courtfool.info
Il giullare di corte rivela i segreti
dietro agli avvenimenti modiali
list of articles
StartListOfArticles

courtfool.info favicon I retroscena della finanza e delle banche:

Il sistema bancario in breve
Se hai appena segno qui, io vi darò un saldo di 1.000 euros e 1.000 euros mi dovrete maggiorato degli interessi.

Il sistema bancario in breve

Segreti di denaro, interesse e inflazione
Con solo un piccolo po 'di soldi banchieri possono pagare vicenda milioni...

Segreti di denaro, interesse e inflazione

courtfool.info yellow key Debito, credito, banco!

Canadas National Debt
I politici danno miliardi di euro ai banchieri privati...

Canada: Storia di due sistemi monetari

falling banknotes

new article

flag UK   Private banks or a bank of the government.

flag Bulgaria   Частни банки или банка на правителството.

flag France   Banques privées ou une banque du gouvernement.

flag Netherlands   Privé banken of een overheidsbank.

flag Russia   Банковская система вкратце.

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Dal debito di stato alla moneta di stato


Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Le banche sono i crisi? Riformiamole!

Wall_Street_Bull

La banca spiegata: la truffa dei derivati



courtfool.info faviconI retroscena dell'Euro:

La follia dell'euro

La follia dell'euro

Fuori dall'euro, e poi?

Fuori dall'euro, e poi?

MES, il nuovo dittatore Europeo!

MES, il nuovo dittatore Europeo!

YouTube: The new European dictator

courtfool TouTube key ESM ruba i Tesoro entro 3'51''

MES, un colpo di stato in 17 paesi
Tranquillo! Costruire l'Europa!

MES, un colpo di stato in 17 paesi


Zeus rapes Europa

flag UK   Zeus rapes Europa

flag Bulgaria   Зевс насилва Европа

flag France   Zeus viole Europa

flag Netherlands   Zeus verkrachtte Europa

Euromania

courtfool TouTube key EUROMANIA by Peter Vlemmix


Ascensao_e_queda_do_euro

Autores:
Rudo de Ruijter
Yannis Varoufakis
Costas Lapavitsas
James K. Galbraith
Gerard Dunénil
Michael Hudson
Ed Dolan
Jacques Nikonoff
Jean-Claude Paye
Eugénio Rosa
Jorge Figueiredo

courtfool-favicon Le rivelazioni sulla guerra contro la Libia

Obama e Sarkozy in Libia
Obama e Sarkozy in Libia

Le_email_di_Hillary_Clinton_sulla_Libia Le e-mail di Hillary Clinton sulla Libia

NATO rescues euro in Libya

flag UK   NATO rescues euro in Libya

flag France   L'OTAN sauve l'euro en Libye

flag Netherlands   NAVO redt euro in Libië

flag Portugal   NATO resgata o euro na Líbia

flag Bulgaria   НАТО спасява еврото в Либия

flag Russia   НАТО спасает евро в Ливии

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena dietro le democrazie:

power to the_people

flag UK   The road to democracy

flag France   La route vers la démocratie

flag Netherlands   De weg naar democratie

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Iraq:

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Costi, misfatti e pericoli del dollaro

Iraq Memorial

Iraq Memorial



courtfool.info favicon I retroscena della guerra in Afganistan:

Petrolio e 11 settembre

Petrolio e 11 settembre


courtfool.info favicon I retroscena delle accuse all'Iran:

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

Attacco al mercato dei combustibili nucleari

courtfool.info yellow key Cancellare Israele dalla carta geografica?


courtfool.info favicon Addio alla sviluppo!

Energia mondiale e popolazione
Le prospettive fino al 2100

Energia mondiale e popolazione

Crisi energetica:
Una svolta per l'umanità


courtfool.info favicon I fatti e le menzogne su il clima:

The clockwork of the Earth and Sun

flag UK   The clockwork of the Earth and Sun

flag France   L'horloge de la terre et du soleil

The activity of the Sun

flag UK   The activity of the Sun

flag France   L'activité du soleil

CO2: scare, claims and fraud...

flag UK   CO2 scare, claims and fraud...

flag France   CO2, panique, affirmations et fraude...


courtfool-favicon Uncover secrets:

Sleepwalking

flag UK   Wake up citizens?

flag Bulgaria   Пробудете се, граждани?

flag France   Réveiller les citoyens?

flag Netherlands   Burgers wakker schudden?

flag Russia   Пробудим ли граждан?

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


Chicken_parliament


flag UK   The chicken-parliament

flag Bulgaria   Кокошият парламент

flag France   Le parlement des poules

flag Netherlands   Het kippenparlement

flag Russia   Петушиный парламент

flag Italy   Puoi tradurre questo ?


courtfool.info favicon Umore:

Protesta a Draguignan
"Ci sono alternative al capitalismo"

courtfool.info yellow key Protesta a Draguignan

Cartoons

new cartoons Cartoons


courtfool-favicon Offerta eccezionale:

Confused perspectives

Ivan Boyadjhiev, Confused Perspectives, 40 x 50 cm Ivan Boyadjhiev
Confused Perspectives
40 x 50 cm
Click here...



courtfool-favicon Treaties:


stroke Treaty establishing the European Union (EU)

stroke Treaty on the Functioning of the European Union (TFEU)

stroke Amendment article 136 TFEU

stroke First version of the Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)(not ratified)

stroke Treaty establishing the European Stability Mechanism (ESM)

stroke Treaty on Stability, Coordination and Governance in the economic and monetary union (TSCG)

stroke Vienna Convention on the Law of Treaties 1969


courtfool.info favicon Chi hanno pubblicato gli articoli di Court Fool?
Più di 500 siti?

