courtfool.info
Il giullare di corte rivela i segreti
dietro agli avvenimenti modiali
list of articles
StartListOfArticles

courtfool.info favicon I retroscena della finanza e delle banche:

Il sistema bancario in breve
Se hai appena segno qui, io vi darò un saldo di 1.000 euros e 1.000 euros mi dovrete maggiorato degli interessi.

Il sistema bancario in breve

Segreti di denaro, interesse e inflazione
Con solo un piccolo po 'di soldi banchieri possono pagare vicenda milioni...

Segreti di denaro, interesse e inflazione

courtfool.info yellow key Debito, credito, banco!

Canadas National Debt
I politici danno miliardi di euro ai banchieri privati...

Canada: Storia di due sistemi monetari

falling banknotes

new article

flag UK   Private banks or a bank of the government.

flag Bulgaria   Частни банки или банка на правителството.

flag France   Banques privées ou une banque du gouvernement.

flag Netherlands   Privé banken of een overheidsbank.

flag Russia   Банковская система вкратце.

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Dal debito di stato alla moneta di stato


Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Wall_Street_Bull

La banca spiegata: la truffa dei derivati



courtfool.info faviconI retroscena dell'Euro:

La follia dell'euro

La follia dell'euro

Fuori dall'euro, e poi?

Fuori dall'euro, e poi?

MES, il nuovo dittatore Europeo!

MES, il nuovo dittatore Europeo!

YouTube: The new European dictator

courtfool TouTube key ESM ruba i Tesoro entro 3'51''

MES, un colpo di stato in 17 paesi
Tranquillo! Costruire l'Europa!

MES, un colpo di stato in 17 paesi


Zeus rapes Europa

flag UK   Zeus rapes Europa

flag Bulgaria   Зевс насилва Европа

flag France   Zeus viole Europa

flag Netherlands   Zeus verkrachtte Europa

Euromania

courtfool TouTube key EUROMANIA by Peter Vlemmix


Ascensao_e_queda_do_euro

Autores:
Rudo de Ruijter
Yannis Varoufakis
Costas Lapavitsas
James K. Galbraith
Gerard Dunénil
Michael Hudson
Ed Dolan
Jacques Nikonoff
Jean-Claude Paye
Eugénio Rosa
Jorge Figueiredo

courtfool-favicon Le rivelazioni sulla guerra contro la Libia

Obama e Sarkozy in Libia
Obama e Sarkozy in Libia

Le_email_di_Hillary_Clinton_sulla_Libia Le e-mail di Hillary Clinton sulla Libia

NATO rescues euro in Libya

flag UK   NATO rescues euro in Libya

flag France   L'OTAN sauve l'euro en Libye

flag Netherlands   NAVO redt euro in Libië

flag Portugal   NATO resgata o euro na Líbia

flag Bulgaria   НАТО спасява еврото в Либия

flag Russia   НАТО спасает евро в Ливии

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena dietro le democrazie:

power to the_people

flag UK   The road to democracy

flag France   La route vers la démocratie

flag Netherlands   De weg naar democratie

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Iraq:

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Iraq Memorial

Iraq Memorial



courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Afganistan:

Petrolio e 11 settembre

Petrolio e 11 settembre


courtfool.info favicon I retroscena delle accuse all'Iran:

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

courtfool.info yellow key Cancellare Israele dalla carta geografica?


courtfool.info favicon Addio alla sviluppo!

Energia mondiale e popolazione
Le prospettive fino al 2100

Energia mondiale e popolazione

Crisi energetica:
Una svolta per l'umanità


courtfool.info favicon I fatti e le menzogne su il clima:

The clockwork of the Earth and Sun

flag UK   The clockwork of the Earth and Sun

flag France   L'horloge de la terre et du soleil

The activity of the Sun

flag UK   The activity of the Sun

flag France   L'activité du soleil

CO2: scare, claims and fraud...

flag UK   CO2 scare, claims and fraud...

flag France   CO2, panique, affirmations et fraude...


courtfool-favicon Uncover secrets:

Sleepwalking

flag UK   Wake up citizens?

flag Bulgaria   Пробудете се, граждани?

flag France   Réveiller les citoyens?

flag Netherlands   Burgers wakker schudden?

flag Russia   Пробудим ли граждан?

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Chicken_parliament


flag UK   The chicken-parliament

flag Bulgaria   Кокошият парламент

flag France   Le parlement des poules

flag Netherlands   Het kippenparlement

flag Russia   Петушиный парламент

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon Umore:

Protesta a Draguignan
"Ci sono alternative al capitalismo"

courtfool.info yellow key Protesta a Draguignan

Cartoons

new cartoons Cartoons


courtfool-favicon Offerta eccezionale:

Confused perspectives

Ivan Boyadjhiev, Confused Perspectives, 40 x 50 cm Ivan Boyadjhiev
Confused Perspectives
40 x 50 cm
Click here...



courtfool-favicon Treaties:


stroke Treaty establishing the European Union (EU)

stroke Treaty on the Functioning of the European Union (TFEU)

stroke Amendment article 136 TFEU

stroke First version of the Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)(not ratified)

stroke Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)

stroke Treaty on Stability, Coordination and Governance in the economic and monetary union (TSCG)

stroke Vienna Convention on the Law of Treaties 1969


courtfool.info favicon Chi hanno pubblicato gli articoli di Court Fool?
Più di 500 siti?

