courtfool.info
Il giullare di corte rivela i segreti
dietro agli avvenimenti modiali
list of articles
StartListOfArticles

courtfool.info favicon I retroscena della finanza e delle banche:

Il sistema bancario in breve
Se hai appena segno qui, io vi darò un saldo di 1.000 euros e 1.000 euros mi dovrete maggiorato degli interessi.

Il sistema bancario in breve

Segreti di denaro, interesse e inflazione
Con solo un piccolo po 'di soldi banchieri possono pagare vicenda milioni...

Segreti di denaro, interesse e inflazione

courtfool.info yellow key Debito, credito, banco!

Canadas National Debt
I politici danno miliardi di euro ai banchieri privati...

Canada: Storia di due sistemi monetari

falling banknotes

new article

flag UK   Private banks or a bank of the government.

flag Bulgaria   Частни банки или банка на правителството.

flag France   Banques privées ou une banque du gouvernement.

flag Netherlands   Privé banken of een overheidsbank.

flag Russia   Банковская система вкратце.

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Dal debito di stato alla moneta di stato


Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Wall_Street_Bull

La banca spiegata: la truffa dei derivati



courtfool.info faviconI retroscena dell'Euro:

La follia dell'euro

La follia dell'euro

Fuori dall'euro, e poi?

Fuori dall'euro, e poi?

MES, il nuovo dittatore Europeo!

MES, il nuovo dittatore Europeo!

YouTube: The new European dictator

courtfool TouTube key ESM ruba i Tesoro entro 3'51''

MES, un colpo di stato in 17 paesi
Tranquillo! Costruire l'Europa!

MES, un colpo di stato in 17 paesi


Zeus rapes Europa

flag UK   Zeus rapes Europa

flag Bulgaria   Зевс насилва Европа

flag France   Zeus viole Europa

flag Netherlands   Zeus verkrachtte Europa

Euromania

courtfool TouTube key EUROMANIA by Peter Vlemmix


Ascensao_e_queda_do_euro

Autores:
Rudo de Ruijter
Yannis Varoufakis
Costas Lapavitsas
James K. Galbraith
Gerard Dunénil
Michael Hudson
Ed Dolan
Jacques Nikonoff
Jean-Claude Paye
Eugénio Rosa
Jorge Figueiredo

courtfool-favicon Le rivelazioni sulla guerra contro la Libia

Obama e Sarkozy in Libia
Obama e Sarkozy in Libia

Le_email_di_Hillary_Clinton_sulla_Libia Le e-mail di Hillary Clinton sulla Libia

NATO rescues euro in Libya

flag UK   NATO rescues euro in Libya

flag France   L'OTAN sauve l'euro en Libye

flag Netherlands   NAVO redt euro in Libië

flag Portugal   NATO resgata o euro na Líbia

flag Bulgaria   НАТО спасява еврото в Либия

flag Russia   НАТО спасает евро в Ливии

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena dietro le democrazie:

power to the_people

flag UK   The road to democracy

flag France   La route vers la démocratie

flag Netherlands   De weg naar democratie

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Iraq:

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Iraq Memorial

Iraq Memorial



courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Afganistan:

Petrolio e 11 settembre

Petrolio e 11 settembre


courtfool.info favicon I retroscena delle accuse all'Iran:

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

courtfool.info yellow key Cancellare Israele dalla carta geografica?


courtfool.info favicon Addio alla sviluppo!

Energia mondiale e popolazione
Le prospettive fino al 2100

Energia mondiale e popolazione

Crisi energetica:
Una svolta per l'umanità


courtfool.info favicon I fatti e le menzogne su il clima:

The clockwork of the Earth and Sun

flag UK   The clockwork of the Earth and Sun

flag France   L'horloge de la terre et du soleil

The activity of the Sun

flag UK   The activity of the Sun

flag France   L'activité du soleil

CO2: scare, claims and fraud...

flag UK   CO2 scare, claims and fraud...

flag France   CO2, panique, affirmations et fraude...


courtfool-favicon Uncover secrets:

Sleepwalking

flag UK   Wake up citizens?

flag Bulgaria   Пробудете се, граждани?

flag France   Réveiller les citoyens?

flag Netherlands   Burgers wakker schudden?

flag Russia   Пробудим ли граждан?

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Chicken_parliament


flag UK   The chicken-parliament

flag Bulgaria   Кокошият парламент

flag France   Le parlement des poules

flag Netherlands   Het kippenparlement

flag Russia   Петушиный парламент

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon Umore:

Protesta a Draguignan
"Ci sono alternative al capitalismo"

courtfool.info yellow key Protesta a Draguignan

Cartoons

new cartoons Cartoons


courtfool-favicon Offerta eccezionale:

Confused perspectives

Ivan Boyadjhiev, Confused Perspectives, 40 x 50 cm Ivan Boyadjhiev
Confused Perspectives
40 x 50 cm
Click here...



courtfool-favicon Treaties:


stroke Treaty establishing the European Union (EU)

stroke Treaty on the Functioning of the European Union (TFEU)

stroke Amendment article 136 TFEU

stroke First version of the Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)(not ratified)

stroke Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)

stroke Treaty on Stability, Coordination and Governance in the economic and monetary union (TSCG)

stroke Vienna Convention on the Law of Treaties 1969


courtfool.info favicon Chi hanno pubblicato gli articoli di Court Fool?
Più di 500 siti?

Publishers

StartPublishers



11 Septiembre 2001
24h Gold
321 Energy
Aardewerk.be
Academie-Gaullisme
Ad Broere
Advivo.com.br
Afghan.nl
Aftershock News (ru)
Albe.ru
Aldeilis
Alexander's Gas and Oil
Alex Constantine's 9/11 Truthmove
Alfa Kappa
Aljazeera Com
Aljazeera Info
Altea te quiero verde
Alter du Lot
Alter Info
Altra Informazione
American Chronicle
American Iranian Friendship Committee
Amsterdam Post
Anarchiel
Andalous.ma
Anonymous France
Anovis Anophelis
Antifascist Encyclopedia
Apocalypse Total
Apokalyps Nu
Apollo Solaris
Aquarius Age
Argusoog
Arianna Editrice.it
ArmonyaX
Articles du jour
Artikel 7 Nu
At-Park / АТ-парк
Atama Moriya
Atlas Vista Maroc
Au bout de la route
Avant de voter
Averdade vos libertara
Avicennesy
Avizora
A voz do povo
Baltimore Chronicle
Bankiv Tomske.ru
Banque publique .be
Beaujarret 50'z
Beez Libre Info
Before it is news
Belém Livre
Bernard Sady
Bezformata.ru
Biflatie.nl
Blogapares
Blog Chalouette
Blog Chatta.it
Blog économique et social
Blogg.org
Blog World-citizenship
Bobo in Paraguay
BOINNK!!!
BouBlog
Brasilianas.org
Brood en spelen
Bullion Management Group
Burbuja.info
Business-Gazeta.ru /
БИЗНЕС Online
Cafe 415
Candombeando
Cantv
Carla Noirci's Log
CASMII
Caveat emptor
CawAilleurs
CDU Arouca
Cenex.com.ua
CGT Santé 46
Chatta it
Chipstone
Chris Roubis
Chiado Editora
Club Invest
Cogito ergo sum
Collectif de Remises En Causes de Besançon
Come Don Chisciotte
Comité Valmy
Comité van waakzaamheid
Conscience Citoyenne Responsable
Contre-Info
Correio Progressista
Corriera della Notte
Cosenostrea casanostra
Counter Currents
Crash Debug fr
Crise Systémique Globale
Critical Trend (bg)
Criticamente
Cross-Cultural Understanding
Dagboek van een belegger
Daily Motion
Daily Times
Dandelion Salad
Dazibaoueb
Déborah 33 Epée
De Echte Denker
De Kelderlander
De Lange Mars
Démocratie réelle Nimes
De Waarheid Nu
Démocratie capitaliste
Démocratie Réelle à Nimes maintenant
Démocratie royale
Democratische Partij v Solidariteit
Denissto.eu
De Reaguurder
Desenvolturas e desacatos
De Vrije Chroniqueurs
Dialogue & Démocratie Française
Diário Liberdade
Diatala.org
Digitale Stad Eindhoven
Dimensional Bliss
Dinamica Global
Dire Giovani
Dissident News
Dit kan niet waar zijn.eu
Diário de Notícias - Cartaz
Djamazz Centerblog
Docplayer.ru
Dolezite.sk
ДОТУ.org.ua / Dotu.org.ua
Double Standards
Dove sono le ragazze
Doy Cinco
Dreamdash
Dutch Amazing Nieuws
Dwarslezing
E.J. Bron
Earth Matters
Earth Matters
Económico Fórum pt
EconomicBlogs.org /
Мировая и рыночная
экономика
Статьи и книги