Publishers

StartPublishers



11 Septiembre 2001
24h Gold
321 Energy
Aardewerk.be
Academie-Gaullisme
Ad Broere
Advivo.com.br
Afghan.nl
Aftershock News (ru)
Albe.ru
Aldeilis
Alexander's Gas and Oil
Alex Constantine's 9/11 Truthmove
Alfa Kappa
Aljazeera Com
Aljazeera Info
Altea te quiero verde
Alter du Lot
Alter Info
Altra Informazione
American Chronicle
American Iranian Friendship Committee
Amsterdam Post
Anarchiel
Andalous.ma
Anonymous France
Anovis Anophelis
Antifascist Encyclopedia
Apocalypse Total
Apokalyps Nu
Apollo Solaris
Aquarius Age
Argusoog
Arianna Editrice.it
ArmonyaX
Articles du jour
Artikel 7 Nu
At-Park / АТ-парк
Atama Moriya
Atlas Vista Maroc
Au bout de la route
Avant de voter
Averdade vos libertara
Avicennesy
Avizora
A voz do povo
Baltimore Chronicle
Bankiv Tomske.ru
Banque publique .be
Beaujarret 50'z
Beez Libre Info
Before it is news
Belém Livre
Bernard Sady
Bezformata.ru
Biflatie.nl
Blogapares
Blog Chalouette
Blog Chatta.it
Blog économique et social
Blogg.org
Blog World-citizenship
Bobo in Paraguay
BOINNK!!!
BouBlog
Brasilianas.org
Brood en spelen
Bullion Management Group
Burbuja.info
Business-Gazeta.ru /
БИЗНЕС Online
Cafe 415
Candombeando
Cantv
Carla Noirci's Log
CASMII
Caveat emptor
CawAilleurs
CDU Arouca
Cenex.com.ua
CGT Santé 46
Chatta it
Chipstone
Chris Roubis
Chiado Editora
Club Invest
Cogito ergo sum
Collectif de Remises En Causes de Besançon
Come Don Chisciotte
Comité Valmy
Comité van waakzaamheid
Conscience Citoyenne Responsable
Contre-Info
Correio Progressista
Corriera della Notte
Cosenostrea casanostra
Counter Currents
Crash Debug fr
Crise Systémique Globale
Critical Trend (bg)
Criticamente
Cross-Cultural Understanding
Dagboek van een belegger
Daily Motion
Daily Times
Dandelion Salad
Dazibaoueb
Déborah 33 Epée
De Echte Denker
De Kelderlander
De Lange Mars
Démocratie réelle Nimes
De Waarheid Nu
Démocratie capitaliste
Démocratie Réelle à Nimes maintenant
Démocratie royale
Democratische Partij v Solidariteit
Denissto.eu
De Reaguurder
Desenvolturas e desacatos
De Vrije Chroniqueurs
Dialogue & Démocratie Française
Diário Liberdade
Diatala.org
Digitale Stad Eindhoven
Dimensional Bliss
Dinamica Global
Dire Giovani
Dissident News
Dit kan niet waar zijn.eu
Diário de Notícias - Cartaz
Djamazz Centerblog
Docplayer.ru
Dolezite.sk
ДОТУ.org.ua / Dotu.org.ua
Double Standards
Dove sono le ragazze
Doy Cinco
Dreamdash
Dutch Amazing Nieuws
Dwarslezing
E.J. Bron
Earth Matters
Earth Matters
Económico Fórum pt
EconomicBlogs.org /
Мировая и рыночная
экономика
Статьи и книги

EC-planet
Eco-Humanisme Radical.org
Edelmetaal.Info
Educate Yourself
E-Foro Bolivia
Égalité & Réconciliation
Eindtijd in beeld
Élections Algérie
EliteTrader.ru / Элитный Трейдер
El Libre Pensador
Elkhadra
Eltimir / Елтимир
End the ECB
End US Militarism
天涯社区 /
(End of the world community)

Enrico Sabatino
Entrelector
Es.Sott.net
Etienne Chouard
EU Alert
Europe 2020
Europlouf
Eurostaete eu
Eva Anárion
Evolution de notre civilisation
Facebook
Fai te
FCCI
FDESOUCHE
Ferra Mula
Filosofia e Tecnologia
Fimdostempos.net
Finanza.com Blog
Finanza Online
Focus στην Οικονομία
Folha diferenciada
Forexaw
Fortune F. Desouche
Forum démocratique
Forum des Alternatives.org
Forum.for-ua.com
Forum Mondiale della Alternative
Four Winds
Français de France
Francisco Trindade
François de Siebenthal
Free Minds
Freedom Bytes
French News Online
French Revolution
Fronte di Liberazione dai banchieri
FTU.su
Fugada YouTube Forum
Future Fast Forward
Gabriele van Doorn
Geen Flauwekul
Generaal Pardon
Geografia e Luta - Prof. Mazucheli
Geopolíticablog
George Orwell Werkgroep
Gerakanhatimmm
Gest Credit
Gianfranco Vizzotto
Gino Salvi
Global Echo
Global Economic Intersection
Global Faultlines
Global Order
Global Research
Global Systemic Crisis
Golden Heart
Gorod.Tomsk.ru
Город.Томск
Goto 2012
Goudstaven-goudstukken
草根金融服务社 /
(Grassroots Financial Service)