Publishers

StartPublishers



11 Septiembre 2001
24h Gold
321 Energy
Aardewerk.be
Academie-Gaullisme
Ad Broere
Advivo.com.br
Afghan.nl
Aftershock News (ru)
Albe.ru
Aldeilis
Alexander's Gas and Oil
Alex Constantine's 9/11 Truthmove
Alfa Kappa
Aljazeera Com
Aljazeera Info
Altea te quiero verde
Alter du Lot
Alter Info
Altra Informazione
American Chronicle
American Iranian Friendship Committee
Amsterdam Post
Anarchiel
Andalous.ma
Anonymous France
Anovis Anophelis
Antifascist Encyclopedia
Apocalypse Total
Apokalyps Nu
Apollo Solaris
Aquarius Age
Argusoog
Arianna Editrice.it
ArmonyaX
Articles du jour
Artikel 7 Nu
At-Park / АТ-парк
Atama Moriya
Atlas Vista Maroc
Au bout de la route
Avant de voter
Averdade vos libertara
Avicennesy
Avizora
A voz do povo
Baltimore Chronicle
Bankiv Tomske.ru
Banque publique .be
Beaujarret 50'z
Beez Libre Info
Before it is news
Belém Livre
Bernard Sady
Bezformata.ru
Biflatie.nl
Blogapares
Blog Chalouette
Blog Chatta.it
Blog économique et social
Blogg.org
Blog World-citizenship
Bobo in Paraguay
BOINNK!!!
BouBlog
Brasilianas.org
Brood en spelen
Bullion Management Group
Burbuja.info
Business-Gazeta.ru /
БИЗНЕС Online
Cafe 415
Candombeando
Cantv
Carla Noirci's Log
CASMII
Caveat emptor
CawAilleurs
CDU Arouca
Cenex.com.ua
CGT Santé 46
Chatta it
Chipstone
Chris Roubis
Chiado Editora
Club Invest
Cogito ergo sum
Collectif de Remises En Causes de Besançon
Come Don Chisciotte
Comité Valmy
Comité van waakzaamheid
Conscience Citoyenne Responsable
Contre-Info
Correio Progressista
Corriera della Notte
Cosenostrea casanostra
Counter Currents
Crash Debug fr
Crise Systémique Globale
Critical Trend (bg)
Criticamente
Cross-Cultural Understanding
Dagboek van een belegger
Daily Motion
Daily Times
Dandelion Salad
Dazibaoueb
Déborah 33 Epée
De Echte Denker
De Kelderlander
De Lange Mars
Démocratie réelle Nimes
De Waarheid Nu
Démocratie capitaliste
Démocratie Réelle à Nimes maintenant
Démocratie royale
Democratische Partij v Solidariteit
Denissto.eu
De Reaguurder
Desenvolturas e desacatos
De Vrije Chroniqueurs
Dialogue & Démocratie Française
Diário Liberdade
Diatala.org
Digitale Stad Eindhoven
Dimensional Bliss
Dinamica Global
Dire Giovani
Dissident News
Dit kan niet waar zijn.eu
Diário de Notícias - Cartaz
Djamazz Centerblog
Docplayer.ru
Dolezite.sk
ДОТУ.org.ua / Dotu.org.ua
Double Standards
Dove sono le ragazze
Doy Cinco
Dreamdash
Dutch Amazing Nieuws
Dwarslezing
E.J. Bron
Earth Matters
Earth Matters
Económico Fórum pt
EconomicBlogs.org /
Мировая и рыночная
экономика
Статьи и книги

EC-planet
Eco-Humanisme Radical.org
Edelmetaal.Info
Educate Yourself
E-Foro Bolivia
Égalité & Réconciliation
Eindtijd in beeld
Élections Algérie
EliteTrader.ru / Элитный Трейдер
El Libre Pensador
Elkhadra
Eltimir / Елтимир
End the ECB
End US Militarism
天涯社区 /
(End of the world community)

Enrico Sabatino
Entrelector
Es.Sott.net
Etienne Chouard
EU Alert
Europe 2020
Europlouf
Eurostaete eu
Eva Anárion
Evolution de notre civilisation
Facebook
Fai te
FCCI
FDESOUCHE
Ferra Mula
Filosofia e Tecnologia
Fimdostempos.net
Finanza.com Blog
Finanza Online
Focus στην Οικονομία
Folha diferenciada
Forexaw
Fortune F. Desouche
Forum démocratique
Forum des Alternatives.org
Forum.for-ua.com
Forum Mondiale della Alternative
Four Winds
Français de France
Francisco Trindade
François de Siebenthal
Free Minds
Freedom Bytes
French News Online
French Revolution
Fronte di Liberazione dai banchieri
FTU.su
Fugada YouTube Forum
Future Fast Forward
Gabriele van Doorn
Geen Flauwekul
Generaal Pardon
Geografia e Luta - Prof. Mazucheli
Geopolíticablog
George Orwell Werkgroep
Gerakanhatimmm
Gest Credit
Gianfranco Vizzotto
Gino Salvi
Global Echo
Global Economic Intersection
Global Faultlines
Global Order
Global Research
Global Systemic Crisis
Golden Heart
Gorod.Tomsk.ru
Город.Томск
Goto 2012
Goudstaven-goudstukken
草根金融服务社 /
(Grassroots Financial Service)