EC-planet
Eco-Humanisme Radical.org
Edelmetaal.Info
Educate Yourself
E-Foro Bolivia
Égalité & Réconciliation
Eindtijd in beeld
Élections Algérie
EliteTrader.ru / Элитный Трейдер
El Libre Pensador
Elkhadra
Eltimir / Елтимир
End the ECB
End US Militarism
天涯社区 /
(End of the world community)

Enrico Sabatino
Entrelector
Es.Sott.net
Etienne Chouard
EU Alert
Europe 2020
Europlouf
Eurostaete eu
Eva Anárion
Evolution de notre civilisation
Facebook
Fai te
FCCI
FDESOUCHE
Ferra Mula
Filosofia e Tecnologia
Fimdostempos.net
Finanza.com Blog
Finanza Online
Focus στην Οικονομία
Folha diferenciada
Forexaw
Fortune F. Desouche
Forum démocratique
Forum des Alternatives.org
Forum.for-ua.com
Forum Mondiale della Alternative
Four Winds
Français de France
Francisco Trindade
François de Siebenthal
Free Minds
Freedom Bytes
French News Online
French Revolution
Fronte di Liberazione dai banchieri
FTU.su
Fugada YouTube Forum
Future Fast Forward
Gabriele van Doorn
Geen Flauwekul
Generaal Pardon
Geografia e Luta - Prof. Mazucheli
Geopolíticablog
George Orwell Werkgroep
Gerakanhatimmm
Gest Credit
Gianfranco Vizzotto
Gino Salvi
Global Echo
Global Economic Intersection
Global Faultlines
Global Order
Global Research
Global Systemic Crisis
Golden Heart
Gorod.Tomsk.ru
Город.Томск
Goto 2012
Goudstaven-goudstukken
草根金融服务社 /
(Grassroots Financial Service)

Grioo
Guerre Libre Info.org
Henry Makow
Het echte nieuws.be
Het uur van de waarheid
Hidden Mysteries
Ho visto cose che voi umani
Holland 4 MPE
Ho visto cose che voi umani
Hubbert Peak
Huffington Post
Iceberg Finanza
Il nodo gordiano
Imperiya / Империя
Indebitati
Indymedia
Indymedia Portland
Info Guerilla
Infomare Per Resistere
Information Clearing House
Informazione in Rete
Infos différentes
Infowars Ireland
In Pursuit of Happiness
Institute of Evolutionary Economics
Instituto Reage Brasil
Intellezione
Intermarket & more
International Business Times
InvestGraf
Investors Hub
Iran Blog
Iran Daily
Iran File
IRIB Iran French Radio
Irish Public
Irish Timez
Irissan
Islam City
Isxys / ΙΣΧΥΣ
Ivan Mutov
Jean Marie Lebraud
Joomla
Joop.nl
Joop van Kleef
Jornal Fraternizar
Jornalggn.com.br
Jose Joa Net
Josè Maria Salvador
Journal la Mée
Journal Milénio
Journaux de Guerre
Kanie Tistory
Klein Paradijs
Klepsudra
Kollinos
Komitet / Комитет
Kostarof
L'éveil 2012
L'Observatoire de l'Immo
La banlieu s'exprime
Lanet Kiev
Las razones de Aristófanes
LeaksFree.com
Le Banquier Garou
Le Blog d'Eva
Le Blog de Nicole
Legion 5-9
Legio Victrix
Le Lot en Action
Le Metropole Cafe
Le Monde du Sud
Le Partisan de Gauche
Le Post
Les Indignés
Les moutons enragés
Leugens
Lettre d'Informations Stratégiques Internationales
Liberamenteservo.it
Libertatum
L.I.E.S.I.
Lit Corner
L'Olandese volante
Luminária
Macua Blogs Moçambique
Magok Vagyunk
Malarce sur la Thines
Manifeste pour un débat sur le libre échange
Mapeni School
Marianne2
Marista Urru
Market Oracle cn
Market Oracle co.uk
MasterNewMedia
Mathaba News
Maurício Porto
Max 1967
Maxi News
MBM Hautetfort
Mecano Blog
Melochi
Mens en Politiek
Mercato Libero News
Metropolis
Mga Diskurso ni Doy
Michel Collon Info
Middle East Online
Mondialisation Ca
Money Files
Mouvement Politique d'Éducation Populaire
Na Sombra.org
Nato nella tana
Natural Money
Nervyoko-bis
Newropeans Magazine
News Follow Up
Newzz in Ukrain
Niburu
Nieuw-Nederland
Nieuws-Flash
Norma Tarozzi
Nota.to-p.net / НОТАРИАТ
Notizie Libere
Notizie Silcea
Nous les dieux
Novusordoseclorum
NucNews
Nya Politiken
Ocastendo Blogs
Occupy Amsterdam
Occupy Network tv
Oil Crisis
Olo's Ramblings
Oko-planet.su / Око Планеты
Onderzoek 9/11
One Base.com
Ons geld
Ontdek Islam
Openbare Bank be
Os Bárbaros
Osservatorio Sovranità Nazionale
Osvaldo Bertolino
Our World / НАШ МИР
Oxygene.re
Pakistan News Service
Palestine - Solidarité
Panier de Crabes
Paper Blog fr
Paperless Korea
Paraguay Tistory
Partage dialoguer avec jean loup
Parti de Gauche 34
Partido Comunista Brasileiro
Patrice Mars
PCF Bassin
PCF Cap Corse
Peace by Truth
Peak Oil .pl
Pensare Liberi News
Pensioenblog
Perunica
Peter Pan's Paradijs
Philippe Vedovati
Pintxo
Planeta Caos
Planete Non Violence
Plein Overheid
Politics & Current Affairs
Portal Luis Nassif
Portland Independent Media Center
Post Jorion
Post Switch
Pragmatic Economist
Pravda / Правда
Primavera do 11
Project for the Old American Century
Prova Final
Puszta Igazság
Quo Fata Ferunt
Raise the Hammer
Ravage Digitaal
Rayven
Real Infos
Real Wealth Society
Recuperare Credit
Relapsing Fever
Resistance
ReRuBabs
Réseau International
Resistance 71
Résistance FR
Resistenze.org
Resistir Info
Resurs.by
Revolta Total Global
Robin Good
Rodon
Rol Club
Rue 89
Rus Nevod
Sahar TV Iran
Sandro Samuel
Saura Plesio
Schoonoord Web
Seigneuriage Blogspot
Sempre Vigili!
Shem.se
Siddharth Varadarajan
Signoraggio.it
Silver and Gold Shop
Silver Bear Cafe
Sociale Databank Nederland
Sociale Driegeleding
Sociologias
SOS-crise
Sott.net
Soutenir l'Afghanistan
Spartacus.info
Spazio Forum
Spiegelbeeld
Spraakloos
Sprookje Nieuws
Stampa Libera
Star People
Stienster Blogspot
Studien von Zeitfragen
Stop de bankiers
Storyo.ru / Страницы истории
Suciologicus
Sustainocratie
Svobodnoslovo / Свободно слово
Tegen Onzin
Textos A Voz do Povo.pt
The Movement
The People's Forum
The Pragmatic Economist
The Voice of Wakker Holland
The Wild, Wild Left
Tijdgeest Magazine
Time For Change
Timotv
Toine van Bergen
TomskNet.ru / Город.Томск
To-p.biz
Top-débats.info
Tora Yeshua / תורה־ ישוע
Trademan.org
Transatlantic Information
Exchange System
Transition Town Breda
Transcom Se
Triplo II
Truth Spring
Truth Move 9/11
Tunisia Today
Uitpers
UKIP Hillingdon
Um Novo Despertar
Uruknet Info
Vemiplast
Verborgen Nieuws
Vermelho.org.br
Verontruste Moeders
Veterans for America
Video data bg
Viewzone Magazine
Vilag Helyzete Blogspot
Vilistia
Visionair.nl
Vision Démocrate.net
V-Kontakte.ru / Вконтакте
Voix dissonnantes
Volya.ariy.org
Voprosik / Вопросик
Voy Com
Vrijspreker
Vues du monde
Vyacheslav Burunov
ВячеславБурунов
Wake Up From Your Slumber
Wakkere Mensen
Wall Street Pit
Want to know .nl
War and Peace / война и мир
Waterput klassiek
We Are Change Holland
We Are Change Rennes
Welcome Back UZ
Werkgroep George Orwell
What really happened
Wij worden wakker
Wiki Strike
Wisdia Encyclopedia
Worldissue Blog bg
World Prout Assembly
Wroom.ru
YouTube
Yursodeistivie / Юрсодействие
ZakonVremeni.ru
ЗаконВремени
Zebuzzeo
Zé Povinho no século XXI
Znanie-Vlast.ru
БезФормата.ru