Grioo
Guerre Libre Info.org
Henry Makow
Het echte nieuws.be
Het uur van de waarheid
Hidden Mysteries
Ho visto cose che voi umani
Holland 4 MPE
Ho visto cose che voi umani
Hubbert Peak
Huffington Post
Iceberg Finanza
Il nodo gordiano
Imperiya / Империя
Indebitati
Indymedia
Indymedia Portland
Info Guerilla
Infomare Per Resistere
Information Clearing House
Informazione in Rete
Infos différentes
Infowars Ireland
In Pursuit of Happiness
Institute of Evolutionary Economics
Instituto Reage Brasil
Intellezione
Intermarket & more
International Business Times
InvestGraf
Investors Hub
Iran Blog
Iran Daily
Iran File
IRIB Iran French Radio
Irish Public
Irish Timez
Irissan
Islam City
Isxys / ΙΣΧΥΣ
Ivan Mutov
Jean Marie Lebraud
Joomla
Joop.nl
Joop van Kleef
Jornal Fraternizar
Jornalggn.com.br
Jose Joa Net
Josè Maria Salvador
Journal la Mée
Journal Milénio
Journaux de Guerre
Kanie Tistory
Klein Paradijs
Klepsudra
Kollinos
Komitet / Комитет
Kostarof
L'éveil 2012
L'Observatoire de l'Immo
La banlieu s'exprime
Lanet Kiev
Las razones de Aristófanes
LeaksFree.com
Le Banquier Garou
Le Blog d'Eva
Le Blog de Nicole
Legion 5-9
Legio Victrix
Le Lot en Action
Le Metropole Cafe
Le Monde du Sud
Le Partisan de Gauche
Le Post
Les Indignés
Les moutons enragés
Leugens
Lettre d'Informations Stratégiques Internationales
Liberamenteservo.it
Libertatum
L.I.E.S.I.
Lit Corner
L'Olandese volante
Luminária
Macua Blogs Moçambique
Magok Vagyunk
Malarce sur la Thines
Manifeste pour un débat sur le libre échange
Mapeni School
Marianne2
Marista Urru
Market Oracle cn
Market Oracle co.uk
MasterNewMedia
Mathaba News
Maurício Porto
Max 1967
Maxi News
MBM Hautetfort
Mecano Blog
Melochi
Mens en Politiek
Mercato Libero News
Metropolis
Mga Diskurso ni Doy
Michel Collon Info
Middle East Online
Mondialisation Ca
Money Files
Mouvement Politique d'Éducation Populaire
Na Sombra.org
Nato nella tana
Natural Money
Nervyoko-bis
Newropeans Magazine
News Follow Up
Newzz in Ukrain
Niburu
Nieuw-Nederland
Nieuws-Flash
Norma Tarozzi
Nota.to-p.net / НОТАРИАТ
Notizie Libere
Notizie Silcea
Nous les dieux
Novusordoseclorum
NucNews
Nya Politiken
Ocastendo Blogs
Occupy Amsterdam
Occupy Network tv
Oil Crisis
Olo's Ramblings
Oko-planet.su / Око Планеты
Onderzoek 9/11
One Base.com
Ons geld
Ontdek Islam
Openbare Bank be
Os Bárbaros
Osservatorio Sovranità Nazionale
Osvaldo Bertolino
Our World / НАШ МИР
Oxygene.re
Pakistan News Service
Palestine - Solidarité
Panier de Crabes
Paper Blog fr
Paperless Korea
Paraguay Tistory
Partage dialoguer avec jean loup
Parti de Gauche 34
Partido Comunista Brasileiro
Patrice Mars
PCF Bassin
PCF Cap Corse
Peace by Truth
Peak Oil .pl
Pensare Liberi News
Pensioenblog
Perunica
Peter Pan's Paradijs
Philippe Vedovati
Pintxo
Planeta Caos
Planete Non Violence
Plein Overheid
Politics & Current Affairs
Portal Luis Nassif
Portland Independent Media Center
Post Jorion
Post Switch
Pragmatic Economist
Pravda / Правда
Primavera do 11
Project for the Old American Century
Prova Final
Puszta Igazság
Quo Fata Ferunt
Raise the Hammer
Ravage Digitaal
Rayven
Real Infos
Real Wealth Society
Recuperare Credit
Relapsing Fever
Resistance
ReRuBabs
Réseau International
Resistance 71
Résistance FR
Resistenze.org
Resistir Info
Resurs.by
Revolta Total Global
Robin Good
Rodon
Rol Club
Rue 89
Rus Nevod
Sahar TV Iran
Sandro Samuel
Saura Plesio
Schoonoord Web
Seigneuriage Blogspot
Sempre Vigili!
Shem.se
Siddharth Varadarajan
Signoraggio.it
Silver and Gold Shop
Silver Bear Cafe
Sociale Databank Nederland
Sociale Driegeleding
Sociologias
SOS-crise
Sott.net
Soutenir l'Afghanistan
Spartacus.info
Spazio Forum
Spiegelbeeld
Spraakloos
Sprookje Nieuws
Stampa Libera
Star People
Stienster Blogspot
Studien von Zeitfragen
Stop de bankiers
Storyo.ru / Страницы истории
Suciologicus
Sustainocratie
Svobodnoslovo / Свободно слово
Tegen Onzin
Textos A Voz do Povo.pt
The Movement
The People's Forum
The Pragmatic Economist
The Voice of Wakker Holland
The Wild, Wild Left
Tijdgeest Magazine
Time For Change
Timotv
Toine van Bergen
TomskNet.ru / Город.Томск
To-p.biz
Top-débats.info
Tora Yeshua / תורה־ ישוע
Trademan.org
Transatlantic Information
Exchange System
Transition Town Breda
Transcom Se
Triplo II
Truth Spring
Truth Move 9/11
Tunisia Today
Uitpers
UKIP Hillingdon
Um Novo Despertar
Uruknet Info
Vemiplast
Verborgen Nieuws
Vermelho.org.br
Verontruste Moeders
Veterans for America
Video data bg
Viewzone Magazine
Vilag Helyzete Blogspot
Vilistia
Visionair.nl
Vision Démocrate.net
V-Kontakte.ru / Вконтакте
Voix dissonnantes
Volya.ariy.org
Voprosik / Вопросик
Voy Com
Vrijspreker
Vues du monde
Vyacheslav Burunov
ВячеславБурунов
Wake Up From Your Slumber
Wakkere Mensen
Wall Street Pit
Want to know .nl
War and Peace / война и мир
Waterput klassiek
We Are Change Holland
We Are Change Rennes
Welcome Back UZ
Werkgroep George Orwell
What really happened
Wij worden wakker
Wiki Strike
Wisdia Encyclopedia
Worldissue Blog bg
World Prout Assembly
Wroom.ru
YouTube
Yursodeistivie / Юрсодействие
ZakonVremeni.ru
ЗаконВремени
Zebuzzeo
Zé Povinho no século XXI
Znanie-Vlast.ru
БезФормата.ru

Since 2006 the sites here above have published one or more of the court fool's articles. Some seem to be out of reach today, either because these websites or pages do not exist anymore, or because of other causes. To compliment them, I have chosen to keep them in the list.
Rudo de Ruijter

courtfool-faviconSpecial thanks to:

Christine, Corinne, Francisco, Evelyne, Françoise, Gaël, Peter, Ingrid, Ivan, Krister, Jorge, Marie Carmen, Ruurd, Sabine, Lisa, Sarah, Valérie & Anonymous...

courtfool-favicon Ringraziamenti per le traduzioni:

StartTranslators

Alter Info
Carlo Pappalardo
Come Don Chisciotte
Ermanno di Miceli
Ivan Boyadjhiev
Jorge G-F
Lisa Youlountas
Jose Joaquin
Manuel Valente Lopes
Marcella Barbarino
Marie Carmen
Mary Beaudoin
Michel Ickx
Михаил
Natalia Lavale
Nicoletta Forcheri
Peter George
Resistir Info
Traducteur sans frontière
Valérie Courteau

StartJoinTranslators
Decrease text size
Increase text size

 

USA-Iran:
Attacco al mercato dei combustibili nucleari

di Rudo de Ruijter,
Ricercatore indipendente
 

Sullo sfondo della contesa politica sull'Iran, un manipolo di paesi sta ridisegnando il mondo e impossessandosi del mercato mondiale dei combustibili nucleari, grazie anche a nuove norme dell'AIEA per mettere fuori gioco i nuovi arrivati. USA, Regno Unito, Germania, Russia, Cina e Giappone diventeranno le stazioni di rifornimento nucleare del mondo e, sotto gli auspici dell'AIEA, detteranno norme, prezzi e valute in cui vogliono essere pagati. L'Iran è diventato il pretesto e il banco di prova dei loro piani. I problemi dell'economia mondiale di domani vengono affrontati oggi.

Indice:

- L'Iran e il Trattato di non proliferazione

- Storia del nucleare in Iran

- Dallo scià Reza a Khomeini

 

History

L'Iran e il Trattato di non proliferazione

Il presidente americano Bush vuol farci credere che l'Iran stia tramando per dotarsi di armi nucleari. Se ben ricordiamo, nel 2002 aveva accusato l'Iraq di avere armi di distruzione di massa, e risultò poi che si trattava di una menzogna. Allora guardiamo con più attenzione ai fatti.

Sin dagl'inizi, nel 1968, l'Iran è membro del Trattato di non proliferazione (NPT) [1], un accordo destinato non solo a fermare la proliferazione delle armi nucleari ma anche ad agevolare lo sviluppo dell'energia nucleare per fini civili [2]. Nel testo, gli Stati con armamento nucleare (USA, Russia, Cina, Francia e Gran Bretagna) s'impegnavano a disfarsene (fino ad ora non hanno mantenuto la promessa), mentre gli altri avrebbero dovuto firmare accordi con l'AIEA (International Atomic Energy Agency), il cane da guardia del NPT, per organizzare i necessari controlli. L'accordo dell'AIEA con l'Iran è entrato in vigore il 15 maggio 1974 [3]. 