Grioo
Guerre Libre Info.org
Henry Makow
Het echte nieuws.be
Het uur van de waarheid
Hidden Mysteries
Ho visto cose che voi umani
Holland 4 MPE
Ho visto cose che voi umani
Hubbert Peak
Huffington Post
Iceberg Finanza
Il nodo gordiano
Imperiya / Империя
Indebitati
Indymedia
Indymedia Portland
Info Guerilla
Infomare Per Resistere
Information Clearing House
Informazione in Rete
Infos différentes
Infowars Ireland
In Pursuit of Happiness
Institute of Evolutionary Economics
Instituto Reage Brasil
Intellezione
Intermarket & more
International Business Times
InvestGraf
Investors Hub
Iran Blog
Iran Daily
Iran File
IRIB Iran French Radio
Irish Public
Irish Timez
Irissan
Islam City
Isxys / ΙΣΧΥΣ
Ivan Mutov
Jean Marie Lebraud
Joomla
Joop.nl
Joop van Kleef
Jornal Fraternizar
Jornalggn.com.br
Jose Joa Net
Josè Maria Salvador
Journal la Mée
Journal Milénio
Journaux de Guerre
Kanie Tistory
Klein Paradijs
Klepsudra
Kollinos
Komitet / Комитет
Kostarof
L'éveil 2012
L'Observatoire de l'Immo
La banlieu s'exprime
Lanet Kiev
Las razones de Aristófanes
LeaksFree.com
Le Banquier Garou
Le Blog d'Eva
Le Blog de Nicole
Legion 5-9
Legio Victrix
Le Lot en Action
Le Metropole Cafe
Le Monde du Sud
Le Partisan de Gauche
Le Post
Les Indignés
Les moutons enragés
Leugens
Lettre d'Informations Stratégiques Internationales
Liberamenteservo.it
Libertatum
L.I.E.S.I.
Lit Corner
L'Olandese volante
Luminária
Macua Blogs Moçambique
Magok Vagyunk
Malarce sur la Thines
Manifeste pour un débat sur le libre échange
Mapeni School
Marianne2
Marista Urru
Market Oracle cn
Market Oracle co.uk
MasterNewMedia
Mathaba News
Maurício Porto
Max 1967
Maxi News
MBM Hautetfort
Mecano Blog
Melochi
Mens en Politiek
Mercato Libero News
Metropolis
Mga Diskurso ni Doy
Michel Collon Info
Middle East Online
Mondialisation Ca
Money Files
Mouvement Politique d'Éducation Populaire
Na Sombra.org
Nato nella tana
Natural Money
Nervyoko-bis
Newropeans Magazine
News Follow Up
Newzz in Ukrain
Niburu
Nieuw-Nederland
Nieuws-Flash
Norma Tarozzi
Nota.to-p.net / НОТАРИАТ
Notizie Libere
Notizie Silcea
Nous les dieux
Novusordoseclorum
NucNews
Nya Politiken
Ocastendo Blogs
Occupy Amsterdam
Occupy Network tv
Oil Crisis
Olo's Ramblings
Oko-planet.su / Око Планеты
Onderzoek 9/11
One Base.com
Ons geld
Ontdek Islam
Openbare Bank be
Os Bárbaros
Osservatorio Sovranità Nazionale
Osvaldo Bertolino
Our World / НАШ МИР
Oxygene.re
Pakistan News Service
Palestine - Solidarité
Panier de Crabes
Paper Blog fr
Paperless Korea
Paraguay Tistory
Partage dialoguer avec jean loup
Parti de Gauche 34
Partido Comunista Brasileiro
Patrice Mars
PCF Bassin
PCF Cap Corse
Peace by Truth
Peak Oil .pl
Pensare Liberi News
Pensioenblog
Perunica
Peter Pan's Paradijs
Philippe Vedovati
Pintxo
Planeta Caos
Planete Non Violence
Plein Overheid
Politics & Current Affairs
Portal Luis Nassif
Portland Independent Media Center
Post Jorion
Post Switch
Pragmatic Economist
Pravda / Правда
Primavera do 11
Project for the Old American Century
Prova Final
Puszta Igazság
Quo Fata Ferunt
Raise the Hammer
Ravage Digitaal
Rayven
Real Infos
Real Wealth Society
Recuperare Credit
Relapsing Fever
Resistance
ReRuBabs
Réseau International
Resistance 71
Résistance FR
Resistenze.org
Resistir Info
Resurs.by
Revolta Total Global
Robin Good
Rodon
Rol Club
Rue 89
Rus Nevod
Sahar TV Iran
Sandro Samuel
Saura Plesio
Schoonoord Web
Seigneuriage Blogspot
Sempre Vigili!
Shem.se
Siddharth Varadarajan
Signoraggio.it
Silver and Gold Shop
Silver Bear Cafe
Sociale Databank Nederland
Sociale Driegeleding
Sociologias
SOS-crise
Sott.net
Soutenir l'Afghanistan
Spartacus.info
Spazio Forum
Spiegelbeeld
Spraakloos
Sprookje Nieuws
Stampa Libera
Star People
Stienster Blogspot
Studien von Zeitfragen
Stop de bankiers
Storyo.ru / Страницы истории
Suciologicus
Sustainocratie
Svobodnoslovo / Свободно слово
Tegen Onzin
Textos A Voz do Povo.pt
The Movement
The People's Forum
The Pragmatic Economist
The Voice of Wakker Holland
The Wild, Wild Left
Tijdgeest Magazine
Time For Change
Timotv
Toine van Bergen
TomskNet.ru / Город.Томск
To-p.biz
Top-débats.info
Tora Yeshua / תורה־ ישוע
Trademan.org
Transatlantic Information
Exchange System
Transition Town Breda
Transcom Se
Triplo II
Truth Spring
Truth Move 9/11
Tunisia Today
Uitpers
UKIP Hillingdon
Um Novo Despertar
Uruknet Info
Vemiplast
Verborgen Nieuws
Vermelho.org.br
Verontruste Moeders
Veterans for America
Video data bg
Viewzone Magazine
Vilag Helyzete Blogspot
Vilistia
Visionair.nl
Vision Démocrate.net
V-Kontakte.ru / Вконтакте
Voix dissonnantes
Volya.ariy.org
Voprosik / Вопросик
Voy Com
Vrijspreker
Vues du monde
Vyacheslav Burunov
ВячеславБурунов
Wake Up From Your Slumber
Wakkere Mensen
Wall Street Pit
Want to know .nl
War and Peace / война и мир
Waterput klassiek
We Are Change Holland
We Are Change Rennes
Welcome Back UZ
Werkgroep George Orwell
What really happened
Wij worden wakker
Wiki Strike
Wisdia Encyclopedia
Worldissue Blog bg
World Prout Assembly
Wroom.ru
YouTube
Yursodeistivie / Юрсодействие
ZakonVremeni.ru
ЗаконВремени
Zebuzzeo
Zé Povinho no século XXI
Znanie-Vlast.ru
БезФормата.ru

Since 2006 the sites here above have published one or more of the court fool's articles. Some seem to be out of reach today, either because these websites or pages do not exist anymore, or because of other causes. To compliment them, I have chosen to keep them in the list.
Rudo de Ruijter

courtfool-faviconSpecial thanks to:

Christine, Corinne, Francisco, Evelyne, Françoise, Gaël, Peter, Ingrid, Ivan, Krister, Jorge, Marie Carmen, Ruurd, Sabine, Lisa, Sarah, Valérie & Anonymous...

courtfool-favicon Ringraziamenti per le traduzioni:

StartTranslators

Alter Info
Carlo Pappalardo
Come Don Chisciotte
Ermanno di Miceli
Ivan Boyadjhiev
Jorge G-F
Lisa Youlountas
Jose Joaquin
Manuel Valente Lopes
Marcella Barbarino
Marie Carmen
Mary Beaudoin
Michel Ickx
Михаил
Natalia Lavale
Nicoletta Forcheri
Peter George
Resistir Info
Traducteur sans frontière
Valérie Courteau

StartJoinTranslators
Decrease text size
Increase text size

 

La banca spiegata: la truffa dei derivati

Spiegazioni di Matthias Chang
Titolo originale: Bistro - Bank of International Settlements Total Rip Off
www.FutureFastForward.com

BISTRO - Bank of International Settlements Total Rip Off

Basilea III è un ulteriore sfacciato tentativo della Banca dei regolamenti internazionali e delle banche mondiali "troppo grandi per fallire" di coprire le loro truffe e di puntellare il pasticcio dei derivati.

Parte 1 – I meccanismi della truffa dei derivati

Il fatto che la gente normale, negli USA e negli altri paesi industrializzati, non si sia riversata in strada per linciare gli alti papaveri delle banche centrali e i loro complici di Wall Street o delle altre piazze bancarie è una chiara dimostrazione di quanto sono stati abili i gruppi finanziari a infinocchiare e confondere le masse.

Sono stati fatti sparire miliardi di dollari, ma ben pochi alti responsabili hanno sollecitato indagini criminali. Banchieri di primissimo piano, legali, esperti finanziari, legislatori e politici di tutte le tendenze hanno perpetrato frodi massicce, ma nessuno di loro pagherà per questi crimini.

In cambio, il ragazzino che ruba un paio di dollari di merce nel negozio all'angolo viene sbattuto in carcere per cinque anni o più, malmenato e umiliato durante la detenzione. Non c'è pietà per delinquenti di questa sorta, quali che siano state le circostanze che li hanno spinti a commettere un così grave misfatto.

I vari Bernanke, Geithner, Paulson, Larry Summer e i loro degni compari nella Goldman Sachs, JP Morgan, Citigroup, Merrill Lynch, Bear Sterns, Lehman Brothers, Fannie Mae, Freddie Mac o nelle corrispondenti banche europee, godono di una totale immunità e possono continuare a distruggere e saccheggiare l'economia globale. Se gli analisti finanziari e i commentatori onesti non semplificheranno analisi e spiegazioni, in modo da permettere a più gente di capire come sono state portate avanti le frodi, sono fermamente convinto che la situazione attuale non cambierà e che il saccheggio continuerà.

Quest'articolo è un tentativo di spiegare con parole semplici la massiccia frode bancaria, e spero di riuscirci.

ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI

L'attività bancaria è un'attività estremamente lucrativa, e il responsabile della vostra banca locale lavora duro per fornire un servizio e ottenere profitti accettabili per i suoi dipendenti. Ho trascorso oltre 20 dei miei 34 anni come avvocato a formare i banchieri alle loro operazioni quotidiane, e li ho sempre considerati seri e affidabili. È molto raro che uno qualsiasi dei settore di attività bancaria registri perdite; direi che il 98% fornisce alla sede centrale un flusso costante di profitti. La rete dei vari settori costituisce un efficace sistema di pagamenti per il commercio e per le nostre esigenze di tutti i giorni. Non ho niente da dire contro le agenzie bancarie locali, anche se funzionano col principio della riserva frazionaria.

L'articolo si propone di illustrare le frodi perpetrate dalle elite finanziarie delle sedi centrali delle banche e dalle banche "troppo grandi per fallire", che hanno profittato delle scappatoie concesse dal sistema, con la complicità dei banchieri centrali e dei legislatori.

Per capire le scappatoie del sistema bisogna prima capire come funziona il sistema bancario, e in particolare il principio della riserva frazionaria adottato dalle banche in tutto il mondo.

E il modo migliore per arrivarci è quello d'imparare alcuni termini fondamentali.

1.0 Capitale della banca

1.01 La legge impone alla banca di avere a disposizione una percentuale minima di capitale. In parole povere, ci devono essere sufficienti "attivi" da compensare le passività.

1.02 Perché "attivi" è tra virgolette? Perché nel mondo delle banche il termine ha un significato alquanto diverso da quello normale.

1.03 Lo stato patrimoniale e la forza di una banca dipendono dal rapporto capitale/impieghi espresso in percentuale.

1.04 Nel 1988 la Banca dei regolamenti internazionali di Basilea (Svizzera) definì uno standard internazionale (Basilea I) per valutare il rapporto capitale/impieghi e stabilì che il capitale totale avrebbe dovuto essere pari ad almeno l'8% degli attivi totali ponderati al rischio.

Per capire come è stata perpetrata la frode non bisogna dimenticare che nel 1988 il rapporto era stato fissato all'8%.

2.0 Attivi ponderati al rischio

2.01 Nel precedente paragrafo ho inquadrato tra virgolette il termine "attivi" perché nel mondo delle banche gli "attivi" vengono calcolati in modo diverso da come si fa nel mondo reale.

2.02 Come vedremo più avanti, questa è una delle cause della confusione e dei malintesi che imperano tra tanti analisti e nel pubblico a proposito della riserva frazionaria bancaria. Ed è anche la chiave che spiega come i banchieri hanno potuto perpetrare la truffa.

2.03 Come vengono trattati e classificati gli "attivi" bancari?

Bisogna tenere ben presente che la classificazione degli attivi bancari ha lo scopo di determinare il rapporto di capitale (così come definito negli accordi Basilea I, e i successivi Basilea II e Basilea III).