Since 2006 the sites here above have published one or more of the court fool's articles. Some seem to be out of reach today, either because these websites or pages do not exist anymore, or because of other causes. To compliment them, I have chosen to keep them in the list.
Rudo de Ruijter

courtfool-faviconSpecial thanks to:

Christine, Corinne, Francisco, Evelyne, Françoise, Gaël, Peter, Ingrid, Ivan, Krister, Jorge, Marie Carmen, Ruurd, Sabine, Lisa, Sarah, Valérie & Anonymous...

courtfool-favicon Ringraziamenti per le traduzioni:

StartTranslators

Alter Info
Carlo Pappalardo
Come Don Chisciotte
Ermanno di Miceli
Ivan Boyadjhiev
Jorge G-F
Lisa Youlountas
Jose Joaquin
Manuel Valente Lopes
Marcella Barbarino
Marie Carmen
Mary Beaudoin
Michel Ickx
Михаил
Natalia Lavale
Nicoletta Forcheri
Peter George
Resistir Info
Traducteur sans frontière
Valérie Courteau

StartJoinTranslators
Decrease text size
Increase text size

 

Fuori dall'euro, e poi?

di Rudo de Ruijter,
Ricercatore indipendente,


L'euro è una valuta estremamente pratica, ma fa milioni di vittime. L'articolo spiega in modo semplice perché l'euro non può funzionare e illustra i vantaggi di un ritorno alla moneta di stato.

- No, la cooperazione europea non sparisce senza l'euro!

- Si, con una moneta di stato ce la passeremo molto meglio!

L'euro porta in se una contraddizione irrisolvibile: i paesi che oggi hanno grossi problemi di debito potranno anche riuscire a ridurli tagliando la spesa pubblica, ma finiranno probabilmente collo scivolare nuovamente in una spirale debitoria.

E questo perché sono vittime del flusso dell'euro. Prima dell'avvento della nuova valuta certi economisti avevano segnalato che la moneta unica poteva funzionare solo se tutti i paesi membri partecipanti erano economicamente omogenei [1] [2] [3].

Oggigiorno niente può impedire ai consumatori greci dal preferire i prodotti tedeschi, migliori e più economici. E se la Grecia importa più di quanto esporta il suo debito cresce. Lo stesso vale per tutti i paesi meno produttivi dell'area dell'euro: possono tagliare quanto vogliono la spesa pubblica e privatizzare infrastrutture e servizi, ma non allontaneranno mai lo spettro di una nuova crisi del debito!

Ed ecco il perché. Quando i consumatori dei paesi meno produttivi preferiscono migliori e più economici prodotti importati il debito esterno del paese cresce, mentre la produttività del paese decresce. Se il paese ha una sua propria valuta può svalutarla, rendendo così i prodotti importati più cari e quelli nazionali più competitivi sui mercati esteri. Il debito si ridurrà e la produttività aumenterà. La svalutazione era un sistema molto usato, prima dell'introduzione dell'euro.

Con l'euro le svalutazioni non sono più possibili e i paesi vengono messi spalle al muro dai debiti. Ma quando decidono di entrare nell'area dell'euro i paesi s'impegnano anche a ridurre il debito pubblico a meno del 60% del suo PIL e a mantenere il deficit fiscale al di sotto del 3% del PIL. Se superano questi limiti gli altri paesi considerano il fatto una minaccia per l'auspicata stabilità dell'euro e decidono sanzioni per costringere il governo in difetto a prendere le misure adeguate (come e potesse esistere una soluzione adeguata). Se la situazione non migliora, gli altri paesi forniranno prestiti (che, per inciso, aumenteranno il debito esterno) a condizioni dure: ad esempio ulteriori tagli delle spese pubbliche (licenziamento di funzionari, tagli all'insegnamento, alla sanità, alla cultura, alla difesa) e l'obbligo di vendere i beni pubblici, le infrastrutture e i servizi! (Attenzione quando sentite gli uomini politici dei paesi ricchi affermare che aiuteranno i paesi indebitati).

heavy euro

Non è un caso che Grecia, Portogallo, Spagna e Irlanda sono i paesi più duramente colpiti oggigiorno. Sul piano economico questi paesi non possono certo competere con la Germania! Quando una crisi colpisce l'eurozona salta agli occhi che si tratta di un'area non omogenea: ci sono paesi forti e paesi deboli. L'Europa ha paesi molto diversi tra di loro, con economie differenti, e con differenti capacità produttive.

 In effetti, è impossibile usare una moneta unica in un'area così diversificata come quella formata dai 23 paesi dell'eurozona. Nonostante la messa in guardia degli economisti, i politici insistettero per creare una valuta unica. Si trattava solo di creare le regole e convincere i paesi a firmare l'impegno a rispettare le regole fissate. Ma firmare pezzi di carta non rende possibile l'impossibile. Oggigiorno 20 dei 27 paesi U.E. non sono in grado di rispettare le norme di bilancio. [4]

23 sezioni

La differenza di produttività non è temporanea. Le differenze intrinseche sono legate al clima, alla situazione geografica, alla fertilità del suolo, alla disponibilità di acqua ed energia, alle distanze da coprire, alle difficoltà di trasporto e ad altre realtà che non possono essere modificate, e sono in buona parte responsabili del successo o del fallimento delle attività economiche. Ogni paese ha sviluppato un'economia tipica, legata alla produzione agraria, o all'industria, o al commercio o ai trasporti navali... E questo significa che una sola politica finanziaria non potrà mai rispondere alle necessità di tutti i paesi.

L'esempio del dollaro?

Spesso gli Stati Uniti vengono citati come esempio del successo di una valuta unica. Ma la differenza cruciale è che laggiù tutti parlano la stessa lingua, e quindi la gente può trasferirsi molto più facilmente dove esistono condizioni favorevoli a un certo tipo di attività economica. In Europa, la mobilità internazionale della forza di lavoro è limitata, non solo a causa delle barriere linguistiche ma anche perché il continente è composto da vecchi paesi con gente ben radicata nella propria cultura e tradizioni.

Ciò detto, è dubbio che si possa parlare del dollaro come di un successo di una sola area monetaria [5]. Dal 1973 gli USA hanno importato molto più di quanto abbiano esportato e, con un debito incontrollabile, vivono alle spalle di quasi tutti gli altri paesi del mondo. Questo prova piuttosto che una moneta unica in un'area eterogenea è possibile solo sfruttando massicciamente altri paesi.

Fuori dall'euro?

Aver capito che l'euro non può funzionare è un passo importante. Ma quello successivo lo è ancora di più. Dimostrerò che limitarsi a tornare alle nostre vecchie valute nazionali sarebbe una soluzione di gran lunga peggiore. Certo, avremmo di nuovo una moneta nazionale, ma se vogliamo evitare gli errori del passato, avremo bisogno di una valuta emessa e controllata dal governo (per inciso, oggi molta gente pensa che lo sia).

Per capire perché la valuta di stato è così importante, dobbiamo prima capire cosa è la valuta e come funzionano le cose. La valuta odierna non è emessa o controllata dai governi. Oggigiorno, e la cosa sembrerà incredibile alla maggior parte della gente, quasi tutta quella in circolazione è stata segretamente (e abusivamente) creata dalle banche commerciali. In realtà sul vostro conto bancario non ci sono soldi, ci sono solo numeri, che rappresentano una "illusione di denaro". L'estratto bancario vi dice quanto la banca vi deve, ma solo una minima parte di questa somma esiste realmente. Ovviamente, fino a quando potete continuare a pagare con questo finto denaro la cosa non vi preoccupa [6]. Però, come spiegherò dopo, è proprio questo risvolto truffaldino del sistema bancario che permette una espansione della massa monetaria che mette in pericolo la nostra società. I banchieri hanno snaturato tutte le valute con i loro trucchi contabili. L'euro non fa eccezione.

Henry Ford

Il segreto del denaro

Oggi, meno del 5% del denaro è vero denaro, sotto forma di banconote e monete. Il resto è stato creato artificialmente dalle banche, ed esiste solo come numero nei nostri conti correnti. Quando prendete soldi in prestito, la banca non vi consegna vera cartamoneta; si limita a creare nuovi soldi scrivendo cifre nel vostro conto bancario. E su questi nuovi soldi che sono stati "inventati" dovete pagare gl'interessi. Spesso si tratta di grosse somme: chi rimborsa un prestito immobiliare in 20 o 30 anni finisce col pagare interessi pari alla somma ricevuta in prestito. In effetti paga due case: una per se, l'altra per il suo banchiere! [7]

Quando qualcuno compra una casa, l'ammontare del prestito viene trasferito al venditore, che compra a sua volta altri beni. Ecco come il totale prestato comincia a circolare nella società. Tutto il denaro in circolazione è nato da prestiti. Ogni banchiere raccoglie interessi sui soldi che lui stesso ha creato, e tutti i banchieri assieme raccolgono interessi su ogni singola unità di moneta esistente. Se avete soldi in tasca o sul conto corrente, qualcun altro sta pagando alla banca interessi su questi soldi. Quando un prestito viene rimborsato la moneta che era stata "inventata" per coprire il prestito viene "eliminata", il tutto scrivendo un numero.Tutto il denaro esiste solo temporaneamente. L'ammontare totale della valuta circolante in una società consiste in quello che deve essere ancora restituito per tutti i prestiti accesi in passato. In altri termini, si tratta di una somma aleatoria. Non ha niente a che vedere con le necessità della società per il normale scambio di beni e servizi.

