtfool.info yellow key Protesta a Draguignan

Cartoons

new cartoons Cartoons


courtfool-favicon Offerta eccezionale:

Confused perspectives

Ivan Boyadjhiev, Confused Perspectives, 40 x 50 cm Ivan Boyadjhiev
Confused Perspectives
40 x 50 cm
Click here...



courtfool-favicon Treaties:


stroke Treaty establishing the European Union (EU)

stroke Treaty on the Functioning of the European Union (TFEU)

stroke Amendment article 136 TFEU

stroke First version of the Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)(not ratified)

stroke Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)

stroke Treaty on Stability, Coordination and Governance in the economic and monetary union (TSCG)

stroke Vienna Convention on the Law of Treaties 1969


courtfool.info favicon Chi hanno pubblicato gli articoli di Court Fool?
Più di 500 siti?

Publishers

StartPublishers



11 Septiembre 2001
24h Gold
321 Energy
Aardewerk.be
Academie-Gaullisme
Ad Broere
Advivo.com.br
Afghan.nl
Aftershock News (ru)
Albe.ru
Aldeilis
Alexander's Gas and Oil
Alex Constantine's 9/11 Truthmove
Alfa Kappa
Aljazeera Com
Aljazeera Info
Altea te quiero verde
Alter du Lot
Alter Info
Altra Informazione
American Chronicle
American Iranian Friendship Committee
Amsterdam Post
Anarchiel
Andalous.ma
Anonymous France
Anovis Anophelis
Antifascist Encyclopedia
Apocalypse Total
Apokalyps Nu
Apollo Solaris
Aquarius Age
Argusoog
Arianna Editrice.it
ArmonyaX
Articles du jour
Artikel 7 Nu
At-Park / АТ-парк
Atama Moriya
Atlas Vista Maroc
Au bout de la route
Avant de voter
Averdade vos libertara
Avicennesy
Avizora
A voz do povo
Baltimore Chronicle
Bankiv Tomske.ru
Banque publique .be
Beaujarret 50'z
Beez Libre Info
Before it is news
Belém Livre
Bernard Sady
Bezformata.ru
Biflatie.nl
Blogapares
Blog Chalouette
Blog Chatta.it
Blog économique et social
Blogg.org
Blog World-citizenship
Bobo in Paraguay
BOINNK!!!
BouBlog
Brasilianas.org
Brood en spelen
Bullion Management Group
Burbuja.info
Business-Gazeta.ru /
БИЗНЕС Online
Cafe 415
Candombeando
Cantv
Carla Noirci's Log
CASMII
Caveat emptor
CawAilleurs
CDU Arouca
Cenex.com.ua
CGT Santé 46
Chatta it
Chipstone
Chris Roubis
Chiado Editora
Club Invest
Cogito ergo sum
Collectif de Remises En Causes de Besançon
Come Don Chisciotte
Comité Valmy
Comité van waakzaamheid
Conscience Citoyenne Responsable
Contre-Info
Correio Progressista
Corriera della Notte
Cosenostrea casanostra
Counter Currents
Crash Debug fr
Crise Systémique Globale
Critical Trend (bg)
Criticamente
Cross-Cultural Understanding
Dagboek van een belegger
Daily Motion
Daily Times
Dandelion Salad
Dazibaoueb
Déborah 33 Epée
De Echte Denker
De Kelderlander
De Lange Mars
Démocratie réelle Nimes
De Waarheid Nu
Démocratie capitaliste
Démocratie Réelle à Nimes maintenant
Démocratie royale
Democratische Partij v Solidariteit
Denissto.eu
De Reaguurder
Desenvolturas e desacatos
De Vrije Chroniqueurs
Dialogue & Démocratie Française
Diário Liberdade
Diatala.org
Digitale Stad Eindhoven
Dimensional Bliss
Dinamica Global
Dire Giovani
Dissident News
Dit kan niet waar zijn.eu
Diário de Notícias - Cartaz
Djamazz Centerblog
Docplayer.ru
Dolezite.sk
ДОТУ.org.ua / Dotu.org.ua
Double Standards
Dove sono le ragazze
Doy Cinco
Dreamdash
Dutch Amazing Nieuws
Dwarslezing
E.J. Bron
Earth Matters
Earth Matters
Económico Fórum pt
EconomicBlogs.org /
Мировая и рыночная
экономика
Статьи и книги

EC-planet
Eco-Humanisme Radical.org
Edelmetaal.Info
Educate Yourself
E-Foro Bolivia
Égalité & Réconciliation
Eindtijd in beeld
Élections Algérie
EliteTrader.ru / Элитный Трейдер
El Libre Pensador
Elkhadra
Eltimir / Елтимир
End the ECB
End US Militarism
天涯社区 /
(End of the world community)

Enrico Sabatino
Entrelector
Es.Sott.net
Etienne Chouard
EU Alert
Europe 2020
Europlouf
Eurostaete eu
Eva Anárion
Evolution de notre civilisation
Facebook
Fai te
FCCI
FDESOUCHE
Ferra Mula
Filosofia e Tecnologia
Fimdostempos.net
Finanza.com Blog
Finanza Online
Focus στην Οικονομία
Folha diferenciada
Forexaw
Fortune F. Desouche
Forum démocratique
Forum des Alternatives.org
Forum.for-ua.com
Forum Mondiale della Alternative
Four Winds
Français de France
Francisco Trindade
François de Siebenthal
Free Minds
Freedom Bytes
French News Online
French Revolution
Fronte di Liberazione dai banchieri
FTU.su
Fugada YouTube Forum
Future Fast Forward
Gabriele van Doorn
Geen Flauwekul
Generaal Pardon
Geografia e Luta - Prof. Mazucheli
Geopolíticablog
George Orwell Werkgroep
Gerakanhatimmm
Gest Credit
Gianfranco Vizzotto
Gino Salvi
Global Echo
Global Economic Intersection
Global Faultlines
Global Order
Global Research
Global Systemic Crisis
Golden Heart
Gorod.Tomsk.ru
Город.Томск
Goto 2012
Goudstaven-goudstukken
草根金融服务社 /
(Grassroots Financial Service)