2.04 Non tutti gli attivi bancari vengono trattati allo stesso modo.

Perché?

2.05 I banchieri hanno avuto la geniale idea di classificare gli "attivi" in base al loro "rischio". Da qui il termine attivi ponderati al rischio!

In sintesi, se un "attivo" presenta pochi rischi sarà necessaria una minore riserva di capitale.

2.06 Prendiamo, ad esempio, la tabella che segue.



2.07 Si noti, per inciso, che ai fini della contabilità bancaria i prestiti vengono considerati "attivi", concetto piuttosto incomprensibile per una persona normale, che considera invece "attivi" contanti, risparmi, proprietà (case, fattorie), azioni e titoli di stato. Si tratta di un'ulteriore motivo di confusione quando si parla di "attivi bancari".

2.08 Dalla tabella si deduce che il "rischio 0" non richiede riserve di capitale e che gli "attivi" molto rischiosi richiedono invece la riserva di capitale più elevata. In base agli accordi di Basilea, i titoli ordinari rappresentano la forma più alta/migliore per assorbire le perdite.

2.09 Il fatto che gli accordi di Basilea prevedano due categorie di capitale non fa che aggiungere confusione.

3.0 Tier 1 (Capitale di primo livello) e Tier 2 (Capitale di secondo livello)

3.01 Il capitale di primo livello si riferisce al valore di carico (valore contabile) del capitale sociale della banca e degli utili non distribuiti [la BRI lo definisce come capitale costituito da riserve, azioni ordinarie e loro immediati equivalenti. NdT]. Il capitale di primo livello dev'essere almeno pari al 4% degli attivi totali ponderati al rischio. Il capitale di secondo livello si riferisce alle riserve per perdite su crediti (capitale accantonato per il caso di crediti impagati e conseguenti perdite per la banca) e debiti subordinati [la BRI lo definisce come capitale costituito da capitale diverso da quello di primo livello: inferiore, cioè debiti a lunga scadenza, e superiore, cioè beni rivalutati ma non ancora inseriti nel capitale azionario. NdT] [1].

3.02 Il capitale totale corrisponde dunque al totale di Tier1 + Tier2, così come definiti dagli accordi di Basilea. Il capitale totale deve essere almeno pari all'8% degli attivi totali ponderati al rischio.

Consideriamo la tabella che segue [2]



La tabella ci permette di calcolare le riserve di capitale di cui la banca deve obbligatoriamente disporre.

3.03 0 x $40 milioni + 0 x $80 milioni + 0,2 x $100 milioni + 0,5 x $200 milioni + 1 x $300 milioni + 1 x $80 milioni = $500 milioni.

Gli attivi totali ponderati al rischio vengono stimati pari a 500 milioni di dollari perché abbiamo preso in considerazione solo le ultime quattro categorie di credito, quelle cui era stato assegnato un fattore di rischio superiore a zero (0).

La banca ha dunque l'obbligo di disporre di un capitale Tier 1 pari ad almeno il 4% di 500 milioni di dollari, cioè 20 milioni di dollari (capoverso 3.01).

Complessivamente, la banca ha l'obbligo di disporre di un capitale totale pari ad almeno l'8% di 500 milioni di dollari, cioè 40 milioni di dollari (capoverso 3.02)

3.04 Se guardiamo con un poco di attenzione la tabella 1, possiamo trarre le seguenti conclusioni:

a) I titoli di stato sono sicuri quanto il contante e dunque considerati a "rischio 0"; in altri termini non c'è pericolo che lo stato fallisca. Non lo dico io, lo dicono gli accordi di Basilea, che non giudicano l'avvenimento nemmeno lontanamente possibile: eppure negli ultimi mesi abbiamo visto incombere lo spettro della bancarotta dei paesi PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) e naturalmente del Regno Unito e degli USA. In effetti nel 1971 gli USA erano insolventi, ed è per questo che Nixon fece uscire il paese dal sistema aureo di Bretton Woods.

I prestiti interbancari possono difficilmente essere considerati un vero e proprio rischio, ma i banchieri non vogliono essere visti come degli approfittatori e, secondo gli accordi Basilea I, vi attribuiscono in fattore di rischio dello 0,2.

b) I prestiti commerciali sono più rischiosi delle ipoteche (i mutui sulle abitazioni sono garantiti dal valore della proprietà).

4.0 Le valutazioni delle agenzie di rating (Moodys, S & P, Fitch, ecc.)

4.01 Anche le agenzie di rating assegnano un fattore si rischio ai prodotti finanziari, alle istituzioni, ecc. La valutazione varia da AAA (il meglio in assoluto) a "Spazzatura". I titoli di stato vengono considerati AAA, cioè privi di rischio, secondo gli accordi Basilea I.

4.02 A questo punto si può cominciare ad intuire il meccanismo della truffa perpetrata da banche, agenzie di rating, legislatori, banchieri centrali. La truffa dei derivati si è sviluppata proprio da qui. Perché?

4.03 Lo scopo dichiarato delle valutazioni è quello di mettere gl'investitori in grado di decidere il prezzo che sono disposti a pagare per un investimento: quanto più l'investimento è rischioso tanto più elevato sarà il guadagno che ci si aspetta di ottenere, e viceversa. E dato che i titoli di stato sono quotati AAA, ogni entità o prodotto classificato AAA verrà considerato a rischio nullo. Dev'essere così: gli accordi Basilea I hanno assegnato ai titoli di stato un rischio nullo e la valutazione AAA attribuita dalle agenzie di rating ha lo stesso profilo di rischio. In conclusione, ogni entità o prodotto classificato AAA verrà considerato sicuro quanto i titoli di stato.

4.04 Dal punto di vista dei banchieri e dei loro accoliti nelle agenzie normative, banche centrali, ecc. gli "attivi" con rating AAA (rischio zero) non hanno bisogno di una riserva di capitale. Quand'anche a questi titoli dovesse venire attribuito un fattore di rischio minimo, i banchieri ci guadagnerebbero comunque perché dovrebbero accantonare solo una riserva minima. Ed è da qui che sono partiti i loro tortuosi schemi.