L'inflazione infinita

Peggio ancora, le banche concedono sempre più prestiti e dunque creano sempre più moneta. Quando sempre più moneta viene usata per comprare uno stesso volume di beni e servizi, il valore dell'unità monetaria si riduce e i prezzi aumentano. Si tratta della ben nota inflazione [8]. Chi guida questa inflazione è la banca centrale: riducendo il tasso d'interesse segnala alle banche che possono concedere più prestiti (con un tasso d'interesse più basso la gente otterrà prestiti più elevati e più facilmente), aumentandolo rallenta la crescita della massa monetaria.

I banchieri hanno bisogno dell'inflazione

I banchieri hanno bisogno dell'inflazione [9]. Quando la massa monetaria aumenta diventa più facile risulta più facile ottenere l'ammontare necessario per rimborsare il debito contratto, con grande vantaggio non solo per chi deve rimborsare ma anche per i banchieri. La situazione garantisce un più basso tasso d'impagati.

Il fatto che il capitale del prestito perda valore man mano che il prestito viene rimborsato non infastidisce il banchiere. I soldi rimborsati per il capitale non esistono. Non dimenticate che il banchiere li ha inventati con una scrittura contabile e che li eliminerà nello stesso modo una volta completamente rimborsati.

Per quanto riguarda gl'interessi, è tutt'altra storia. Gl'interessi non fanno parte dell'ammontare creato dal banchiere e non verranno eliminati una volta rimborsati. Si tratta del profitto della banca! Certo, a causa dell'inflazione i rimborsi dell'interesse varranno sempre meno, ma non c'è ragione di rimpiangere la malasorte del banchiere. Potete scommetterci, ha previsto il problema ed ha aumentato il tasso d'interesse in anticipo.

quanto piu rimborsiamo tanto piu debiti abbiamo
 

Nessuna speranza per una società sostenibile

L'inflazione presenta anche un altro aspetto importante. Se non volete diventare più poveri dovete lavorare di più per compensare la perdita di valore della vostra moneta. Ecco perché l'nflazione genera una maggiore attività economica. Per dirlo in un altro modo, con un sistema bancario inflazionario non saremo mai capaci di arrivare a una società sostenibile ed equilibrata.

Potere finanziario

La sempre crescente massa monetaria crea una situazione in cui tutto può essere comprato, anche lo stato. In molti paesi i gruppi finanziari hanno rilevato i servizi pubblici per trasformarli in ottime fonti di profitto: gas, elettricità, acqua, trasporti pubblici, posta, telefoni, compiti di polizia, prigioni, sistemi sanitari, raccolta dei rifiuti... e il processo continua. I banchieri e le elite finanziarie assumono sempre più decisioni d'investimento che modellano la nostra società, mentre il governo ne assume sempre meno.

Il cambiamento ha delle conseguenze. Oggigiorno sono i soldi e i profitti a decidere cosa è "buono" per la nostra società. Ma non è tutto. Il governo offre meno servizi ai cittadini, e sta quindi perdendo credibilità come autorità naturale: invece di essere un'istituzione che protegge la popolazione, sta diventando una struttura che ha bisogno sempre più di esercitare repressione per applicare decisioni di breve durata e impatto. Invece di garantire le libertà individuali, permette e favorisce il controllo di tutti i cittadini a opera di organizzazioni pubbliche e private che dispongono di migliaia di telecamere collegate a basi di dati interconnesse. I cittadini vengono ora visti come potenziali criminali da schedare e registrare. Il KGB era un un gioco da ragazzi in confronto all'attuale sorveglianza elettronica odierna.

L'euro

L'euro è la valuta della BCE (Banca centrale europea) [10]. Gli azionisti della BCE sono le banche centrali dei paesi partecipanti [11]. Nonostante i nomi (Deutsche Bundesbank*, Banque de France, ecc.), tutte queste banche centrali sono indipendenti dai governi e sono in maggioranza dirette da un consiglio d'amministrazione privato [12]  (* corretto il 7 gennaio 2011).

Nonostante il suo carattere privato, la BCE è un organismo ufficiale dell'Unione europea. In base all'articolo 7 dello statuto del SEBC (Sistema europeo di banche centrali) e all'articolo 107 del trattato di Maastricht, la BCE gode di completa indipendenza [13].

Questa indipendenza non deriva da un'esigenza logica o organizzativa. ma dalla convinzione che solo banche centrali indipendenti possono gestire in modo corretto il sistema monetario. Bene, se non rimettiamo in discussione oggi questa convinzione, quando potremo farlo? [14].

Il governo europeo

Nel 1957 nasce la CEE (Comunità economica europea). Sin dall'inizio la struttura manca di democrazia: il Parlamento ha solo un ruolo consultivo. Gli obiettivi della CEE sono la cooperazione economica e politica tra Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Paesi Bassi.).

In 1967 a concentration of powers took place when the EEC, Euratom and the European Coal and Steel Community became the European Communities (EC):.. Nel 1967 CEE, Euratom e CECA si fondono nella CE (Comunità europea) dando così luogo a una concentrazione di poteri. In molti campi viene anche abolito il diritto di veto dei singoli Stati membri. A questo punto entrano in scena le banche: nel 1970 Pierre Werner, un influente banchiere lussemburghese [15] , prepara i piani per una valuta unica.

Bretton Woods

Pierre Werner era stato uno dei partecipanti alla conferenza di Bretton Woods del 1944, influenzata dallo spirito aggressivo della Seconda guerra mondiale. Nel corso della conferenza vennero gettate le basi del mondo finanziario e commerciale. I paesi avrebbero dovuto ancorare la loro valuta al dollaro e mantenere stabili i loro tassi di conversione. Una decisione ottima per il commercio e la finanza internazionali. In effetti il principio implicava che agevolare il commercio e la finanza internazionali era più importante che dare ai paesi la possibilità di adattarsi ai cambiamenti nel contesto internazionale. E inoltre con questo accordo gli USA venivano virtualmente proclamati "padroni del mondo", dato che tutti i paesi avrebbero dovuto adattare la loro valuta al dollaro, tranne gli USA che avrebbero potuto fare quello che volevano!

Nella stessa conferenza venne creato il FMI, predecessore della Banca Mondiale e dell'OMC. I signori di Bretton Woods sapevano perfettamente che i paesi più deboli avrebbero subito le conseguenze negative dei loro piani. Al FMI, e più tardi alla Banca Mondiale, venne affidato il compito di concedere loro i prestiti necessari, accompagnati però da condizioni che prevedevano severi tagli alla spesa pubblica, con contraccolpi sull'educazione e la sanità. In pratica, FMI e Banca Mondiale hanno sepolto i paesi in via di sviluppo in un mare di debiti. Tanti che non sarebbero mai stati in condizione di rimborsare anche solo gl'interessi, men che mai il capitale. E una volta messi in una situazione insostenibile, non avrebbero potuto far altro che vendere tutto ciò di cui disponevano (in particolare minerali e petrolio) alle multinazionali statunitensi [16].

Prestiti esteri

Anche se ai dipendenti della Banca Mondiale è stato detto diversamente, i prestiti esteri sono la peggiore maniera di "aiutare" i paesi nei guai. La sola cosa che possono fare con questi soldi è comprare beni all'estero e ingigantire il loro debito [17].

Un prestito in valuta estera si giustifica solo quando un paese ha realmente bisogno di materiale che non può fabbricare da solo e il fornitore rifiuta la valuta locale.

Libera circolazione dei capitali

Cosa significa Eurolandia per i banchieri? Le banche hanno perso un'importante fonte di guadagno, le spese di cambio tra le principali valute, ma hanno in cambio una nuova fonte di guadagno molto più sostanziosa, la libera circolazione dei capitali (una precondizione per poter creare una valuta unica), che permette loro di erogare facilmente prestiti ovunque ci sia un buon profitto.