Grioo
Guerre Libre Info.org
Henry Makow
Het echte nieuws.be
Het uur van de waarheid
Hidden Mysteries
Ho visto cose che voi umani
Holland 4 MPE
Ho visto cose che voi umani
Hubbert Peak
Huffington Post
Iceberg Finanza
Il nodo gordiano
Imperiya / Империя
Indebitati
Indymedia
Indymedia Portland
Info Guerilla
Infomare Per Resistere
Information Clearing House
Informazione in Rete
Infos différentes
Infowars Ireland
In Pursuit of Happiness
Institute of Evolutionary Economics
Instituto Reage Brasil
Intellezione
Intermarket & more
International Business Times
InvestGraf
Investors Hub
Iran Blog
Iran Daily
Iran File
IRIB Iran French Radio
Irish Public
Irish Timez
Irissan
Islam City
Isxys / ΙΣΧΥΣ
Ivan Mutov
Jean Marie Lebraud
Joomla
Joop.nl
Joop van Kleef
Jornal Fraternizar
Jornalggn.com.br
Jose Joa Net
Josè Maria Salvador
Journal la Mée
Journal Milénio
Journaux de Guerre
Kanie Tistory
Klein Paradijs
Klepsudra
Kollinos
Komitet / Комитет
Kostarof
L'éveil 2012
L'Observatoire de l'Immo
La banlieu s'exprime
Lanet Kiev
Las razones de Aristófanes
LeaksFree.com
Le Banquier Garou
Le Blog d'Eva
Le Blog de Nicole
Legion 5-9
Legio Victrix
Le Lot en Action
Le Metropole Cafe
Le Monde du Sud
Le Partisan de Gauche
Le Post
Les Indignés
Les moutons enragés
Leugens
Lettre d'Informations Stratégiques Internationales
Liberamenteservo.it
Libertatum
L.I.E.S.I.
Lit Corner
L'Olandese volante
Luminária
Macua Blogs Moçambique
Magok Vagyunk
Malarce sur la Thines
Manifeste pour un débat sur le libre échange
Mapeni School
Marianne2
Marista Urru
Market Oracle cn
Market Oracle co.uk
MasterNewMedia
Mathaba News
Maurício Porto
Max 1967
Maxi News
MBM Hautetfort
Mecano Blog
Melochi
Mens en Politiek
Mercato Libero News
Metropolis
Mga Diskurso ni Doy
Michel Collon Info
Middle East Online
Mondialisation Ca
Money Files
Mouvement Politique d'Éducation Populaire
Na Sombra.org
Nato nella tana
Natural Money
Nervyoko-bis
Newropeans Magazine
News Follow Up
Newzz in Ukrain
Niburu
Nieuw-Nederland
Nieuws-Flash
Norma Tarozzi
Nota.to-p.net / НОТАРИАТ
Notizie Libere
Notizie Silcea
Nous les dieux
Novusordoseclorum
NucNews
Nya Politiken
Ocastendo Blogs
Occupy Amsterdam
Occupy Network tv
Oil Crisis
Olo's Ramblings
Oko-planet.su / Око Планеты
Onderzoek 9/11
One Base.com
Ons geld
Ontdek Islam
Openbare Bank be
Os Bárbaros
Osservatorio Sovranità Nazionale
Osvaldo Bertolino
Our World / НАШ МИР
Oxygene.re
Pakistan News Service
Palestine - Solidarité
Panier de Crabes
Paper Blog fr
Paperless Korea
Paraguay Tistory
Partage dialoguer avec jean loup
Parti de Gauche 34
Partido Comunista Brasileiro
Patrice Mars
PCF Bassin
PCF Cap Corse
Peace by Truth
Peak Oil .pl
Pensare Liberi News
Pensioenblog
Perunica
Peter Pan's Paradijs
Philippe Vedovati
Pintxo
Planeta Caos
Planete Non Violence
Plein Overheid
Politics & Current Affairs
Portal Luis Nassif
Portland Independent Media Center
Post Jorion
Post Switch
Pragmatic Economist
Pravda / Правда
Primavera do 11
Project for the Old American Century
Prova Final
Puszta Igazság
Quo Fata Ferunt
Raise the Hammer
Ravage Digitaal
Rayven
Real Infos
Real Wealth Society
Recuperare Credit
Relapsing Fever
Resistance
ReRuBabs
Réseau International
Resistance 71
Résistance FR
Resistenze.org
Resistir Info
Resurs.by
Revolta Total Global
Robin Good
Rodon
Rol Club
Rue 89
Rus Nevod
Sahar TV Iran
Sandro Samuel
Saura Plesio
Schoonoord Web
Seigneuriage Blogspot
Sempre Vigili!
Shem.se
Siddharth Varadarajan
Signoraggio.it
Silver and Gold Shop
Silver Bear Cafe
Sociale Databank Nederland
Sociale Driegeleding
Sociologias
SOS-crise
Sott.net
Soutenir l'Afghanistan
Spartacus.info
Spazio Forum
Spiegelbeeld
Spraakloos
Sprookje Nieuws
Stampa Libera
Star People
Stienster Blogspot
Studien von Zeitfragen
Stop de bankiers
Storyo.ru / Страницы истории
Suciologicus
Sustainocratie
Svobodnoslovo / Свободно слово
Tegen Onzin
Textos A Voz do Povo.pt
The Movement
The People's Forum
The Pragmatic Economist
The Voice of Wakker Holland
The Wild, Wild Left
Tijdgeest Magazine
Time For Change
Timotv
Toine van Bergen
TomskNet.ru / Город.Томск
To-p.biz
Top-débats.info
Tora Yeshua / תורה־ ישוע
Trademan.org
Transatlantic Information
Exchange System
Transition Town Breda
Transcom Se
Triplo II
Truth Spring
Truth Move 9/11
Tunisia Today
Uitpers
UKIP Hillingdon
Um Novo Despertar
Uruknet Info
Vemiplast
Verborgen Nieuws
Vermelho.org.br
Verontruste Moeders
Veterans for America
Video data bg
Viewzone Magazine
Vilag Helyzete Blogspot
Vilistia
Visionair.nl
Vision Démocrate.net
V-Kontakte.ru / Вконтакте
Voix dissonnantes
Volya.ariy.org
Voprosik / Вопросик
Voy Com
Vrijspreker
Vues du monde
Vyacheslav Burunov
ВячеславБурунов
Wake Up From Your Slumber
Wakkere Mensen
Wall Street Pit
Want to know .nl
War and Peace / война и мир
Waterput klassiek
We Are Change Holland
We Are Change Rennes
Welcome Back UZ
Werkgroep George Orwell
What really happened
Wij worden wakker
Wiki Strike
Wisdia Encyclopedia
Worldissue Blog bg
World Prout Assembly
Wroom.ru
YouTube
Yursodeistivie / Юрсодействие
ZakonVremeni.ru
ЗаконВремени
Zebuzzeo
Zé Povinho no século XXI
Znanie-Vlast.ru
БезФормата.ru