Prima di continuare, voglio mettere bene in chiaro che l'intero sistema di riserva frazionaria bancaria è una piramide inversa con un capitale ridotto su cui poggia un ampio "attivo", come si vede dalle tabelle 1 e 2.

Parte 2 – LA MENTE TORTUOSA DEI BANCHIERI

Per capire come è stata portata avanti la truffa bisogna ora ragionare come un dirigente della Goldman Sachs o della JP Morgan. Le cifre della tabella 2 sono espresse in milioni di dollari. Trasformiamole in miliardi e ci renderemo subito conto del perché i banchieri trascorrono il loro tempo a mettere a punto sistemi per ridurre la necessità di accantonare riserve di capitale. Quello che ai banchieri interessa non è proteggere i clienti e risparmiatori (la gente che ha consegnato i sudati risparmi alle banche) ma trovare il modo per ridurre la necessità di accantonare riserve di capitale: ogni dollaro messo da parte è un dollaro che non genera interessi/profitti.

Se gli "attivi per prestiti" ammontano a miliardi , le riserve di capitale ammontano a milioni: soldi dormienti che non fruttano interessi e non generano profitti!

L'ho già detto prima, l'attività bancaria è un'attività estremamente lucrativa, e uno dei settori più lucrativi è quello dei prestiti ipotecari: i mutui per acquistare una casa. Coprono un periodo che varia tra i 20 e i 30 anni; in pratica la banca riceve un flusso regolare di profitti per un'intera vita, grazie agl'interessi composti caricati. Inoltre si tratta di "soldi"/prestiti creati dal nulla, come spiegherò in un successivo articolo.

Negli ultimi venti anni le banche sono diventate ingorde, realmente ingorde, e imprudenti. E tra i banchieri i peggiori sono quelli d'investimento: stupratori delle finanze che badano solo ai propri interessi e incassano bonus di vari milioni ogni anno!

In sintesi: come si vede nella tabella 1, i prestiti vengono classificati "attivi" e comportano un certo rischio. Il rischio associato varia tra 0 e 1. Se ci sono rischi bisogna accantonare riserve di capitale per coprire le perdite eventuali.

Cosa mai può fare un dirigente della Goldman Sachs o della JP Morgan che ha alle sue dipendenze un manipolo di giovani maghi e di geniali esperti?

5.0 BISTRO

5.01 Sono pochi a sapere che BISTRO è il nome dello schema messo a punto negli anni '90 dai maghi della JP Morgan per aggirare la norma sul rapporto capitale/attivi fissata dagli accordi Basilea I.

5.02 Quando un debitore non riesce a rimborsare un prestito, il prestito viene categorizzato come prestito in sofferenza. Esiste sempre il rischio che un debitore non riesce a rimborsare un prestito. Nel gergo bancario si parla di rischio d'inadempienza.

5.03 Dato che i prestiti generano un flusso costante d'interessi e di rischi d'inadempienza, come può fare un banchiere ad avere la botte piena e la moglie ubriaca, in altre parole a mantenere il flusso di entrate e profitti senza addossarsi i rischi d'inadempienza? Ecco la domanda da un miliardo di dollari e la sfida che i banchieri dovettero affrontare negli anni '90.

5.04 Per dirla in un'altra maniera: la sfida consisteva nel'incamerare sostanziose entrate e profitti e nello "scaricare" i rischi!

5.05 Era possibile distribuire e diluire i rischi, aggirando così gli obblighi imposti dalla norma sul rapporto capitale/attivo prevista dagli accordi Basilea I? E se sì, come?

5.06 La soluzione: impacchettare i rischi d'inadempienza e commercializzarli come titoli. Le tortuose menti della JP Morgan, guidate da Peter Hancock, chiamarono quest'audace operazione d'ingegneria finanziaria BISTRO. Anche se il gruppo di Hancock non era stato il primo pensare a una soluzione di questo tipo, tutti sono d'accordo nell'ammettere che furono però i primi a realizzarla a grande scala, trasformando i derivati su crediti nel grande pasticcio che conosciamo oggigiorno.

5.07 Il punto centrale dello schema consisteva nel trovare un organismo disposto ad assumere il rischio in cambio di un premio, una forma di assicurazione. Se non c'è sofferenza l'organismo incamera una valanga di "premi" per aver assunto il rischio d'inadempienza. La banca (che ha creato il debito) è protetta e i suoi profitti consistono nella massa d'interessi meno i premi pagati per proteggersi: la banca è quella che acquista la protezione e l'organismo quella che vende la protezione.

Si pensi all'infame e sospetto legame tra A.I.G e Goldman Sachs.

5.08 La prima grande operazione di questo tipo, tra la JP Morgan e la BERS (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo), servì a coprire la linea di credito di 4,8 milioni di dollari che la banca aveva concesso alla Exxon. La JP Morgan era al settimo cielo: era stato venduto un rischio d'inadempienza, e il rischio era stato "diluito".

5.09 Il nome dato a questo specifico tipo di operazioni fu Credit Default Swap (CDS)!

5.10 Anche i legislatori furono colpiti dalla logica dello schema, e nel 1966 la FED era tanto convinta dello schema da emanare una norma che permetteva alle banche di ridurre le riserve di capitale usando derivati su crediti.

5.11 Il CDS fu solo uno dei numerosi prodotti con derivati su crediti diffusi negli anni '90. I prodotti non furono chiamati derivati su "debiti", ma derivati su "crediti"; con questo gioco di parole è stata gettato fumo negli occhi di un sacco di persone. Un prestito è una forma di debito di chi lo ha ottenuto, ma è anche un credito per chi lo ha concesso.