Il boom immobiliare in Europa meridionale

Sul piano internazionale le banche si sono dotate di un pacchetto di regole, che "limita" l'ammontare dei prestiti che possono concedere in proporzione al loro capitale. Normalmente devono avere 8 euro di capitale per ogni 100 euro di prestiti in campo commerciale e industriale. Tuttavia, nel caso di finanziamenti immobiliari possono concedere anche il doppio (e raccogliere così il doppio d'interessi) [18]. Fino a poco tempo fa, le banche pensavano che i prezzi delle case sarebbero aumentati per sempre, e i prestiti immobiliari sembravano praticamente senza rischi. Ecco come è nato il boom della costruzione in Spagna, Portogallo, Irlanda e altrove. Quello che le banche avevano trascurato è che in assenza di una sufficiente attività economica la gente non può pagare le rate della casa. Ma finanziare le attività economiche come industria e commercio, fa guadagnare meno interessi...

Aiuto!

hungry euro

La Grecia sta già scoprendo cosa significa avere "amici" europei che concedono prestiti assortiti con l'obbligo di tagli pesantissimi al bilancio nazionale. Questi amici hanno una tale fiducia nella ricetta proposta da permettere al FMI di avere voce in capitolo nella tragedia greca [19]. E a proposito, questo significa anche che l'euro è adesso "aiutato" dal FMI. Sarebbe divertente se non fosse una realtà tragica.

Anche Irlanda, Portogallo e Spagna sono oggi nei guai. Fino a quando restano nell'euro non possono svalutare la loro moneta. L'euro funziona come un tasso di cambio invisibile e imposto tra i paesi, che adesso si ritrovano con un doppio problema. In primo luogo devono ridurre il debito per allinearsi al livello europeo, e in secondo luogo devono evitare nuovi debiti in futuro.

Il primo problema viene di solito risolto con duri tagli alle spese (sociali, culturali, sanitarie), licenziamento di personale, privatizzazione di infrastrutture (come gli aeroporti spagnoli) e servizi, sensibile incremento delle tasse. Sono misure aggressive e del tutto ingiuste verso la gente comune, che non è responsabile della tragedia. Molti diventeranno poveri; hanno una anche minima possibilità di venirne fuori?

Le cose potrebbero andare meglio?

Per scoprirlo, diamo prima uno sguardo al secondo problema. Come si può impedire ai paesi europei meno produttivi d'indebitarsi? Ebbene, non è possibile. Non c'è modo d'impedire agli abitanti dei paesi meno produttivi dall'importare più di quanto esportano. Sembra anzi logico supporre che preferiranno prodotti più economici e di migliore qualità importati dai paesi europei più produttivi. È il flusso fondamentale di una moneta unica in un mercato unico composto da economie molto eterogenee.

 Secondo me, le dure misure adottate oggi da questi paesi sono assolutamente inutili se questi paesi non escono dall'euro.

Cattive soluzioni

Una cattiva soluzione sarebbe quella di tornare alla situazione che esisteva prima dell'euro e lasciare che le banche tornino a creare e gonfiare la valuta nazionale.

 Alcuni pensano che se ai banchieri non venisse permesso di creare falsa moneta "digitando una cifra nel nostro conto" l'inflazione si fermerebbe. La sola cosa che si fermerebbe è l'effetto moltiplicatore di moneta degli equilibri [20]. è vero che avremmo moneta reale invece di vuoti numeri, ma ricordate: le banche hanno bisogno dell'inflazione, quindi continuerebbero ad espandere il numero di prestiti, ma invece di creare moneta dal nulla dovrebbero prenderlo in prestito dalla banca centrale (la banca centrale può creare indefinitamente moneta). Naturalmente le banche farebbero pagare ai clienti questi costi supplementari e i prestiti diventerebbero più cari, senza però arrestare l'inflazione costante della massa monetaria (e nemmeno l'inflazione dei pressi che ne seguirebbe).

Un'altra cattiva soluzione sarebbe scegliere una valuta coperta dalle riserve auree. Anche se in passato sono state usate (negli USA fino al 1971), le valute basate sull'oro presentano molti svantaggi. I paesi senza miniere aurifere dovrebbero comprare il metallo prezioso (e quindi cedere beni e servizi ai paesi con miniere) al solo scopo di disporre di mezzi nazionali di pagamento, e a ogni nuova immissione di oro sul mercato sarebbero obbligati ad acquistarne per impedire il deprezzamento della loro valuta nei confronti delle valute dei paesi con riserve di oro in aumento. Le industrie estrattive avrebbero, in un certo senso, poteri sopranazionali, persino superiori a quelli dell'attuale Riserva federale. L'oro non ha un valore stabile, e il suo prezzo può essere influenzato dai possessori di stock importanti, ad esempio le industrie del settore e le banche centrali, o addirittura dalla massa dei piccoli acquirenti e rivenditori, in preda al panico o all'avidità. Tutte queste fluttuazioni del prezzo costituirebbero un serio pericolo per qualsiasi economia legata all'oro. Ancor più di oggi, l'oro sarebbe all'origine di conflitti, oppressioni e guerre.

Ancorare la valuta a materie prime (oro, argento o altre) avrebbe un forte impatto sulla moneta stessa e sul prezzo della materia prima.

 

La soluzione: la moneta di stato


Quasi tutti credono che la moneta appartenga allo stato. E così dovrebbe essere: la moneta dovrebbe appartenere alla società e non alle banche. Non c'è altro modo per avere un sistema valutario onesto e un governo che non dipenda dalle banche.

Oggi abbiamo un sistema monetario carissimo, con le banche che aumentano ogni anno il loro capitale ricavandone enormi benefici. I banchieri vi diranno che hanno bisogno di capitale per coprire le perdite, che verranno dedotte dal capitale. Obiettivamente, il loro capitale è enorme ma allo stesso tempo copre solo una minima parte dei crediti in essere, e se le perdite sono eccessive il capitale sfuma. Ma se diamo uno sguardo più attento agli accordi internazionali tra banche vedremo che non possono assolutamente usarlo. Se deducono una percentuale per le perdite, ci saranno venti volte più prestiti nei libri contabili senza sufficiente capitale di sostegno. Al giorno d'oggi abbiamo dunque banche che invece di coprire le loro perdite si limitano a dire al ministero delle finanze che hanno bisogno di denaro fresco, senza il quale non dispongono di capitale sufficiente!

-  Banca di stato

Bene, possiamo sotterrare questo costoso e abusivo sistema creando una banca di stato, la sola nel paese a battere la moneta necessaria per i prestiti interni e per le spese statali. Inoltre le banche non potranno più effettuare operazioni non coperte da moneta reale, ma potranno invece, se lo desiderano, operare come intermediari tra banca di stato e popolazione per l'erogazione di prestiti ricevendone in cambio provvigioni non interessi. Potranno inoltre gestire i conti dei clienti per conto della banca di stato. In tal modo ciascuno conserverà il suo conto e, tranne che per la conversione in moneta nazionale, non ci saranno interruzioni nel sistema di pagamenti (se il sistema bancario non vorrà cooperare lo stato dovrà aprire sportelli propri, ad esempio presso l'Agenzia delle Entrate)

Oltre alle nuove funzioni come intermediari per l'erogazione di prestiti dello stato, le banche saranno autorizzate a raccogliere moneta (reale) e creare fondi da usare per guadagnare interessi. Trattandosi di moneta reale, i prestiti non alimenteranno l'inflazione.

 -  Fine dell'inflazione

Con questa riforma il governo avrà i mezzi per bloccare l'inflazione, anche se ciò non significa che dovrà sempre farlo. Probabilmente il governo preferirà ridurre l'inflazione solo gradualmente sostituendo la filosofia dell'avidità il principio "salvaguardiamo il futuro e l'ambiente". E in qualsiasi caso non saremo obbligati a lavorare sempre di più perché così vogliono le banche.

 -  Fine del debito pubblico

Se il governo può creare la moneta di cui ha bisogno, sparisce il debito pubblico.
Il debito pubblico nasce quando il governo spende soldi prima di aver incassato le corrispondenti tasse. Oggi paghiamo un sacco d'interessi sui buoni del tesoro che lo stato emette per pagare le sue spese. Le banche amano investire in tali obbligazioni perché fanno incassare interessi praticamente senza rischi. Dunque, da un lato il governo aumenta il debito per aiutare le banche e dall'altro le banche incassano interessi su tali debiti!

-  Fondi pensionistici

Anche i fondi pensionistici profittano dell'interesse sul debito pubblico, e ne ricavano parte delle entrate. I pensionati vengono pagati in buona misura con tali interessi, a loro volta pagati dai contribuenti, e per il resto con un aggio direttamente a carico della popolazione attiva. Si crede che la gente accantoni un capitale per quando sarà vecchia, ma la verità è che la maggior parte della pensione è costituita da soldi che i lavoratori sborsano attraverso aggi e tasse.