Storia del nucleare in Iran

All'epoca, l'Iran era governato dallo Scià Reza, che era sul trono grazie all'operazione anglo-americana Ajax del 1953. Nel 1957 lo Scià Reza decise di sviluppare l'energia nucleare in Iran [4], e gli Stati Uniti gli offrirono tutto l'appoggio logistico di cui aveva bisogno: un reattore di ricerca, uranio arricchito e plutonio. Il reattore di ricerca venne avviato nel 1967, ma ben presto entrò in fase critica. A quel punto i francesi divennero buoni amici, e promisero di ripararlo. Lo Scià prestò 1 miliardo di dollari alla Francia, per la costruzione di un impianto di arricchimento a Tricastin, nel sud del paese. Dal 1974 in poi anche molti altri paesi offrirono i propri servigi all'Iran, e furono sottoscritti numerosi accordi: con la Francia per cinque reattori e il combustibile necessario, con gli USA per due reattori e il relativo combustibile, con l'Australia per l'acquisto regolare di uranio, e con la Germania occidentale per due reattori. La Danimarca consegnò 10 chili di uranio altamente arricchito e 25 chili di uranio naturale. Dall'Argentina e l'India arrivarono staff tecnici, e studenti iraniani si trasferirono in Gran Bretagna e in Germania occidentale. Vennero avviate discussioni con il Pakistan e la Turchia per una cooperazione nucleare regionale. Il bilancio iraniano per l'energia atomica passò dai 30 milioni di dollari del 1975 al miliardo dell'anno seguente, e vennero ordinati ancora altri reattori agli USA. Alla fine del 1978 non era ancora stato completato un solo impianto, ma lo Scià aveva finito i fondi, e l'opposizione popolare contro la sua sanguinaria oppressione giunse al culmine. 

Dallo Scià Reza a Khomeini 

L'opposizione contro lo Scià era andata aumentando sin dal 1953, quando Mossadeq, popolare eroe e primo ministro, era stato rovesciato da un colpo di stato organizzato congiuntamente dalla CIA, gli inglesi e lo Scià [5]. Mossadeq si era battuto con successo per nazionalizzare la compagnia petrolifera angloamericana BP, e aveva poi vinto la causa intentatagli dagl'inglesi presso la Corte internazionale di giustizia dell'Aia [6]. Durante il colpo di stato, lo Scià aveva in un primo tempo abbandonato il paese, ma era poi tornato indietro quando l'esercito era riuscito a domare la protesta popolare. Nel 1960, per compiacere i suoi amici americani, aveva concesso l'immunità diplomatica a tutto il personale statunitense presente nel paese. Ruhollah Khomeini, un giovane oppositore che aveva osato criticarlo pubblicamente, venne una prima volta imprigionato e poi, quando lo rifece qualche anno più tardi, espulso. L'oppressione dello Scià andava aumentando col passare del tempo, e nelle successive sommosse varie centinaia di oppositori vennero uccisi e altre migliaia feriti. Nel 1977 tutti i movimenti di opposizione si unirono, e nel gennaio 1979 lo Scià dovette abbandonare definitivamente il paese. Khomeini rientrò trionfalmente in patria, e il 1° aprile 1979 un referendum dette vita alla Repubblica islamica dell'Iran. Nel novembre 1979 gli studenti iraniani, dopo aver appreso che lo Scià si era rifugiato negli Usa, presero d'assalto l'ambasciata a Teheran per chiederne l'estradizione e sottoporlo a giudizio. Seguì la lunga crisi degli ostaggi, e un tentativo americano di liberarli fallì miseramente. Il presidente iracheno Saddam Hussein, all'epoca buon amico degli americani, invase l'Iran e annunciò che avrebbe occupato Teheran in tre giorni. La guerra sarebbe invece durata 10 anni e avrebbe provocato centinaia di migliaia di morti.

Nel primo anno del conflitto, il 7 giugno 1981, Israele bombardò l'impianto nucleare, quasi completato, di Osirak, in Iraq [6a]. Molti paesi si sentivano minacciati da Israele, che possiede un arsenale nucleare ma non è membro del Trattato di non proliferazione.

Con la fine del Patto di Varsavia nel 1989 e l'invasione del Kuwait da parte di Saddam, la posizione statunitense verso l'Iran si è completamente ribaltata, e sia l'Iraq che l'Iran sono considerati nemici degli USA, anche se, con rispettivamente il 10,5 e il 10% delle riserve mondiali di petrolio, il governo americano non poteva certo limitarsi a ignorarli. Con un consumo pari al 25% del totale mondiale, gli USA continuano ad essere i più importanti utilizzatori di petrolio al mondo, pur disponendo oggigiorno di meno del 2% delle riserve esistenti. La dipendenza del paese dal petrolio estero sta rapidamente aumentando e, secondo Bush, tocca oggi il 60% [7]. 

Le accuse contro l'Iran: 130 grammi di uranio

Il 16 giugno 2003, l'AIEA (Agenzia internazionale per l'energia atomica) annunciò che l'Iran non aveva comunicato un'importazione di uranio effettuata nel 1991, e il suo successivo stoccaggio e trattamento. Era assolutamente vero, ma in un documento riservato dell'AIEA del 6 giugno 2003 si poteva leggere che la quantità importata ammontava ad appena 130 grammi di materiale [8]. In base all'articolo 37 dell'accordo ufficiale tra AIEA e Iran in vigore dal 15 maggio 1974, il materiale nucleare che contiene meno di un chilo di uranio è dispensato dalle clausole di salvaguardia [9]. Le accuse dell'agenzia fecero credere al mondo che l'Iran avesse violato il trattato.

E col protocollo aggiuntivo sono stati fatti giochi di prestigio dello stesso tipo. Durante l'embargo contro l'Iraq, quando bisognava assolutamente provare l'esistenza di armi di distruzione di massa e Saddam si rifiutava di concedere ulteriori diritti agl'ispettori delle Nazioni Unite, l'AIEA promulgò clausole supplementari per rendere più facili i controlli, e anche per rendere più facile discriminare tra i paesi membri: norme molto severe per alcuni paesi e molto superficiali per altri.

Nel giugno 2003 solo 33 dei 188 stati membri del Trattato di non proliferazione avevano accettato di firmare il protocollo aggiuntivo. Ciononostante gli USA e una delegazione dell'Unione europea (formata da Francia, Germania e Regno Unito) cercarono di costringere l'Iran a sottoscriverlo. In cambio, i tre paesi europei (E3) promisero favorevoli accordi commerciali. L'Iran era interessato a sapere quello che avevano da offrire, e la cosa non può sorprendere: il 30% del petrolio iraniano finisce in Europa, da cui proviene il 40% delle sue importazioni. Nella primavera 2003 il paese aveva inoltre cominciato a vendere il suo petrolio in euro e non più in dollari: un bene per l'Europa e un male per gli USA, la cui moneta ne risultava indebolita.