Since 2006 the sites here above have published one or more of the court fool's articles. Some seem to be out of reach today, either because these websites or pages do not exist anymore, or because of other causes. To compliment them, I have chosen to keep them in the list.
Rudo de Ruijter

courtfool-faviconSpecial thanks to:

Christine, Corinne, Francisco, Evelyne, Françoise, Gaël, Peter, Ingrid, Ivan, Krister, Jorge, Marie Carmen, Ruurd, Sabine, Lisa, Sarah, Valérie & Anonymous...

courtfool-favicon Ringraziamenti per le traduzioni:

StartTranslators

Alter Info
Carlo Pappalardo
Come Don Chisciotte
Ermanno di Miceli
Ivan Boyadjhiev
Jorge G-F
Lisa Youlountas
Jose Joaquin
Manuel Valente Lopes
Marcella Barbarino
Marie Carmen
Mary Beaudoin
Michel Ickx
Михаил
Natalia Lavale
Nicoletta Forcheri
Peter George
Resistir Info
Traducteur sans frontière
Valérie Courteau

StartJoinTranslators
Decrease text size
Increase text size

 

MES, un colpo di stato in 17 paesi

Rudo de Ruijter
Ricercatore indipendente
Paesi Bassi

Osservazione preliminare: non confondete il MES con i due fondi correnti di salvataggio che sono EFSM e EFSF.

Come accennato nel precedente articolo su questo argomento “MES, il nuovo dittatore europeo“, i ministri delle Finanze dei 17 paesi europei hanno firmato un trattato che istituisce il Meccanismo europeo di stabilità (MES), il cui obiettivo è quello di fare sborsare ai cittadini le centinaia di miliardi a vantaggio dei fondi di salvataggio dell’euro e di soffocare i parlamenti nazionali.

Bruxelles apparentemente non vuole che siate al corrente del contenuto di questo trattato. Fino al giorno della redazione di questo articolo, ho potuto trovare unicamente un esemplare in inglese sul net (mentre il 96,5% della popolazione dell’area dell’euro parla altre lingue!).

Conférence de presse
grande immagine

(La foto non è per uso commerciale)

Fatto assai bizzarro, la firma di questo nuovo trattato europeo non è stata affatto notata dalla stampa internazionale, benché fosse presente alla conferenza di annuncio (Vedi foto sopra). Forse è perché Juncker l’annunciò brevemente in francese prima di proseguire la conferenza in inglese?

Del resto molti giornalisti confondono ancora questo nuovo trattato MES con i suoi predecessori (illeciti): il Meccanismo europeo di Stabilità finanziaria (MESF) e il Fondo europeo di Stabilità finanziaria (FESF), più noti in inglese come European Financial Stabilisation Mechanism (EFSM) e  European Financial Stability Facility (EFSF). Il FESF ha una capacità di stanziare crediti per un importo di 440 miliardi, dal 27 ottobre fino a un tetto di 1000 miliardi di euro, cioé 3300 euro per eurocittadino! Il MES invece è illimitato.

Qualche deputato che ha sentito parlare del MES crede falsamente che conserverà il suo potere attraverso il ministro delle Finanze, tuttavia visto che quest’ultimo sarà promosso alla carica di Governatore del MES, non avrà più conti da rendere al parlamento nazionale (né a chiunque altro) per le decisioni che dovrà prendere in ambito MES. Se il Parlamento ratifica il trattato, questo trattato internazionale diventa prioritario rispetto alle legislazioni nazionali.

Al momento di scrivere, il trattato deve ancora essere ratificato dai parlamenti nazionali dei 17 paesi a meno che non venga fatto notte tempo nel silenzio stampa generale.

Per une breve presentazione del trattato del MES, rinvio al video di meno 4 minuti su YouTube:

http://www.youtube.com/watch?v=D0YM-2r8mcA

 

MES, un colpo di stato in 17 paesi

Se per colpo di stato si intende la presa del potere reale e la limitazione del potere del Parlamento nazionale democraticamente eletto allora il Trattato che istituisce il MES è un colpo di Stato effettuato in 17 paesi contemporaneamente.

Barroso


Ciò è’ totalmente in armonia con la filosofia della Commissione europea che secondo il suo presidente Barroso deve diventare il governo economico dell’Unione che deve definire le azioni che i governi nazionali devono eseguire (28.09.11) [1].