In effetti la cosa è logica. Se volete accantonare moneta e rimetterla in circolazione decine di anni dopo, non farete altro che generare inflazione. Beni e servizi necessari quando sarete vecchi non si creeranno per magia; quello che potrete fare con i vostri soldi dipenderà in gran parte dalla forza di lavoro e dalla produttività.

Un'altra parte delle entrate dei pensionati dipende dagl'investimenti esteri, o per dirla più semplicemente, dalla forza di lavoro negli altri paesi. Da un punto di vista etico si tratta di colonialismo finanziario. C'è poco da inorgoglirsi.

Sarebbe quindi molto più logico avere un fondo pensionistico statale gestito dalla banca di stato. O per dirla diversamente, la popolazione attiva deve semplicemente accettare l'idea che tocca a loro occuparsi degli anziani. I cittadini desiderosi di trasferire i propri diritti a pensione dai fondi pensionistici privati ai fondi pubblici dovranno essere autorizzati a farlo.

-  Interesse

Molti considerano poco etico l'interesse. Personalmente, non ho niente da obiettare quando una parte di tale interesse viene usato per riassorbire le perdite sui prestiti non rimborsati e il resto va nel bilancio pubblico del paese, in modo da ridurre il totale delle tasse da prelevare.

 Il governo dovrebbe prevedere una varietà di tassi d'interesse, in base ai settori o tipi d'investimento da privilegiare. Invece di fissare un solo tasso di riferimento, come fanno oggi le banche centrali, il governo potrebbe orientare meglio nella direzione voluta prestiti e investimenti.

Il tasso d'interesse è anche un utile strumento per incitare a rimborsare a tempo.

Poveri e ricchi

Quando erogano un prestito, le banche chiedono beni che possano essere sequestrati in caso di non pagamento. I ricchi possono sempre ottenere prestiti e investire più facilmente, e dunque diventare ancora più ricchi. Il gap sempre maggiore tra poveri e ricchi costituisce un vero pericolo per la società. La banca di stato non ha bisogno di beni in garanzia.

Il prestito che eroga può essere considerato come una tassa. Se non viene rimborsato può essere gestito in modo simile. E soprattutto il povero potrà ottenere un prestito e investire con la stessa facilità di un ricco.
Come prima detto, in un contesto senza inflazione sarà più difficile rimborsare un prestito, ma lo svantaggio verrà compensato dal fatto che i tassi d'interesse saranno più contenuti, non dovendo più contribuire alla costosa e inutile capitalizzazione delle banche private. Inoltre, se necessario, le politiche fiscali potranno offrire ulteriori compensazioni.

Quanto costa lasciare l'euro?

 Alcuni politici tentano di spaventare la gente sostenendo che lasciare l'euro sarebbe troppo costoso, che minerebbe lo sviluppo economico per molti anni, e così via. Per cominciare, i paesi non sospenderanno gli scambi commerciali solo perché uno dei due è uscito dalla zona euro e ha una nuova valuta. E un paese che passa alla valuta nazionale dovrà sostenere costi essenzialmente organizzativi, senza dubbio inferiori ai vantaggi ottenuti.

Tutta la moneta necessaria per il passaggio può essere creata dalla banca di stato, e tutti gli euro in circolazione nel paese possono essere ricomprati dalla banca di stato con l'emissione di nuova moneta e accantonati come riserva strategica e per pagare le importazioni.

Il governo potrà ricomprare le infrastrutture e i servizi essenziali. Ricostruire le aziende nazionali partendo da energia, posta, telefoni, ferrovie e simili permetterà indubbiamente di ottenere servizi più affidabili, nei quali qualità e servizio dovranno essere i principi guida. Non si tratta di tornare alle farraginose aziende pubbliche del passato. Le aziende pubbliche possono essere moderne, ben gestite e, perché no, fornire un servizio migliore di quelle di un'impresa privata che cerca solo il profitto.

Non dico che tutti questi cambi siano facili, ma se vogliamo dar vita a una società sostenibile, nella quale democrazia e libertà significhino ancora qualcosa quando i nostri nipoti e pronipoti saranno vecchi, è questo il cammino da seguire.

-  Sintesi

La riforma, come la vedo io, può essere riassunta nella tabella che segue (tenete conto delle note).
 

Schema Flusso monetario
grande immagine

* Proprio come oggi il governo fissa ogni anno un bilancio, in cui spese pubbliche e tasso sono bilanciate. In caso di disequilibrio lo Stato deve oggi chiedere un prestito (con interessi), il famoso debito pubblico. Nel nuovo sistema la banca di Stato anticipa il denaro, senza interessi, e quindi le tasse sono più basse.

* La banca di Stato ha il diritto exclusivo di creare moneta et fornisce la moneta necessaria per i prestiti nel paese. Parte degl'interessi serve a comprire i prestiti non remnorsatie, il resto viene trasferito nelle casse dello Stato, cosa che permette un'ulteriore riduzione della tasse.

* Le banche non hanno più diritto di creare moneta sotto forma di iscrizioni contabili non coperte de valuta reale, ma possono operare come intermediari per i prestiti della banca do Stato al pubblico e ricevere quindi una commissione (non interessi). Possono anche raccogliere fondi per erogare prestiti con interesse.

* Chio lo desidera può trasferie i suoi diritti a pensione ai fondi pensionistici dello Stato.

 


Note e riferimenti:
 

[1] Negli studi sulle aree valutarie migliori possiamo distinguere tra quelli che si concentrano sulle condizioni necessarie e quelli successivi al 1970 (quando i politici hanno deciso di volere una valuta europea unica) che si concentrano su costi e benefici.

Roman Horvath e Lubos Komarek in “OPTIMUM CURRENCY AREA THEORY: AN APPROACH FOR THINKING ABOUT MONETARY INTEGRATION” (2002)

“È possibile distinguere due filoni principali negli scritti sulle aree valutarie migliori. Il primo cerca d'individuare le caratteristiche economiche fondamentali per determinare dove le (illusorie) frontiere dei tassi di cambio possono essere collocate (anni '60-'70), il secondo (dagli anni '70 in poi) considera che ciascun paese soddisfa perfettamente le esigenze per essere un membro perfetto di un'unione monetaria. Il secondo approccio non continua quindi a cercare le caratteristiche, stimate importanti per scegliere i partecipanti di un'area valutaria ottimale. I testi si concentrano invece sullo studio dei costi e dei benefici per un paese deciso a parteciparvi”.

http://wrap.warwick.ac.uk/1539/1/WRAP_Horvath_twerp647.pdf , pagina 7.

Friedman sottolinea i vantaggi dei tassi di cambio flessibili tra i paesi nei seguenti termini: come si osserva comunemente, in un paese prezzi e salari sono relativamente rigidi e i fattori tra i paesi sono fissi. In una situazione di domanda negativa il solo strumento per evitare inflazione o disoccupazione più elevate è la modifica del rapporto di cambio (rivalutazione o svalutazione della valuta), che riporta l'economia all'equilibrio interno ed esterno iniziale (...) In un regime di tassi di cambio fissi ci saranno sempre conseguenze spiacevoli sull'impiego o l'inflazione.

http://wrap.warwick.ac.uk/1539/1/WRAP_Horvath_twerp647.pdf , pagina 8.

[2] Yrd. Doç. Dr. Hüseyin Mualla YÜCEOL, Mersin Üniversitesi İktisadi ve İdari Bilimler Fakültesi, Maliye Bölümü, in “WHY THE EUROPEAN UNION IS NOT AN OPTIMAL CURRENCY AREA: THE LIMITS OF INTEGRATION”

L'Europa non è una area valutaria ottimale. Anche se il 1 gennaio 1999 11 paesi dell'UE hanno adottato una valuta unica, l'euro, l'UE non sembra soddisfare tutti i criteri per un'area valutaria ottimale. Per i membri vecchi e nuovi, entrare nell'UE non è la stessa cosa che entrare nell'euro.
http://eab.ege.edu.tr/pdf/6_2/C6-S2-M6.pdf , pagina 66

[3] Paul de Grauwe, estratto del discorso

“Con 27 membri invece degli attuali 20, la sfida per garantire un funzionamento fluido dell'Eurozona allargata sarà scoraggiante. La ragione è che in un gruppo ampio le probabilità di quelle che gli economisti chiamano "scosse asimmetriche" aumentano significativamente. In altri termini, alcuni paesi potranno avere un boom e pressioni inflazionarie, altri forze deflazionarie. Se si succedono troppe scosse asimmetriche la BCE sarà paralizzata, non sapendo se aumentare o ridurre i tassi d'interesse. Di conseguenza i paesi membri si sentiranno spesso frustrati dalle politiche della BCE che non tiene conto (e non può essere altrimenti) delle differenti condizioni economiche dei singoli paesi. Ciò ci porta a chiederci se l'eurozona allargata sarà un'area valutaria ottimale” (...).