Durante i colloqui sui nuovi accordi commerciali con l'Europa, l'Iran aveva accettato di sospendere volontariamente il programma di ricerca sull'arricchimento dell'uranio e di concedere ulteriori diritti all'AIEA per controlli più approfonditi sui siti nucleari del paese. Dopo le ripetute insistenze iraniane, risultò però chiaro che i paesi E3 non avevano nessuna intenzione di concludere gli accordi che avevano promesso e che cercavano solo di portare avanti all'infinito le riunioni per impedire la ripresa del programma di arricchimento dell'uranio. L'Iran ricominciò quindi le attività che aveva volontariamente sospeso, e ristabilì le condizioni contrattuali originali per i controlli dell'AIEA. USA ed E3 cercarono allora di far condannare l'Iran dal Consiglio di sicurezza dell'ONU. 

L'agenda degli USA: petrolio, dollaro e debito estero…

Se le cosiddette prove contro l'Iran sono false, quale è il punto reale? Penso che in linea generale sia chiaro a tutti. Con il loro smodato consumo energetico, gli Stati Uniti ritengono di dovere avere governi amici in Iraq, Iran, e (per il progetto di pipeline UNOCAL) in Afghanistan. Durante la guerra fredda, Saddam Hussein in Iraq e lo Scià Reza in Iran erano utili alleati degli americani, ma quei giorni sono oramai tramontati. Grazie a Bush, adesso siamo coinvolti in una guerra in Iraq e una in Afghanistan. Vista la reputazione che gli USA si sono costruiti in Iran, è molto difficile che a breve possa salire al potere un governo pro americano.

Un altro elemento che spiega l'atteggiamento aggressivo di Bush verso l'Iran è il ruolo che questo paese ha svolto nell'indebolimento del dollaro. E una nuova borsa petrolifera, in caso di successo, potrebbe addirittura far crollare l'egemonia statunitense [10].

In sintesi, ecco come funziona la cosa. Il petrolio e il gas mondiali vengono trattati in dollari americani. Dal 1971 gli USA si sono trovati nella felice posizione di essere i fornitori di petrodollari del mondo. Fornire dollari ai paesi stranieri significa che possono stampare moneta e usarla per comprare beni, servizi e investimenti. Dal momento che i paesi stranieri hanno bisogno di questi dollari per poter comprare il petrolio, e li usano anche per il commercio internazionale, gli Stati Uniti non hanno mai dovuto realmente dare qualcosa in cambio dei loro acquisti: per il solo fatto di fornire divise potevano comprare senza pagare. Ed ecco perché il debito estero del paese è arrivato oggi a 3.200.000.000.000 di dollari. Se a un certo punto il resto del mondo cominciasse a vendere i trilioni di dollari che possiede, i cambi sarebbero sommersi dalla valuta americana e, di conseguenza, il suo valore scenderebbe praticamente a zero. Si scatenerebbe una crisi finanziaria, ma se il valore del dollaro si azzerasse il debito estero sparirebbe. Ecco perché è estremamente vantaggioso distribuire all'estero una divisa sempre richiesta e necessaria. Fino a quando il mondo ha bisogno di dollari per pagare gas e petrolio, la situazione è bloccata.

Ma con un debito estero oggi stratosferico, il dollaro è diventato molto vulnerabile. Quando il 6 novembre 2000 Saddam Hussein passò all'euro [11, 12], i mercati di cambio vennero temporaneamente sommersi dai biglietti statunitensi. Con l'Iran che pensava a una mossa simile fin dal 1999 e con gli altri paesi dell'OPEC che andavano nello stesso senso [13], le speculazioni e la sempre più scarsa fiducia avevano dato il via a una costante discesa della moneta americana [13a] che rischiava di portare al suo collasso [14]. A fine 2002, il dollaro aveva perso il 18% del suo valore [15], e questo probabilmente spiega perché gli USA non avevano più potuto attendere e il 20 marzo 2003, ignorando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, avevano invaso l'Iraq. Dal 6 giugno 2003 il commercio di petrolio viene di nuovo effettuato nella valuta statunitense [16]. Nella primavera del 2003 anche l'Iran era passato all'euro, e nei due anni successivi la moneta americana aveva perso un altro 12%.

Il vantaggioso saccheggio gratuito americano esiste solo fino a quando i paesi stranieri hanno bisogno di sempre nuovi dollari. Ogni volta che il prezzo del petrolio sale nelle due borse controllate dagli statunitensi, l'IPE (International Petroleum Exchange) di Londra e il NYMEX (New York Mercantile Exchange) di New York, il mondo ha bisogno di altra valuta USA [17]. E siccome l'85% del commercio petrolifero si svolge al di fuori degli Stati Uniti, per ogni dollaro supplementare necessario all'interno del paese, nel resto del mondo ce ne vogliono altri sette: saccheggio gratuito, appunto.

Per aumentare ancora di più la domanda estera di dollari, la Federal Reserve vende agli stranieri Buoni del Tesoro, riducendo così la domanda di valuta e facendo salire il tasso di cambio. Per fermarne l'aumento continuo, e consolidare ulteriormente il saccheggio gratuito, è necessario "distribuire" fuori del paese sempre nuova moneta. Se vogliono ridurre il tasso di cambio, gli USA devono semplicemente importare di più: in effetti, fino a quando la domanda mondiale di dollari continua a crescere, sono gli Stati Uniti stessi a fissarne il valore e a profittare del saccheggio gratuito, che nel 2004 si è concretizzato in un vantaggio di 2.167 dollari per abitante. Negli ultimi tempi gli stranieri si sono mostrati meno propensi ad alimentare la giostra americana del credito, e anche se il governo ha cercato di sedurli con interessi più elevati, la domanda estera di buoni rimane insufficiente. Il solo modo che ancora resta per ottenere abbastanza nuovo credito è quello di aumentare la domanda mondiale di dollari facendo aumentare il prezzo del petrolio all'IPE e al NYMEX. Proprio quello che sta succedendo da metà 2004.

E anche in questo caso la giostra americana è minacciata da un'iniziativa dell'Iran, che vuole creare un centro di contrattazione del petrolio indipendente e non legato alla valuta americana [17a]. Ammettendo che il paese riesca a creare un flusso sufficiente a stabilizzare il prezzo mondiale del greggio, e che lo mantenga stabile, il prezzo del petrolio all'IPE e al NYMEX non potrà più aumentare liberamente e la giostra smetterà di girare. La Borsa petrolifera iraniana non solo ridurrà il potere dell'IPE e del NYMEX, ma influenzerà anche il tasso di cambio euro/dollaro. Se il petrolio diventa più economico in euro, ci sarà una corsa all'euro. E viceversa. USA e Europa considerano la borsa iraniana un rischio: la sua apertura era stata prevista per il 20 marzo 2006 (l'anno nuovo iraniano), nell'aprile 2006 era stata riportata alla prima settimana di maggio [18], quando in effetti il ministero per le risorse petrolifere ha concesso una licenza di attività, ma è stata poi ancora rimandata. Nel frattempo il presidente Putin ha annunciato un suo piano per una borsa petrolifera in rubli a Mosca [18a].