 

Il Meccanismo europeo di Stabilità (MES) non è tanto un meccanismo quanto una nuova amministrazione dell’Unione europea (UE). Lo scopo dichiarato è quello di erogare prestiti (a condizioni strette) ai paesi dell’eurozona che non possono più adempiere ai loro obblighi finanziari. Rileverà i compiti di FESF e EFSM citati sopra e sarà gestito da un Consiglio dei governatori composto dai 17 ministri delle Finanze dei paesi dell’eurozona situati nell’Unione europea.

Il trattato del MES recita all’articolo 8 che l’organismo disporrà di un capitale sociale di 700 miliardi di euro. Poi all’articolo 10 si precisa che il Consiglio dei governatori può decidere di mutare l’importo e di adeguare l’articolo 8 in conseguenza. All’articolo 9 si prevede che il Consiglio dei governatori potrà esigere in qualsiasi momento il versamento del capitale sociale non ancora versato (in meno di 7 giorni!). Cioé si prevede che il MES potrà esigere senza limiti il pagamento dei paesi membri. Il trattato non prevede alcun diritto di veto per i parlamenti nazionali.

Unanimità

Ai sensi dell’articolo 5.6, il Consiglio dei governatori dovrebbe adottare le decisioni di cui sopra all’unanimità. Il Consiglio al completo deve votare “a favore”.

A prima vista è molto strano che il funzionamento del Trattato dipenda integralmente dall’unanimità dei 17 ministri delle Finanze dell’eurozona. Se si considerano le difficoltà attuali per raggiungere un accordo unanime sulla concessioni dei prestiti già promessi alla Grecia, è un fatto imprevisto che l’Unione europea possa costruire un trattato basato unicamente sul principio dell’unanimità, anche se essa a priori è difficilmente raggiungibile.

L’eurozona è un un variegato riflesso delle diversità dell’Europa: i Paesi Bassi, il Belgio, il Lussemburgo, la Germania e la Francia e poi l’Irlanda, il Portogallo, la Spagna, l’Italia, Malta, la Grecia, la Slovacchia, la Slovenia e, infine, l’Estonia e la Finlandia. In realtà, i 17 ministri costituiscono un’assemblea eterogenea. Ognuno rappresenta un paese con interessi diversi. E ci aspettiamo l’unanimità, da loro?  Com’è possibile?

Per capire meglio, dobbiamo ampliare la visuale. Nel MES sono i 17 ministri delle Finanze che votano su tutte le decisioni importanti, ma ci sono anche altre persone  presenti a tutte le loro riunioni, ufficialmente con lo statuto di “osservatori”. Perché questi ministri hanno bisogno di osservatori? Per garantire che stiano facendo quello che devono?

Ci sono tre osservatori:

Quindi, se non si riesce a ottenere l’unanimità spontaneamente dai 17 ministri delle Finanze, sarà  l’influenza degli osservatori che aiuterà a raggiungerla? Per capire quale influenza possano avere la Commissione Europea e la Banca Centrale Europea sui nostri ministri, guardiamo da più vicino.

Chi sono i ministri delle Finanze?

Beh, di solito sono persone che vanno e vengono. Nella maggior parte dei casi sono nominati dopo le elezioni legislative nazionali, puntualmente seguite da mercanteggiamenti per formare una coalizione a discapito di qualsiasi promessa elettorale poi seguiti da lacerazioni interne per le cariche più importanti come il Ministero degli Interni, dello Sviluppo economico e del Tesoro.

Sono per lo più persone arriviste che ambiscono  a una carriera politica e che sono stati incoraggiati dai partiti politici. Nella migliore delle ipotesi, hanno le capacità per guidare un ministero: possono ricevere l’incarico della Difesa e poi essere nominati in seguito a dirigere il Ministero dell’Istruzione o degli Affari sociali.  La conoscenza della materia è generalmente considerata meno importante della capacità dirigenziale.

L’economia non è la finanza

Ed è così che ad esempio nei Paesi Bassi abbiamo un ministro delle Finanze,  Jan Kees de Jager, che sebbene sia ornato di diplomi d’economia, inizialmente non dava l’impressione di capire un granché di finanza. Una delle sue prime idee è stata quella di proporre una legge che vietasse d’incoraggiare le persone ad andare a ritirare i soldi in banca.  Jan Kees, lo sappiamo che le banche non hanno soldi! Per ogni euro che i clienti di una banca come ING (la maggiore banca olandese) depositano sul conto, la banca ha solo 3 centesimi a disposizione. Chi andrebbe quindi a fare la fila per queste somme? E poi, fintantoché la banca centrale non vuole che una banca fallisca, essa può resistere indefinitamente alla corsa agli sportelli con fondi presi in prestito.

I neoministri delle Finanze  sono generalmente felici di essere arrivati così in alto nella loro carriera ma entrano in un mondo che conoscono poco o affatto.  È il microclima delle istituzioni finanziarie internazionali e dei numeri con infiniti zero. Può bastare un momento di distrazione per sbagliarsi di decine di miliardi di euro. Il Primo ministro olandese Rutte e il ministro delle Finanze olandese Jan Kees de Jager si sono sbagliati di 50 miliardi di Euro parlando dei fondi di soccorso europei [3]. Questi ministri appena nominati  costituiscono una preda facile per i consulenti della BCE e dal FMI, che vengono a spiegare loro come funziona e cosa ci si aspetta da un buon ministro delle Finanze.

Ministers of finance take lessons
grande immagine

Nel caso in cui i ministri delle Finanze conoscessero un minimo di nozioni di  economia, dovrebbero sapere che l’esperienza dell’euro è destinata al fallimento. Era già risaputo nel 1970, agli albori del progetto, ciononostante alcuni banchieri e politici testardi hanno spinto lo stesso l’idea della moneta unica. Il problema è che una moneta unica può funzionare solo in una zona economica omogenea. [4] [5] [6] Ecco perché.