“Se un paese è colpito da scosse asimmetriche negative per effetti agglomerativi, i tagli dei salari necessari ad arginare tali scosse saranno inevitabilmente di ampia portata. Per fare un esempio: se Ford Motor dovesse chiudere una fabbrica in Belgio e investire in Polonia, i tagli ai salari dei lavoratori belgi necessari a convincere Ford Motor a fare marcia indietro dovrebbero essere almeno del 50%”

http://mostlyeconomics.wordpress.com/2010/06/21/were-europes-curent-problems-never-imagined/ 

[4] NRC Handelsblad, 3 giugno 2010

“De Europese Commissie heeft op dit moment tegen 20 van de 27 EU-landen een procedure lopen omdat deze landen de interne begrotingsregels van de Europese Unie overschrijden.”

“La Commissione europea ha avviato le procedure contro 20 dei 27 Stati membri per infrazione alle norme di bilancio interne”.

http://www.nrc.nl/economie/schuldencrisis/article2558281.ece/Ambtenaar_betaalt_bezuiniging

[5] Julius Horvath in “Optimum currency area theory: A selective review”
Ghosh e Wolf (1994), ad esempio, concludono che gli USA non sono un'area valutaria e suggeriscono di separare le valute delle diverse parti degli Stati Uniti.

http://www.bof.fi/NR/rdonlyres/5C4E3CE4-0386-4FDB-886B-C276040CD183/0/dp1503.pdf , pagina 7

[6] Nonostante le apparenze, non possiamo e non paghiamo con falsa moneta. Con la piccola percentuale di denaro reale in circolazione le banche riescono ad eseguire i nostri ordini di pagamento. Per una spiegazione semplificata cfr. “Debito, credito, banco!”, capitolo “Giochi di prestigio con i pagamenti”

http://www.courtfool.info/en_Debit_credit_banco.htm

[7] Inflazione e tassi d'interesse cambiano di molto nel tempo. Vedere la sintesi dei tassi USA nel periodo 1940-1999  in http://www.courtfool.info/US_inflation_1940_1999.htm I tassi non mostrano i costi supplementari che spesso i clienti devono sostenere per ottenere il loro prestito, ad esempio per le assicurazioni, che riducono i rischi per le banche e ne aumentano i profitti. Anche se pagate l'assicurazione a una compagnia privata e non alla banca, si tratta pur sempre di una forma nascosta d'interesse.

[8] L'inflazione dei prezzi porta all'insoddisfazione della popolazione. Ecco perché molti paesi usano un Indice dei prezzi al consumo che mostra cifre addomesticate.

http://www.mw.ua/2000/2020/52764

 “… valore di riferimento (4.5%) della crescita della massa M3 su base annuale. Il valore di riferimento per la crescita monetaria si basa su una crescita economica potenziale del 2.0 - 2,5%, un inflazione inferiore al 2.0% nel medio termine e un declino a lungo termine della velocità della moneta dello 0.5 - 1.0% all'anno”

http://www.dnb.nl/dnb/home/file/ar03_tcm47-146939.pdf (pagina rimossa e non più accessibile)

“Nel 2003, la massa monetaria (M3) nella zona euro era cresciuta al tasso dell'8.0%, ben al di sopra del tasso ufficiale di riferimento del 4,5%.”

http://www.dnb.nl/dnb/home/file/ar03_tcm47-146939.pdf  (pagina rimossa e non più accessibile)

Tenete presente che quando politici, funzionari e banche centrali parlano al pubblico d'inflazione si riferiscono alle variazioni dell'Indice dei prezzi al consumo.

 L'indice si basa su un confronto annuo dei prezzi di un paniere di prodotti necessari a una famiglia "media". Il contenuto del paniere e il sistema di calcolo dell'indice variano da un paese all'altro: un paese può includere il costo per l'alimentazione, la benzina e l'alloggio, altri possono non farlo.

http://bigpicture.typepad.com/comments/2005/09/the_history_of_.html
http://www.goldandsilverexchange.info/consumer-price-index.html

Alcuni paesi indicano le categorie di prodotti incluse nel paniere, ma i singoli prodotti restano di solito segreti. Ciononostante alcuni uffici statistici spiegano i trucchi che usano per ottenere indici presentabili. Ad esempio cambiano periodicamente il contenuto del paniere: i prodotti il cui prezzo cresce troppo vengono esclusi e sostituiti con altri equivalenti ma più economici, oppure, se il prezzo di un prodotto rimane stabile ma la qualità migliora, il miglioramento viene considerato come una riduzione del prezzo (ad esempio, il Dutch Central Bureau for Statistics (CBS) considera che il prezzo del computer nel paniere è sceso del 64% tra il 1998 e il 2003. E così l'indice scende!

http://www.cbs.nl/NR/rdonlyres/AB3F1E9D-EFED-4FD9-9393-E59F762D5C9B/0/2007gevoelsinflatieart.pdf

grafico pagina 6

http://www.cbs.nl/en-GB/menu/themas/prijzen/publicaties/artikelen/archief/2005/consumer-price-index-art.htm

Il contenuto del paniere viene periodicamente modificato, partendo dal principio che "quando i prezzi crescono, anche le famiglie modificano i loro acquisti". E cosa significa questa politica per l'indice? Dal momento che la famiglia non può spendere più di quanto guadagna, l'aumento dei prezzi dei prodotti nel paniere viene automaticamente limitato all'aumento dei guadagni. La famiglia non può pagare prezzi più alti.

In una larga ed eterogenea area come l'eurozona, i paesi non verranno mai colpiti in modo eguale dalle grandi scosse, come le crisi finanziarie o altro. Sarà impossibile per la BCE reagire a queste scosse fissando un tasso d'interesse in grado di soddisfare tutti i paesi: in alcuni porterà a una minore inflazione, in altri a un'inflazione superiore. Non è possibile evitarlo in un'area eterogenea. L'Indice dei prezzi al consumo cercherà di mascherare la realtà come potrà.

[9] Le banche centrali si garantiscono un'inflazione permanente pilotando i tassi d'interesse.

[10] La sede centrale della BCE ha sede a Francoforte, la città storica di Rothschild. Nel 1913, esponenti delle famiglie Rothschild e Morgan svolsero un ruolo fondamentale nella creazione della Riserva federale statunitense. (G. Edward Griffin in “The Creature of Jekyll Island”)

[11] Azionisti della BCE:
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2009:021:0066:0068:EN:PDF , articolo 2.

[12] Ad esempio la banca centrale europea è la De Nederlandse Bank N.V. (DNB). N.V. significa Naamloze Vennootschap, una forma giuridica olandese diffusa tra le società private con azioni Le società hanno l'obbligo di aggiungere N.V. al loro nome, ma una legge del 1929 ha dispensato la De Nederlandse Bank N.V. dal farlo sulle banconote, nascondendo quindi ai cittadini che la moneta olandese è emessa da una N.V.

http://www.dnb.nl/binaries/wo0649_tcm46-145952.pdf

I 4 membri del consiglio di amministrazione, che si occupa della gestione quotidiana della DNB vengono nominati dalla Corona.

http://www.dnb.nl/en/about-dnb/organisation/governing-board/index.jsp

Uno dei 10 membri dell'autorità di controllo viene nominato dal governo.

http://www.dnb.nl/en/about-dnb/organisation/supervisory-board-and-bank-council/index.jsp

Tutti i membri hanno forti legami nell'economia.

http://www.dnb.nl/binaries/Raad%20van%20Commissarissen_tcm46-185323.pdf (in Dutch)

Uno dei 14 membri del consiglio della banca è membro dell'autorità di controllo ed è nominato dal governo (ma come tutti gli altri membri è indipendente dal governo).

http://www.dnb.nl/en/about-dnb/organisation/supervisory-board-and-bank-council/index.jsp

Si noti che la banca centrale si occupa di potere, influenza e bilanci, non molto di profitti. Molte banche centrali devono trasferire al Tesoro i loro profitti.

[13] Indipendenza delle banche centrali: http://www.ecb.int/press/key/date/1997/html/sp970513.en.html

[14] Le banche centrali hanno (e vogliono conservare) il controllo del sistema monetario. Un motivo è che hanno un bisogno disperato dell'inflazione, senza la quale l'abusivo sistema bancario non potrebbe funzionare. Come spiegato, senza l'inflazione le banche finirebbero rapidamente in bancarotta. Vogliono quindi il pieno controllo dei tassi d'interesse. Ma in pubblico dichiarano che i governi non potrebbero sostenere a lungo una politica coerente. Si riferiscono a una passata negativa esperienza in cui un governo alimentò un'inflazione eccessiva. Le banche centrali sarebbero più responsabili(!) e quindi dovrebbero conservare il pieno controllo del sistema monetario senza interferenza dello Stato. Ecco un esempio di come presentano i fatti.