Alla ricerca di alleati

Se vogliono poter adottare misure contro l'Iran, gli USA hanno bisogno di alleati, utili per partecipare ai costi delle operazioni militari e per aiutarli a mascherare il caos, come in Afghanistan e in Iraq. Il modo migliore di raccogliere alleati è far condannare i nemici con una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Il problema però è che gli Stati Uniti devono convincere gli altri paesi con diritto di veto a dare il loro appoggio. Se rivelassero le loro vere ragioni, non riuscirebbero ovviamente a convincere nessuno, e quindi debbono trovare qualche giustificazione che unisca e premi gli altri. Bene, i paesi con diritto di veto sono in effetti i vincitori della II guerra mondiale, che, come per caso, sono anche quelli dotati di armi nucleari e con siti di arricchimento dell'uranio. E allora perché non premiarli accordando loro il diritto esclusivo di arricchire l'uranio e di fornire combustibile nucleare al resto del mondo? [19]

Una strana delegazione europea 

Nella fase della schermaglia diplomatica con l'Iran, a Bush si uniscono i cosiddetti E3 (GB, Francia e Germania), che dovrebbero rappresentare l'Unione europea. La strana composizione della delegazione dell'UE comincia ad avere un senso quando ci si accorge che questi paesi sono quelli che, in Europa, possiedono siti di arricchimento dell'uranio, e che, nascondendosi sotto la bandiera dell'Unione europea, devono difendere il loro proprio interesse nell'arricchimento e nel ritrattamento.

Ma quanto sono europei i paesi dell'E3? In effetti, nel loro desiderio di far condannare l'Iran, peraltro loro partner commerciale, dal Consiglio di sicurezza dell'ONU, Francia e Germania compiono un passo piuttosto strano per dei rappresentanti dell'Europa e dimostrano così di stare giocando una partita di poker con poste elevate: rischiano di distruggere deliberatamente il mercato petrolifero iraniano in euro, scatenando un conflitto diretto contro il paese mediorientale o permettendo agli USA di imporre l'embargo.

Se non otterrà l'embargo, Bush non esiterà probabilmente un solo momento a bombardare ancora una volta gl'impianti nucleari iraniani in costruzione. E allora l'Iran dovrà consumare il proprio petrolio, invece di venderlo in euro. E qual è il ruolo della Gran Bretagna? Con il suo mercato petrolifero IPE, sempre in perfetta sintonia con il NYMEX, e la manifesta incapacità di passare all'euro, il paese serve da portavoce della Casa Bianca.

Il tono del dialogo tra E3 ed Iran non è quello che ci si potrebbe normalmente attendere tra partner commerciali che cercano di migliorare le loro relazioni. I resoconti delle discussioni sono lunghe litanie di obblighi che l'E3 cerca d'imporre all'Iran, trattato come un monellaccio che bisogna costringere a obbedire, in un modo o nell'altro [20]. Nel gennaio 2006, il presidente francese Chirac arriva al punto di minacciare velatamente un possibile attacco nucleare. Un simile modo di fare non può ovviamente che essere controproducente.

Russia e Cina

Per arrivare a una risoluzione del Consiglio di sicurezza che sanzioni l'Iran, Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Germania devono convincere la Russia e la Cina a non far uso del loro diritto di veto. Dato che anche questi due paesi arricchiscono l'uranio, la cosa sembrava facile, ma fino ad oggi i risultati sono stati nulli. Russia e Cina non vogliono un intervento armato contro l'Iran. In Russia è ancora aperta la ferita della catastrofe di Chernobyl nel 1986, con centinaia di migliaia di cittadini irradiati, nuove generazioni con deformazioni genetiche, e problemi d'irradiazione di plutonio che resteranno irrisolti per ancora centinaia di secoli. Da allora non ha più costruito un solo reattore. Il paese ha una visione più fosca del futuro nucleare nel mondo, e inoltre dispone ancora di ampie riserve di energia fossile. La Cina ha buone relazioni con l'Iran per la fornitura di petrolio e gas nei prossimi decenni. Se mollasse l'Iran, dovrebbe cercare alternative per soddisfare le proprie esigenze energetiche. Il paese non condivide l'atteggiamento aggressivo degli USA e dell'E3.

Perché l'Iran vuole l'energia nucleare?

Può sembrare strano che un paese con abbondanti riserve petrolifere possa volere l'energia nucleare. L'Iran esporta petrolio, ma importa i prodotti ottenuti dalla sua raffinazione, necessari per l'illuminazione, il riscaldamento, i trasporti e le attività industriali della sua popolazione in continua crescita. Per molti iraniani il prezzo effettivo di questi prodotti sarebbe troppo elevato, ed è per questo che vengono rivenduti a basso prezzo, con una perdita netta per le finanze nazionali. Passare all'elettricità di fonte nucleare significherebbe disporre di energia a costi abbordabili per l'intero paese. L'Iran ha bisogno delle entrate ottenute esportando petrolio per finanziare le importazioni di molti altri prodotti indispensabili. Ecco perché l'Iran non raffina e consuma direttamente il suo petrolio. 

L'arricchimento dell'uranio in Stati senza armi nucleari rappresenta un pericolo?

L'uranio naturale contiene lo 0,7% di atomi U-235 e il 99,3% di altri atomi, in massima parte U-238. Per usare il materiale fissile come combustibile nucleare, la proporzione degli atomi di U-235 dev'essere aumentata fino al 3-5%, dapprima purificandolo e portandolo allo stato gassoso. In questo stato, batterie di centrifughe possono filtrare parte dei più pesanti atomi U-238 con un processo lungo e che richiede molta energia. I rischi del processo di arricchimento sono quelli tipici delle industrie chimiche, più che il basso livello di radiazioni. Questo uranio non è idoneo alla produzione di bombe, che richiedono invece un arricchimento pari almeno al 90% [21]. Se un paese, ad esempio l'Iran, decidesse di produrre uranio estremamente arricchito, avrebbe bisogno di 3/5 anni per produrne in quantità sufficiente per una bomba. Inoltre, secondo gli scienziati, per un arricchimento elevato vengono usate centrifughe molto più grandi. La credenza, molto diffusa ma erronea, che sia possibile produrre in una centrale nucleare per usi civili uranio ad alto arricchimento senza farsi scoprire, serve ora a giustificare la pretesa di Bush secondo cui il processo di arricchimento dovrebbe restare nelle mani degli Stati che dispongono di armi atomiche.