5.12 Perché non "derivato su debiti"? Perché non chiamare lo scambio DDS (Debt Default Swap) invece di CDS? Si è trattato di una efficace operazione strategica e mediatica per promuovere un nome che ha una connotazione positiva. Debito ha una connotazione negativa, anche se descrive in maniera più corretta
la natura della transazione. La terminologia è ovviamente una maniera di nascondere il fatto che i banchieri non hanno sufficiente fiducia in chi ottiene il prestito e richiedono un'assicurazione contro i rischi d'inadempienza del rimborso, anche se il beneficiario dell'operazione ha fornito garanzie collaterali per coprire il debito/credito. Nel caso prima citato si trattava della potente Exxon!

5.13 La Exxon aveva un rating AAA, e tuttavia la JP Morgan non si era sentita sicura e aveva voluto proteggersi dal rischio d'inadempienza. Stando così le cose, le agenzie non avrebbero dovuto declassare il rating della Exxon da AAA (rischio zero o minimo)? Chiamando l'operazione "derivato su credito" si nascondevano i rischi relativamente importanti d'inadempienza del rimborso. Nessuno può essere incolpato, perché tutti hanno giocato il gioco per salvare la loro valutazione AAA!

5.14 Prima di continuare, voglio spiegare brevemente il significato del termine "derivato", e lo farò riferendomi alla transazione descritta al capoverso 5.08.

La transazione principale è la linea di credito concessa dalla JP Morgan alla Exxon. La necessità di proteggersi da eventuali inadempienze nel rimborso ha dato luogo a una nuova transazione che è derivata dalla principale. Ogni transazione finanziaria che è conseguenza da un'altra transazione principale si chiama derivata.

Ne consegue che i derivati su crediti, come i CDS, sono "transazioni creditizie" derivate da, o dipendenti da, un'altra transazione principale, ad esempio un prestito.

6.0 Impacchettamento e cartolarizzazione dei debiti

6.01 Quando si cominciò a sviluppare questo nuovo strumento, il rischio dei derivati su credito veniva trasferito/distribuito a un organismo di copertura ad esempio la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, ma il prestito o facilitazione di credito era ancora registrato nelle scritture contabili della banca. Un CDS può ridurre il fattore di rischio assegnato a un particolare "attivo per prestito" ma comunque rispettare il rapporto capitale/impieghi previsto dagli accordi Basilea I.

6.02 La conseguenza logica è che se i prestiti non sono più nei suoi libri contabili, la banca non deve rispettare il rapporto capitale/impieghi. La banca, in altri termini, risultata meno esposta agl'impagati, sia per aver ceduto il rischio a un organismo di copertura sia aver trasferito gli "attivi per prestiti" agl'investitori.

6.03 Vendere individualmente gli attivi per prestiti sarebbe complicato, lungo e poco ben visto dal mercato. Il passo successivo era quindi venderli in pacchetti, ottenendo tra l'altro grossi flussi di entrate grazie agl'interessi incassati. Ma raggruppare gli attivi per prestiti creava un problema: differenti tipi di credito hanno differenti fattori di rischio e i debitori hanno differenti tassi d'interesse legati alla loro capacità di rimborsare. I banchieri ebbero la geniale idea d'infilare nei prestiti a basso rischio qualche prestito ad alto rischio: in tal modo, anche se qualche prestito ad alto rischio non fosse stato rimborsato, i profitti ottenuti coi prestiti a basso rischio sarebbero stati sufficienti a coprire le perdite. L'idea ebbe successo.

6.04 C'era un'altra possibilità. Quando le banche emettono titoli, ad esempio obbligazioni, possono "legare" gli attivi per prestiti ai titoli, in modo che i rimborsi ipotecari (flusso di cassa) servono a pagare i detentori di titoli (coloro che hanno acquistato obbligazioni). In termini di mercato, questi titoli sono chiamati Mortgage-backed securities (titoli garantiti da ipoteche). L'idea ha reso la commercializzazione dei titolo più accettabile e vantaggiosa.

6.05 Dal punto di vista delle banche, non c'erano mai stati tanti soldi da guadagnare. L'ingegneria finanziaria poteva essere usata per generare più entrate e profitti, e quindi più bonus. Gl'ingegneri finanziari tirarono fuori l'idea di tagliare i titoli in tranche.

6.06 Ogni tranche avrebbe avuto differenti livelli di rischio e di guadagno: le tranche erano tre. La “junior tranche” comportava il rischio più grande e prometteva i maggiori guadagni. La "tranche intermedia" comportava un rischio ridotto e guadagni più bassi. La "senior tranche" aveva il rischio più basso e il guadagno più modesto. Gl'investitori avevano così la possibilità di scegliere l'opzione che preferivano: i più portati alla speculazione potevano optare per la junior tranche, mentre i più conservatori potevano limitarsi alla senior tranche, privilegiando la sicurezza piuttosto che il guadagno. Gli attivi per prestiti furono così eliminati dalla contabilità delle banche. Per attirare gl'investitori, le agenzie di rating (in cambio di enormi provvigioni) si associarono e contribuirono nel dare la votazione più alta a questi prodotti finanziari. Come si suol dire, il resto è storia.

7.0 Special Purpose Vehicles (SPVs)

7.01 Quando prese il via il pasticcio mondiale dei derivati, le "banche troppo grandi per fallire" divennero ancora più avide. I venditori di copertura (i venditori di CDS) stavano facendo denaro troppo facilmente col solo assicurare i rischi d'impagato. Le banche decisero quindi di garantirsi da sole e crearono gli SPV (Special Purpose Vehicles) che dovevano vendere i CDS destinati a coprire gli attivi per prestiti delle banche. Era un poco come tirare fuori soldi dalla tasca sinistra e rimetterla nella destra; ma il punto chiave è che in questo modo veniva aggirato l'obbligo del rapporto capitale/impieghi degli accordi Basilea I. Ben presto i SPV si resero conto che avrebbero potuto intascare ancora più soldi vendendo i CDS a investitori, fondi d'investimento e fondi pensionistici alla ricerca di maggiori profitti. Alla fine del giro, i garanti erano gl'investitori globali.