Il giogo del tasso di cambio fisso

Quando i consumatori di un paese dalla produttività minore prefescono  acquistare prodotti importati più economici e migliori, il debito estero aumenta mentre contemporaneamente la produttività nazionale diminuisce. Se il paese ha la sua moneta,  può quindi svalutarla. Ciò renderà più cari per i cittadini i beni importati e meno cari i prodotti esportati per i paesi esteri. Si ridurrà il debito e aumenterà la produttività. Le svalutazioni erano comuni, prima dell’euro ma adesso, con l’euro, è come se avessimo un tasso di cambio bloccato. I paesi meno produttivi vengono catturati come topi in una trappola: non possono più uscire dal debito. Ecco perché la strada intrapresa di aiutarli indebitandoli ulteriormente è una scelta come minimo bizzarra per non dire dannosa.

Viva il mercato unico dei capitali

Non dimentichiamo che questi paesi non avevano grossi problemi insormontabili al momento della loro entrata nell’area dell’euro, altrimenti non sarebbero stati ammessi. In realtà, i problemi sono iniziati proprio con la loro adesione all’euro, perché contemporaneamente la libera circolazione dei capitali diventava realtà. Le banche dei paesi che erano già nell’eurozona accorrevano per erogare  mutui a tasso agevolato ai nuovi cittadini dell’euro, e visto che con lo stesso capitale, le banche sono autorizzate a fornire il doppio dei mutui per la casa rispetto ai prestiti per altri scopi, sono state finanziate soprattutto le case.  I banchieri non hanno tenuto conto del fatto che la gente non ha bisogno solo di un posto dove vivere ma anche di un reddito per  rimborsare i prestiti. Avrebbero dunque dovuto finanziare anche le attività economiche ma non è stato il caso.  Così la prima serie di cittadini europei si è ritrovata indebitata senza potere rimborsare il debito: crollo del mercato immobiliare, fallimento di imprese e fornitori, quartieri di case vuote e non finite.

Le regole problematiche dell’euro

Si noti anche che i “paesi problematici” sono stati designati tali unicamente perché non rispettavano i criteri richiesti per l’eurozona,  cioè un deficit di bilancio del 3% del PIL e un debito pubblico di massimo il 60% del PIL. [7] Solitamente non pone alcun problema il fatto di avere un debito pubblico del 120% se esso è controbilanciato, come nel caso della Grecia, da asset/beni pubblici. E neanche un deficit di bilancio superiore al 3%  dovrebbe essere un problema per un paese. In realtà, l’unico problema è che i requisiti di Maastricht si sono avverati non realisti. Quasi nessuno dei paesi membri li ha rispettati: vuol dire che chi li ha creati è scemo? E con gli autori, anche  i ministri che hanno promesso di rispettarli? Si tratta comunque del metodo più semplice per creare una crisi.

Pecora nera

Poiché quasi nessun paese rispettava i criteri, bisognava deviare l’attenzione concentrandola sull’alunno più indisciplinato. Per la Grecia, è stata montata tutta una campagna  diffamatoria, alla quale hanno partecipato anche dei politici olandesi bugiardi. La Grecia avrebbe truccato i conti del debito [8], i Greci sarebbero pigri e andrebbero in pensione troppo giovani e così via dicendo [9]. Rapidamente la Grecia fu attaccata e cominciò a dovere pagare interessi sempre più alti per i suoi prestiti. Per fortuna i suoi compagni di classe dell’euro erano disposti ad aiutarli, Jan Kees promise persino che ci avremmo guadagnato.

Il denaro è potere

Finito di manipolare la vittima designata nei problemi – ricordo che la Grecia non aveva problemi insormontabili al  momento di entrare nell’euro – si comincia ad applicare la politica del bastone e della carota : ti prestiamo tot a condizione che… Il FMI vanta mezzo secolo di esperienza con questo tipo di abuso di potere. Ha applicato questa politica deliberatamente in molti paesi in via di sviluppo. Innanzitutto indebita il paese in modo tale che non possa neanche più rimborsare gli interessi. Sono prestiti concessi per progetti determinati, normalmente gestiti da società estere, quelle stesse che incassano il denaro dei prestiti. Il paese si ritrova con il debito. Poi si vende tutto quello che ha valore nel paese ad investitori esteri e naturalmente il governo deve tagliare tutte le spese fino al midollo mentre il popolo sanguina, così si capisce che il FMI è il padrone.

Investito dal potere della Commissione europea

Sebbene l’articolo 122.2 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) [10] consenta al Consiglio europeo di fornire assistenza finanziaria ai partner in difficoltà (su proposta della Commissione europea), i lupi della Commissione europea non potevano resistere alla tentazione di creare il proprio FMI, o più precisamente, un fratello europeo, che lavorasse in collaborazione stretta  con il esso.

L’hanno tempestivamente istituito a maggio e a giugno 2010, EFSM ed EFSF, ma su base temporanea e con una base legale carente. La capacità di prestito di EFSF è stato recentemente aumentato a 440 miliardi (1320 € per cittadino).

Il successore è il MES. Firmato l’11 luglio 2011, è in attesa della ratifica dei parlamenti nazionali entro il 31 dicembre 2011. Il MES sarà un organo permanente e avrà facoltà di richiedere somme illimitate alle casse statali, prestandole a rischio e a spese dei cittadini dell’euro. Inizialmente dotato di  un capitale di 700 miliardi (2.100 € per cittadino), si parla già dell’eventuale necessità di aumentarlo a 1.500 – 2.000 miliardi …

L’emendamento all’articolo 136

Il MES si basa su una modifica dell’articolo 136 del TFUE del 23 marzo 2011 [11], che in realtà rappresenta un aumento del potere dell’Unione europea. E poiché questo emendamento si basa sull’articolo 48.6 del trattato sull’Unione europea (TUE), è tutto illegale [12]. Ma a Bruxelles se ne fragano e persino i parlamenti nazionali non trovano le regole della democrazia abbastanza importanti  per rifiutare questa costruzione illegale. Perché la conseguenza sarebbe che la gente dovrebbe prima votare l’ampliamento di potere di Bruxelles. E il popolo ‘scemo’ voterebbe sicuramente contro.