La nascita di un nuovo ordine mondiale

L'idea di limitare il diritto di arricchire l'uranio alle sole nazioni che già lo fanno non è del tutto nuova. Le accuse contro l'Iran e il riuscito inganno a giornalisti, politici e diplomatici hanno creato il terreno ideale per accelerarne l'approvazione. Il principio fece la sua apparizione in una pubblicazione dell'ONU nel 2004 [22], ancora sotto forma di un invito per una moratoria limitata e volontaria alla costruzione di nuovi siti di arricchimento e trattamento, e venne poi rielaborato nel febbraio 2005 come Multilateral Nuclear Approach (MNA) [23]. Nell'aprile 2005 Kenzo Oshima, ambasciatore della missione giapponese presso le Nazioni Unite, si domandava se "l'MNA non avrebbe indebitamente danneggiato l'uso pacifico dell'energia nucleare da parte di quegli Stati che non dispongono di armi nucleari e che svolgono attività nucleari nel rispetto sincero e trasparente degli obblighi imposti dall'NPT".

Il 6 febbraio 2006, il DOE (Department of Energy) statunitense presentò la sua versione del principio nel piano GNEP (Global Nuclear Energy Partnership). Il giorno successivo, nel corso della Oarai Conference in Giappone, il piano venne presentato come una proposta di Bush su iniziativa del capo dell'AIEA El Baradei [24]. Naturalmente questa idea geniale non poteva mancare di fascino, e pochi giorni più tardi il DOE si autocompiaceva con queste parole: "L'accordo di partenariato tra Stati del ciclo del combustibile e Stati di soli reattori previsto dal GNEP aiuterà, infine, a fornire al mondo energia elettrica pulita, mettendo a disposizione delle nazioni senza ciclo del combustibile un accesso commercialmente competitivo e affidabile al combustibile nucleare, in cambio del loro impegno ad annullare lo sviluppo di tecnologie di arricchimento e riciclaggio". 

Elementi discutibili

Il nuovo ordine mondiale arriva sotto forma di clausole supplementari di salvaguardia nell'ambito del sistema di controllo dell'AIEA, e, visto lo spirito del Protocollo aggiuntivo, non possiamo certo attenderci a cose come parità di diritti o rapporti equilibrati.

Tra i paesi dell'NPT, solo quelli con armi nucleari (più Germania, Paesi Bassi e Giappone) dispongono oggi di siti di arricchimento [25]. Gli altri vedrebbero sfumare il loro diritto ad arricchire l'uranio, e in cambio riceverebbero dai primi la solenne promessa di essere sempre riforniti di combustibile nucleare. Promesse? Non sono fatte da quegli stessi paesi che nel 1968 avevano solennemente dichiarato di voler distruggere le proprie armi nucleari? Come ben sappiamo, fino ad oggi non hanno mantenuto il loro impegno, e la Francia ha addirittura sviluppato una nuova generazione di armi nucleari per rendere più facile e progressivo il cammino verso una guerra atomica. Anche quest'anno Francia e Stati Uniti stanno usando il loro arsenale per minacciare il mondo. E gli Stati che non dispongono di armi di questo tipo dovrebbero rinunciare ai propri diritti e diventare succubi del club di fornitori nucleari dell'AIEA?

Per sedurre gli Stati senza armamenti nucleari, il nuovo piano promette prezzi dell'elettricità più bassi. Oggi, a livello mondiale, i siti di arricchimento hanno una capacità grosso modo doppia di quella necessaria. Evitando di costruirne altri, si potrebbe ottimizzarne l'uso e abbassare così il prezzo dell'uranio arricchito, e quindi dell'elettricità... Dobbiamo prendere sul serio queste affermazioni? Le industrie che arricchiscono l'uranio non operano pensando al modo migliore per ridurre il prezzo dell'elettricità nel mondo. Nonostante la sovracapacità globale, gli Europei stanno considerevolmente aumentando la produzione in Gran Bretagna, Paesi Bassi e Germania: pensano a maggiori quote di mercato e a maggiori profitti! E se nuove norme dell'AIEA dovessero impedire a nuovi concorrenti di entrare nel mercato, il solo risultato sarebbe un prezzo ancora più elevato dell'uranio arricchito, e quindi dell'elettricità.

I nuovi piani prevedono un sistema di distribuzione del combustibile estremamente regolato e controllato. L'AIEA diventerebbe l'intermediario tra membri produttori e membri consumatori. A un primo sguardo, la struttura potrebbe sembrare degna di fiducia, dato che l'AIEA è un'agenzia delle Nazioni Unite. Però è anche l'organismo incaricato di sorvegliare il funzionamento del sistema. E non mi sembra logico permetterle di avere rapporti commerciali con le parti che deve sorvegliare. Inoltre, l'ONU non è un governo democratico e integerrimo capace di garantire l'imparzialità di chi deve tener d'occhio.

I piani del sistema di distribuzione raccomandano riserve minime nazionali e riserve di emergenza in alcuni paesi. Strano, non vi pare? Difficilmente si può definire "una misura di sicurezza" la creazione di riserve minime in ogni paese e di riserve di emergenza a livello regionale. Anche con una enorme riserva di uranio arricchito al 3,5% non potreste certo produrre armi nucleari. Perché l'AIEA vuole che i paesi dispongano solo di piccole quantità di combustibile? Temo che ci sia una sola risposta possibile: per avere sotto stretto controllo gli Stati senza armi nucleari. È un poco troppo potere nelle mani del nostro garante dell'NPT, molto più di quanto sia necessario per condurre le ispezioni o per garantire la sicurezza del sistema di distribuzione del combustibile nucleare. Si tratta di potere assoluto per infrangere la sovranità degli Stati. Se un paese fa qualcosa che i sorveglianti o i loro padroni non gradiscono, basta chiudere il rubinetto del combustibile per rimetterlo in riga. Suona come una dittatura a livello mondiale. Ovviamente i paesi che riforniscono il sistema non verranno mai infastiditi: producono da soli il proprio combustibile.

In teoria l'AIEA dipende unicamente dalle Nazioni Unite. Ma nella realtà le cose stanno proprio così? L'agenzia si trova in una posizione delicata, perché non può ignorare tensioni e conflitti d'interesse tra i membri dell'NPT, e la sua indipendenza dagl'interessi nazionali è in equilibrio precario. Il limitato bilancio dell'agenzia la costringe a scelte spesso influenzate dai conflitti in corso. Durante l'embargo contro l'Iraq, siamo stati testimoni di una AIEA pilotata da un Bush demente, che sollecitava continuamente nuovi controlli: il cane da guardia è stato spedito sul terreno più e più volte per assicurarsi che il paese potesse essere invaso in tutta sicurezza. Anche se l'AIEA ha l'obbligo di mantenere il segreto su tutte le infrazioni rilevate nel corso delle ispezioni, l'esercito statunitense ha ricevuto costantemente informazioni riservate, che ha usato per preparare l'invasione del 2003 (e per invadere l'Iraq, Bush ha infine deciso semplicemente di ignorare il Consiglio di sicurezza dell'ONU...).