Alexandre Lamfalussy, Presidente dell'European Monetary Institute, alla Oesterreichische Nationalbank, Vienna, 13 Maggio 1997

“La teoria economica moderna sottolinea il pregiudizio inflazionario nella politica economica, legato in particolare al problema dell'inconsistenza temporale, il problema, cioè, di convincere il pubblico che le autorità monetarie resisteranno alla tentazione di stimolare la crescita a breve dell'output creando un'inflazione imprevista. Alla luce della passata esperienza negativa, il pubblico non è pronto a credere alle promesse delle autorità di contenere l'inflazione. Se le promesse non sono sostenute da una sorta di preimpegno, il tasso d'inflazione si stabilizzerà a un livello più alto del necessario, senza corrispondenti migliori prestazioni in termini di output. Per risolvere il problema è stato suggerito che la responsabilità della politica monetaria sia separata dal controllo politico e fissata per legge. Secondo questo punto di vista, le banche centrali dovrebbero avere la libertà di formulare e mettere in atto una politica monetaria in linea con l'obiettivo principale definito dal legislatore, al quale dovranno render conto. La responsabilità della banca centrale può prevedere l'obbligo di dettagliare il modo di condurre la politica monetaria o quello di spiegare le azioni intraprese, ad esempio in periodici rapporti al parlamento. Ciò permetterebbe alle banche centrali di assumere un orientamento a medio termine senza essere ritardati da motivazioni politiche a corto termine, un approccio utile per la credibilità, trasparenza ed efficaci della politica monetaria”.

http://www.ecb.int/press/key/date/1997/html/sp970513.en.html

[15] Pierre Werner era un banchiere lussemburghese estremamente influente. Nel 1944 aveva preso parte alla conferenza di Bretton Woods, che diede vita alla BIRS (Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo), al FMI (Fondo monetario internazionale), e al GATT (Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio). Nel 1970 fu ministro delle Finanze e Primo ministro del Lussemburgo. Nel 1969 aveva presieduto il Consiglio della CEE.

 http://www.terra.es/personal2/monolith/eu.htm 

[16] John Perkins in una intervista a Talkstick TV (link più sotto)

"Il nostro lavoro era quello di convincere altri paesi ad accettare importanti prestiti [concessi dalla Banca Mondiale]... Diciamo un miliardo di dollari all'Ecuador per costruire opere pubbliche: centrali elettriche, ...porti, autostrade, aree industriali. Cose che giovavano a nessuno, tranne che alla fascia più ricca del paese, che erano corrompibili e che noi corrompemmo... il 90% del miliardo di dollari sarebbe tornato negli USA per pagare la costruzione delle infrastrutture a Halliburton, Bechtel, e così via.

Il paese si sarebbe trovato sommerso da un debito enorme, che sarebbe stato continuamente rifinanziato, diventando sempre più grande. Cosicché oggi l'Ecuador spende oltre il 50% del suo bilancio solo per rimborsare il suo debito; in altri termini resta ben poco per pagare l'insegnamento e la sanità per i poveri, quelli che hanno più sofferto per questi progetti: sono i loro fiumi che sono stati distrutti per costruire le centrali idroelettriche, il loro territorio che venne distrutto...

E adesso sono nei guai a causa di un debito di ampiezza incredibile che probabilmente non potranno mai rimborsare. E allora noi ci presentiamo e chiediamo insistentemente di onorare il debito, proprio come la mafia... Ci serve il petrolio del paese... Diciamo all'Ecuador "Dal momento che non potete rimborsare il debito, quello che dovete fare e consegnare la vostra Amazzonia alle nostre compagnie petrolifere". Stiamo costruendo un impero. Lo abbiamo fatto con ogni paese che ha risorse di cui vogliamo appropriarci: spesso si tratta di petrolio in posti come Indonesia, Nigeria, Ecuador, Venezuela e Colombia. Ma volte si tratta di altro, ad esempio nel Panama si trattava del Canale".

YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=yTbdnNgqfs8

Joseph E. Stiglitz, in una intervista del 2001:

"Come economista capo della Banca Mondiale dal 1997 al 2000, ho toccato con mano il lato oscuro della globalizzazione; ... come i cosiddetti prestiti per gli aggiustamenti strutturali ad alcuni dei paesi più poveri sono serviti a "ristrutturare" le loro economie in modo da eliminare posti di lavoro senza crearne di nuovi, con una disoccupazione sempre crescente e drastici tagli nei servizi di base...”

http://secret-of-life.org/the-World-Bank-and-IMF 

 Cfr anche: THE IMF AND IRELAND: WHAT WE CAN LEARN FROM THE GLOBAL SOUTH

http://www.dublinopinion.com/downloads/Afri_Report_on_EU_IMF_Loan_Deal.pdf

[17] David C. Korten, in “One World--One World Government Bretton Woods or The United Nations?”
“Era tutto molto semplice. La Banca mondiale formò quadri di giovani economisti, insegnando loro che un rapido sviluppo dipende sui prestiti internazionali per finanziare investimenti basati sui risparmi interni. Pochi notarono l'ovvio: che quando prendete prestiti all'estero state prendendo in prestito moneta straniera, utile solo per comprare prodotti stranieri, facendo così aumentare la dipendenza della vostra economia dalle importazioni. State anche creando un debito estero che potrà essere rimborsato solo esportando ancora più risorse e prodotti nazionali. Quasi inevitabilmente finire col cadere nelle mani dei creditori stranieri... come la Banca Mondiale”.

http://www.ratical.com/co-globalize/ifg041400DK.html

[18] Accordo di Basilea

http://www.parl.gc.ca/information/library/PRBpubs/prb0596-e.htm

[19] NRC Handelsblad, 11 febbraio 2010

VVD-Kamerlid Frans Weekers zei dat Griekenland de problemen volledig aan zichzelf te wijten heeft. Volgens hem hebben de Grieken de Europese Unie „jarenlang belazerd en bedonderd" met verkeerde cijfers over de financiële positie. „Dit is de straf van de markt voor Griekenland", aldus Weekers.

Il deputato del partito liberale Frans Weekers ha detto che la Grecia deve prendersela con se stessa per i suoi problemi. A suo dire la Grecia "ha truffato" l'Unione europea con falsi dati sulla sua situazione finanziaria. “Il mercato sta ora punendo la Grecia” ha aggiunto Weekers.

http://vorige.nrc.nl/economie/article2481429.ece/Kamer_Geen_Nederlandse_steun_aan_Griekenland

Beh, se Weekers si fosse presa la briga d'informarsi avrebbe scoperto che:

Nikolaos Salavrakos, membro del Parlamento europeo in “The Greek Fiscal Crisis: Is there a way Out?”

 “Nel 1974 il debito pubblico della Grecia ammontava appena al 22,5% del PIL e nel 1979, quando la Grecia aderì alla CEE, al 31,7%. Nel 1981 era già salito al 36,1% e nel 1989 all'85,3%. Il debito pubblico ha continuato a salire, raggiungendo nel 1993 il livello astronomico del 110,1% del PIL. La cifra scese leggermente al 106,6% nel 2001 e al 102,4% nel 2003 [2]. Anche con le statistiche ufficiali del periodo 2000-2003 il debito Greco era quindi elevato. Tuttavia il 1° gennaio 2001 il paese aderì all'UME come 12° stato. È chiaro che tutti (mercati, politici, Commissione europea) che la Grecia aderiva con un debito superiore al 100% del PIL”.

http://www.efdgroup.eu/news/99-the-greek-fiscal-crisis-is-there-a-way-out.html

Il 18 dicembre 2010 il FMI ha erogato alla Grecia prestiti per oltre 10 miliardi di euro. Apparentemente le condizioni non sono state rese note.

[20] C. van Ewijk & L.J.R. Scholtens in “Geld, Financiële Markten & Financiële Instellingen” (in Dutch.) Cfr. “Money multiplier”

3 gennaio 2011
Ultima modifica: 26 marzo 2011

 
 

Copyright: L'articolo può essere copiato e ripubblicato gratuitamente, indicando il link all'articolo originale: http://www.courtfool.info/en_Out_of_the_euro.htm

L'autore può essere contattato via il sito www.courtfool.info

Tradotto da Carlo Pappalardo http://bastianini.info

 

Se non volete perdere il mio prossimo articolo, cliccate su uno o più di questi link.
(Il vostro indirrizzo e-mail non verrà usato per altri scopi).

flag IT   Gradirei ricevere una e-mail ogni volta che compare un nuovo articolo in italiano.
Se il link non funziona , si prega di inviare una e-mail.
indirizzo: courtfool@xs4all.nl
soggetto:
Subscribe articles IT