Il MES avrà il potere di svuotare le casse degli Stati, senza che i parlamenti possano opporvisi. Inoltre, questo emendamento – letteralmente – rende possibile una serie di altre istituzioni antidemocratiche  che con la scusa di combattere l’instabilità della zona euro, potrebbero limitare gli effetti della legislazione nazionale e dei diritti dei cittadini.

Colpisci e terrorizza

The Shock Doctrine


Creare una crisi e prendere il potere. E’ proprio quando il paese è completamente disorganizzato, che si possono riordinare gli affari come si vuole.  Si tratta di uno scenario violento che i sostenitori dell’economia ultraliberista hanno applicato per decenni in molti paesi, come l’Inghilterra, la Polonia, la Cina, il Sudafrica, la Russia e gli Stati Uniti. Mi riferisco a un dei libri più chiarificatori della nostra epoca: “La dottrina dello shock” di Naomi Klein (da leggere!)

Ora è il turno della Grecia. La diffamazione ha sortito i suoi effetti. I cittadini degli altri paesi dell’euro non protestano, al massimo protestano contro le eventuali perdite del loro denaro, che i fondi pensioni hanno investito. Ma se riflettono un attimo, capirebbero che un giorno, forse domani, anche loro potranno essere manovrati dai debiti, dai fondi di salvataggio. Potrebbe succedere in quattro e quattr’otto, con la miccia di un titolo alla ribalta nella stampa come ad esempio “Il Crédit Agricole rischia il fallimento”.

Circolo vizioso

Poi con il panico appositamente creato, i parlamenti accettano le misure di emergenza, che non avevano nemmeno previsto fosse possibile varare alla vigilia. Ora i capitali dei fondi di salvataggio devono anche servire a salvare le banche.  Abbiamo quindi creato un circolo vizioso: le banche che causano i problemi, possono beneficiare, direttamente o indirettamente, dei finanziamenti di emergenza, e prestare in modo ancora più temerario, poiché le eventuali perdite saranno pagate dai cittadini dell’eurozona! [questo è vero per i paesi al di là delle Alpi semmai, visto che tutti i rubinetti del credito sono chiusi in Italia avvalorando in pieno la mia ipotesi del drenaggio dai PIIGS agli altri paesi e banche d'Europa, NdTr].

Abbasso l’unanimità

Torniamo al MES. Il trattato può funzionare, o essere nullo a seconda che i 17 Ministri delle Finanze trovino l’unanimità o meno. La Commissione europea e la BCE confidano nella propria influenza per mettere d’accordo i diciassette.

In realtà, non è necessario che tutti i 17 siano d’accordo. Una decisione è anche valida quando i ministri non sono tutti presenti. Ogni ministro rappresenta un numero di voti, proporzionale al capitale sottoscritto dal suo paese (cfr. Appendice sotto). Quando i due terzi dei ministri che rappresentano i due terzi dei voti totali sono presenti, possono votare validamente. E il fatto di non votare non impedisce la decisione unanime, purché non intervenga alcun voto contrario.

In teoria, un ministro testardo di un piccolo paese potrebbe quindi guastare la festa. Sia detto in particolare che dovrà anche avere molto coraggio. Barroso non vuole più che ciò possa accadere, perciò vuole modificare tutti i trattati dell’UE in modo che le decisioni non debbano essere prese all’unanimità. Per il MES, ad esempio, significherebbe che se la Germania, la Francia, l’Italia e i Paesi Bassi sono d’accordo, gli altri 13 non avranno più voce in capitolo. Viva la dittatura di Bruxelles! Viva l’Unione Europea!

Immunità

Siamo già stati abituati al fatto che gli amministratori e i rappresentanti del popolo non amano rispondere  delle proprie parole e azioni. Ma al MES, esagerano veramente: le norme sono state stabilite in modo tale che tutto il personale e tutti i partecipanti potranno fare o lasciare fare quello che vorranno,  senza dover rendere conto ad alcun parlamento, ad alcuna amministrazione né ad alcuna magistratura. Al massimo, un ministro delle Finanze potrà essere sostituito da un altro, che godrà immediatamente  degli stessi privilegi esorbitanti. Un furfante non potrebbe desiderare migliore rifugio!

Conclusione

L’Unione Europea annovera tra i suoi principi dichiarati il libero mercato.  Quasi tutti hanno capito che la deregolamentazione delle banche, la privatizzazione delle infrastrutture e l’abolizione delle missioni del governo ci portano a una società irta di difficoltà e tormentata dalle crisi. Questi principi sono obsoleti. I loro paladini non potranno che imporli con la violenza. La Grecia non sarà l’ultima vittima.

Appendice

Ripartizione dei voti dei governatori del MES, proporzionale al capitale sociale sottoscritto.