Ma nessuno si chiese se questa ultima linea di venditori di copertura mondiali avrebbe avuto i mezzi per far fronte agl'impagati in caso di crolli di grande proporzioni. Se l'AIG non disponeva dei requisiti finanziari per coprire i CDS della Goldman Sachs e delle altre "banche troppo grandi per fallire" come avrebbero potuto farlo gl'investitori? Per dirla tutta, era uno schema di Ponzi puro e semplice!

7.02 I CDS divennero un nonsenso. Non erano più usati per coprire gl'impagati ma divennero uno strumento di scommesse arrischiate, con la Goldman Sachs in prima linea. Per dirla in modo semplice, questi banchieri truffatori crearono "attivi per prestiti" tossici, li impacchettarono, li assicurarono, li affibbiarono a investitori avidi e infine li scaricarono quando erano al minimo per averci scommesso contro.

7.03 FED, tesoro USA, banchieri centrali o chiunque altro può in tutta sincerità affermare che questa cloaca di banche/derivati può essere ripulita e che i miliardi di rifiuti tossici possono essere sottratti alla speculazione? Mi gioco la testa che la seconda fase di quantitative easing [la creazione di moneta da parte delle banche centrali, con conseguente ampliamento della massa monetaria, per acquistare titoli. NdT] da parte della FED non cancellerà il problema. C' è troppa robaccia in giro per poterla eliminare in questo modo.

Ecco perché in tutti i miei articoli non mi stanco di ribadire che le "Banche troppo grandi per fallire" sono tutte insolventi.

LA COPERTURA OFFERTA DALLE BANCHE CENTRALI

La Banca dei regolamenti internazionali viene spesso indicata come la banca centrale delle banche centrali, ed è pienamente coinvolta nel coprire i crimini finanziari del secolo.

Torniamo per un momento agli accordi Basilea I, in particolare alla tabella 1 con il capitale di primo livello (4%) e il capitale totale (8%) dei attivi ponderati al rischio del capoverso 2.06 e 3.01. Gli accordi risalivano al 1988.

Poi arrivarono gli accordi Basilea II.

E ora ci avviamo rapidamente agli accordi Basilea III, recentemente annunciati.

Come si può leggere nel comunicato stampa della BRI:

“Nella riunione del 12 settembre 2010, il Group of Governors and Heads of Supervision, l'organismo di sorveglianza del Basel Committee on Banking Supervision, ha annunciato un sostanziale rafforzamento degli attuali requisiti sul capitale e ha pienamente approvato gli accordi raggiunti il 26 luglio 2010…”

La domanda da un miliardo di euro è: perché si sente il bisogno di "rafforzare sostanzialmente" i requisiti di capitale?

Nella mia analisi ho mostrato come le grandi banche hanno usato sistemi contorti per ridurre sostanzialmente le esigenze di capitale, e tutti questi trucchi sono stati perdonati e approvati dalla BRI e dalle altre banche centrali.

Nel 1988 il capitale di primo livello era stato fissato al 4% e il capitale totale all' 8% degli attivi totali ponderati al rischio.

Nello stesso comunicato stampa la BRI ha dichiarato che:

Il pacchetto di riforme del Comitato aumenterà i requisiti minimi in titoli ordinari dal 2% al 4.5%. Inoltre le banche dovranno detenere un capitale liquido tampone del 2.5% per fronteggiare futuri periodi di tensione, portando i requisiti minimi in titoli ordinari al 7%.”

BRI ha dichiarato che dal 1° gennaio 2013 le banche dovranno soddisfare i nuovi requisiti minimi per quanto riguarda gli attivi ponderati al rischio (RWA):

- 3.5% titoli ordinari/RWA
- 4.5% capitale di primo livello/RWA, e
- 8.0% capitale totale/RWA

Dopo 22 anni siamo tornati al punto di partenza. Siamo tornati ai requisiti dell'accordo Basilea I. Ma nemmeno questo arrangiamento (Basilea III) sarà sufficiente. E per buona misura la sua attivazione è stata rimandata fino al 2019.

Sono stati spesi miliardi di dollari per salvare questi banchieri corrotti, ma non è stato speso nemmeno un centesimo per risolvere il problema della massiccia disoccupazione nel paese: secondo i dati, 45 milioni di cittadini americano sopravvivono con i buoni alimentari e 1 su 7 è disoccupato.
Fino ad oggi nessun banchiere o legislatore è stato incriminato.

Nei due anni trascorsi avreste potuto essere scusati per la vostra ignoranza. Dopo aver letto quest'articolo non ci sono più giustificazioni che tengano per non agire contro questi predatori, e se non lo fate meritate di essere spennati. E non sono disposto a scusarmi per la mia brutalità!

Note

[1] Un debito subordinato è un debito che in caso d'insolvenza/liquidazione viene pagato solo dopo aver rimborsato risparmiatori e altri creditori.

[2] Fonte: William F. Hummel, Money - What It Is, How It Works 

29 settembre 2010

tradotto da Carlo Pappalardo http://bastianini.info

 

Disclaimer: The contents of this article are of sole responsibility of the author.

Copyright Notice: This web page may contain copyrighted materials the use of which may or may not have been specifically authorized by the copyright owner. These materials are so critical to the understanding of the present and the future problems and challenges that we are facing, that we feel that everyone should be aware of these materials.

We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in the relevant copyright laws of the jurisdiction from which it is taken. Other than specific downloads for which payment is specifically requested, all other materials on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. An entry to this website is deemed a request for information.

 

Copyright ©FutureFastForward.com – All Rights Reserved

 

 

Se non volete perdere il mio prossimo articolo, cliccate su uno o più di questi link.
(Il vostro indirrizzo e-mail non verrà usato per altri scopi).

flag IT   Gradirei ricevere una e-mail ogni volta che compare un nuovo articolo in italiano.
Se il link non funziona , si prega di inviare una e-mail.
indirizzo: courtfool@xs4all.nl
soggetto:
Subscribe articles IT