ESM Member

Number of shares

Capital subscription (EUR)

Kingdom of Belgium

243 397

24 339 700 000

Federal Republic of Germany

1 900 248

190 024 800 000

Republic of Estonia

13 020

1 302 000 000

Ireland

111 454

11 145 400 000

Hellenic Republic

197 169

19 716 900 000

Kingdom of Spain

833 259

83 325 900 000

French Republic

1 427 013

142 701 300 000

Italian Republic

1 253 959

125 395 900 000

Republic of Cyprus

13 734

1 373 400 000

Grand Duchy of Luxembourg

17 528

1 752 800 000

Malta

5 117

511 700 000

Kingdom of the Netherlands

400 190

40 019 000 000

Republic of Austria

194 838

19 483 800 000

Portuguese Republic

175 644

17 564 400 000

Republic of Slovenia

29 932

2 993 200 000

Slovak Republic

57 680

5 768 000 000

Republic of Finland

125 818

12 581 800 000

Total

7 000 000

700 000 000 000

 

Sorgente e Riferimenti

[1] Barroso, le 28 september 2011 http://euobserver.com/19/113760

[2] Ufficialmente la Banca centrale europea non è un organo dell’Unione europea. * La BCE è di proprietà delle banche centrali dell’eurozona, che a loro volta, sono indipendenti dai governi nazionali, nel senso che non ne prendono gli  ordini. Esse sono guidate da Consigli di soggetti  privati​​. L’euro non appartiene quindi né all’UE né ai governi nazionali, ma a un cartello di banchieri indipendenti dai governi, a Francoforte, la città dei Rothschild. L’Unione europea non può ordinare niente  alla BCE, ma vice versa la BCE ha il potere di farlo all’interno dell’UE.  Essa dirige il  Sistema europeo di banche centrali, che è, dal canto suo, un organismo dell’Unione europea. La BCE, insieme alle banche centrali della zona euro, sono membri di questo organismo. O come complicare tutto per dare il potere di un organismo ufficiale alle società private.

* http://www.europarl.europa.eu/parliament/expert/displayFtu.do?id=73&ftuId=FTU_5.2.html&language=en

[3] Vrijspreker le 22 juillet 2011 *

Traduzione: Il governo olandese e la Commissione europea si contraddicono  sul volume del pacchetto di aiuti alla Grecia. Secondo il ministero delle Finanze ammonta a un importo di 109 miliardi di dollari, 50 miliardi provenienti da banche e da altre istituzioni finanziarie. Secondo la Commissione europea, i governi pagano 109 miliardi più 50 miliardi da istituzioni private. La banca centrale olandese casca dalle nuvole: “Anche noi vorremmo sapere che ne è”, ha detto un portavoce della DNB. La Banca centrale europea riferisce alla Commissione europea.* http://www.vrijspreker.nl/wp/2011/07/eu-euro-reddingsactie-geklungel/

[4]

Negli studi scientifici sulle “optimum currency areas” (aree ottimali per una moneta) si possono distinguere gli studi che si sono concentrati sulle condizioni necessarie da quelli che dopo il 1970 (quando i politici avevano deciso che volevano una moneta unica) si sono focalizzati  sui costi e i benefici.

Roman Horvath and Lubos Komarek dans “OPTIMUM CURRENCY AREA THEORY: AN APPROACH FOR THINKING ABOUT MONETARY INTEGRATION” (2002)

“It is possible to distinguish two major streams of the optimum currency area literature. The first stream tries to find the crucial economic characteristics to determine where the (illusionary) borders for exchange rates should be drawn (1960s-1970s). The second stream (1970s-till now) assumes that any single country fulfills completely the requirements to make it an optimal member of a monetary union. As a result, the second approach does not continue in the search for characteristics, identified as important for choosing the participants in an optimum currency area. This literature focuses on studying the costs and the benefits to a country intending to participate “

“È possibile distinguere due correnti principali nella letteratura su una valuta ottimale di un’area determinata. La prima corrente si prefigge d’individuare le caratteristiche economiche cruciali per determinare dove si debba ergere la (illusoria) frontiera per i tassi di cambio (anni 1960-1970). La seconda corrente (1970-fino ad oggi) presuppone che ogni singolo paese possa soddisfare completamente i requisiti per farne un ottimo membro di un’unione monetaria. Ne risulta che nel  secondo approccio non si continua nella ricerca delle caratteristiche considerate come cruciali  per la scelta dei partecipanti in un’area monetaria ottimale. Questa letteratura si concentra sullo studio dei costi e dei benefici di un paese che intendesse partecipare a un’area monetaria data.”

http://wrap.warwick.ac.uk/1539/1/WRAP_Horvath_twerp647.pdf , page 7.

Friedman descrive i benefici dei tassi di cambio flessibili come segue: “Come si può vedere normalmente, i prezzi e i salari in un paese sono relativamente rigidi e [questi] fattori sono immobili tra i paesi. Di conseguenza, quando una richiesta diventa negativa o nel caso di un shock dell’offerta, l’unico strumento per evitare ulteriore inflazione o la disoccupazione è di cambiare il tasso di cambio flessibile (che significa rivalutare o svalutare la moneta ). Questo riporterà l’economia all’equilibrio iniziale interno ed esterno. (…) Con un tasso di cambio fisso, avremmo ancora l’impatto sgradevole della disoccupazione o dell’inflazione. “

http://wrap.warwick.ac.uk/1539/1/WRAP_Horvath_twerp647.pdf , page 8.

[5] Yrd. Doç. Dr. Hüseyin Mualla YÜCEOL, Mersin Üniversitesi İktisadi ve İdari Bilimler Fakültesi, Maliye Bölümü, dans “WHY THE EUROPEAN UNION IS NOT AN OPTIMAL CURRENCY AREA: THE LIMITS OF INTEGRATION” (« PERCHÈ L'UNIONE EUROPEA NON È UNÂREA VALUTARIA OTTIMALE: I LIMITI DI INTEGRAZION »)

http://eab.ege.edu.tr/pdf/6_2/C6-S2-M6.pdf , pagina 66

[6] Paul de Grauwe, parties d’un speech:

 “With up to twenty-seven members instead of the present twelve, the challenge for ensuring a smooth functioning of the enlarged Eurozone will be daunting. The reason is that in such a large group the probability of what economists call ‘asymmetric shocks’ will increase significantly. This means that some countries may experience a boom and inflationary pressures while others experience deflationary forces. If too many asymmetric shocks occur, the ECB will be paralyzed, not knowing whether to increase or to reduce the interest rates. As a result, member countries will often feel frustrated with the ECB policies that do not (and cannot) take into account the different economic conditions of the individual member countries. This leads us to the question whether the enlarged EMU will, in fact, be an optimal currency area.” (...)

“If a country is hit by negative shocks brought about by agglomeration effects, the wage cuts necessary to deal with these shocks will inevitably be very large. To give an example: If Ford Motor were to close down a plant in Belgium and to invest in Poland instead, the wage cut of Belgian workers that would convince Ford Motor not to make this move would have to be 50% or more given that the wage not feasible, then flexibility dictates that the Belgian workers be willing to move.”

http://mostlyeconomics.wordpress.com/2010/06/21/were-europes-curent-problems-never-imagined/ 

[7] Sono le esigenze del "Pacte de Stabilité et de Croissance".

[8] Nikolaos Salavrakos, Membro del Parlamento Europeo in "Is there a way out?"

http://www.efdgroup.eu/news/99-the-greek-fiscal-crisis-is-there-a-way-out.html

[9] Statistiche dell'OCDE

http://www.oecd.org/document/47/0,3746,fr_2649_34747_39374006_1_1_1_1,00.html

[10] Articolo 122.2 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea:

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2010:083:0047:0200:fr:PDF

 [11] Resoluzion del Parlamento Europeo del 23 Marzo 2011 sul progetto di decisione del ConsiglioEuropeo modificamdo l’articolo 136 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2011-0103+0+DOC+XML+V0//FR

[12] art 48.6 Treaty of the European Union

eur-lex.europa.eu

31 ottobre 2011

 
 

 

Update 6 February 2012

As was the case for the first version of the ESM-treaty of 11 July 2011, the press has apparently decided that the public should not be informed about the new version of this treaty signed 2 February 2012.

Treaty on the Establishment of the European Stability Mechanism (ESM)

 http://www.european-council.europa.eu/eurozone-governance/esm-treaty-signature

A big difference with the first version is that the signatories oblige themselves to pay, but in order to get a loan when they ask for it, they must also sign another treaty, that is not ready yet, the TREATY ON STABILITY, COORDINATION AND GOVERNANCE IN THE ECONOMIC AND MONETARY UNION.

http://www.european-council.europa.eu/media/579087/treaty.pdf

This associated treaty will transfer many more powers to Brussels.

The ESM treaty must still be ratified by the national parliaments before taking effect on 1 July 2012, if the countries representing at least 90% of the shares have ratified it by then. As the press keeps silent on this treaty, it will be difficult to have public debates on the usefulness and consequences of the ESM, like the transfer of parliamentarian and ministerial powers to the ESM.

italian:

http://www.european-council.europa.eu/media/582889/08-tesm2.it12.pdf  (if unavailable, here a copy)

          short video: http://www.youtube.com/watch?v=D0YM-2r8mcA

spanish:

http://www.european-council.europa.eu/media/582869/01-tesm2.es12.pdf   (if unavailable, here a copy)

          short video: http://www.youtube.com/watch?v=A9zrxk9N4e4

german:

http://www.european-council.europa.eu/media/582866/02-tesm2.de12.pdf  (if unavailable, here a copy)

          Short video: http://www.youtube.com/watch?v=d6JKlbbvcu0

estonian:

http://www.european-council.europa.eu/media/582876/03-tesm2.et12.pdf  (if unavailable, here a copy)

greek:

http://www.european-council.europa.eu/media/582879/04-tesm2.el12.pdf  (if unavailable, here a copy)

english:

http://www.european-council.europa.eu/media/582311/05-tesm2.en12.pdf  (if unavailable, here a copy)

          short video: http://www.youtube.com/watch?v=rxMOW94V6xQ

french:

http://www.european-council.europa.eu/media/582863/06-tesm2.fr12.pdf  (if unavailable, here a copy)

           short video: http://www.youtube.com/watch?v=rFTbIGahzhU

irish:

http://www.european-council.europa.eu/media/582886/07-tesm2.ga12.pdf  (if unavailable, here a copy)

maltese:

http://www.european-council.europa.eu/media/582892/09-tesm2.mt12.pdf  (if unavailable, here a copy)

dutch:

http://www.european-council.europa.eu/media/582895/10-tesm2.nl12.pdf  (if unavailable, here a copy)

          Short video: http://www.youtube.com/watch?v=1GaH2MqXfxM

portuguese:

http://www.european-council.europa.eu/media/582898/11-tesm2.pt12.pdf  (if unavailable, here a copy)

           Short video:   http://www.youtube.com/watch?v=EIHC34exwZ4

slovak:

http://www.european-council.europa.eu/media/582901/12-tesm2.sk12.pdf  (if unavailable, here a copy)

slovenian:

http://www.european-council.europa.eu/media/582908/13-tesm2.sl12.pdf  (if unavailable, here a copy)

finnish:

http://www.european-council.europa.eu/media/582911/14-tesm2.fi12.pdf  (if unavailable, here a copy)

swedish:

http://www.european-council.europa.eu/media/582914/15-tesm2.sv12.pdf  (if unavailable, here a copy)

          Short video: http://www.youtube.com/watch?v=myzgAHVBg_s

bulgarian, short video: http://www.youtube.com/watch?v=0RbVSPIFsI8

russian, short video: http://www.youtube.com/watch?v=G50-slShDKs

 

For comparison you can find a copy of the initial ESM treaty here: xx_ESM-treaty_11_July_2011.pdf

 

Se lo volete, potete copiare l'articolo e diffonderlo o pubblicarlo in riviste e siti web.

 

Se non volete perdere il mio prossimo articolo, cliccate su uno o più di questi link.
(Il vostro indirrizzo e-mail non verrà usato per altri scopi).

flag IT   Gradirei ricevere una e-mail ogni volta che compare un nuovo articolo in italiano.
Se il link non funziona , si prega di inviare una e-mail.
indirizzo: courtfool@xs4all.nl
soggetto:
Subscribe articles IT