Oggigiorno rileviamo le stesse interferenze americane nelle ispezioni in Iran: Bush urla e il cane corre a cercare il bastone. Le regole del nuovo ordine mondiale sono presentate come "una proposta di Bush su iniziativa di El Baradei". Non è azzardato supporre che i due piani, l'MPA (Multi-National Approach) dell'AIEA e il GNEP (Global Nuclear Energy Partnership) di Bush, si fonderanno una versione finale imposta dagli USA.

Mettere saldamente sotto controllo tutti gli Stati non dotati di armi atomiche non appena cominciano a dipendere dall'energia nucleare è ovviamente un colpo da maestro, ma gli Stati che forniscono combustibile nucleare contano anche su molti altri vantaggi. Poiché coopereranno nella stessa organizzazione e saranno tutti interessati, in un mercato completamente regolato e messo sotto l'ala protettrice dell'AIEA, a massimizzare i guadagni, potranno mettersi d'accordo per fissare il prezzo del combustibile nucleare. Proprio come oggi il prezzo mondiale del petrolio è fissato in posti come l'IPE e il NYMEX, così domani il costo del combustibile nucleare verrà deciso da pochi fortunati.

E adesso arriva il trucco. Il combustibile nucleare dev'essere pagato. Il problema è: in che valuta (o valute) il compratore dovrà onorare le fatture? Le valute scelte diventeranno le più richieste e necessarie al mondo: pensate all'odierno dollaro americano. Apparentemente non è ancora stata presa alcuna decisione, ma se ogni fornitore chiedesse il pagamento nella propria moneta nel mondo verrebbero soprattutto accettati yen giapponesi, yuan renminb cinesi, rubli russi, euro, sterline inglesi e dollari americani (con un probabile ordine di preferenza a seconda delle capacità dei fornitori di consegnare il combustibile nucleare). Ciascun paese godrebbe dei vantaggi di distribuire la propria valuta nel resto del mondo, anche se a lungo termine finirebbe col subire gli effetti negativi sulla propria economia e, qualche decennio più tardi, dovrebbe lasciar colare a picco la propria valuta per sbarazzarsi del debito accumulato. Ecco in sintesi quello che potrebbe accadere con più valute mondiali. Il fatto però che secondo i piani l'AIEA dovrebbe diventare l'intermediaria tra fornitori e consumatori lascia ragionevolmente pensare che toccherebbe all'agenzia decidere in che moneta dovrebbero pagare i compratori, e Bush spera sicuramente che debbano farlo in dollari. Se il combustibile nucleare dovesse essere pagato esclusivamente in dollari, la domanda di moneta americana, e quindi l'egemonia statunitense, sarebbe garantita per molti decenni a venire. 

Il circo dell'ONU

Con il progetto di nuovo ordine mondiale discretamente messo a punto dietro le quinte, ci ritroviamo adesso con un'allenza in funzione anti iraniana tra USA ed E3, che fiutano la possibilità di fare un bel progresso verso un mercato mondiale del combustibile nucleare. Per arrivarci, hanno solo bisogno di una copertura legale che proibisca l'arricchimento dell'uranio da parte degli Stati senza armamento nucleare, con l'Iran preso ad esempio. E basterebbe una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU che legalizzasse il diritto dell'AIEA di vietare ai paesi di arricchire l'uranio.

Naturalmente renderebbero impossibile all'Iran restare nell'NPT. Per mettere a segno il colpo, dovrebbero solo evitare che il paese lasci l'organizzazione prima di una risoluzione di condanna, perché in tal caso non avrebbero più una base legale per giustificare la loro posizione. I paesi che non partecipano all'NPT (ad esempio Israele, India, Pakistan, Cuba e Brasile) sono liberi di arricchire l'uranio e di farne quello che vogliono. 

Il problema è: USA ed E3 riusciranno a sedurre la Russia e la Cina?

In caso di successo, il colpo di mano degli Stati con armamento nucleare creerebbe probabilmente enormi tensioni nell'NPT e nell'ONU, che potrebbero perdere ogni credibilità ed essere abbandonati da molti Stati senza armamento nucleare. Il risultato sarebbe l'opposto di quello che le organizzazioni si pongono come obiettivo. 

Sviluppi successivi alla stesura dell'articolo:

Maggio 2007: la Russia ha sottoscritto un accordo con USA, Cina, Francia e Giappone per mettere a punto una cooperazione intesa a sviluppare programmi nucleari civili nel mondo.

US House Panel OKs Bill To Create International Nuclear Fuel Bank. [26]

 

[1] Membri del NPT: http://www.carnegieendowment.org/files/ Tracking_Ch02map.pdf

[2] Testo del NPT: http://www.un.org/disarmament/WMD/Nuclear/pdf/NPTEnglish_Text.pdf  (cfr. articolo IV)

[3] Accordo AIEA-Iran:

http://www.iaea.org/ Publications/ Documents/ Infcircs/ Others/ infcirc214.pdf

[4] Storia del nucleare in Iran: http://www.nti.org/e_research/profiles/1825_1826.html

[5] Opposizione crescente contro lo Scià:

http://www.countriesquest.com/middle_east/iran/history/ growing_opposition_to_the_shah.htm

[6] Mossadeq:  http://www.iranchamber.com/history/ oil_nationalization/ oil_nationalization.php

[6a] Attacco israeliano del 1981 contro l'impianto nucleare iracheno:  http://news.bbc.co.uk/ onthisday/hi/dates/ stories/june/7/ newsid_3014000/3014623.stm

[7]  Dipendenza del 60% dalle importazioni di petrolio: http://www.bloomberg.com/apps/news? pid=10000087& sid=ar4D7HVGikXo& refer=top_world_news

[8] 130 grammi di uranio: http://www.fas.org/nuke/guide/iran/iaea0603.html  (last line)

[9] Articolo 37 dell'accordo tra AIEA e Iran:  http://www.iaea.org/ Publications/ Documents/ Infcircs/ Others/ infcirc214.pdf

[10] Come può collassare il dollaro in Iran? http://www.studien-von-zeitfragen.net/ Zeitfragen/ __Collapse_in_Iran/ __collapse_in_iran.html

[11] Fred Eckhard sul permesso dell'ONU all'Iraq di passare all'euro: http://www.un.org/News/briefings/docs/ 2000/20001031.db103100.doc.html

[12] Statistiche sulle esportazioni irachene di petrolio in euro:

http://www.un.org/Depts/oip/ background/ oilexports.html

[13] Colin Nunan, Petrodollari o Petroeuro: http://www.feasta.org/documents/ review2/ nunan.htm

[13a] Grafici sull'evoluzione del tasso di cambio del dollaro americano sono reperibili sul sito http://www.studien-von-zeitfragen.net/ Zeitfragen/ __Collapse_in_Iran/ __collapse_in_iran.html 

[14] Messa in guardia del FMI sul collasso del dollaro: http://news.bbc.co.uk/1/hi/ business/2097064.stm

[15] tassi di cambio del dollaro, serie storiche: http://fx.sauder.ubc.ca/data.html

[16] Financial Times, 5 giugno 2003

[17]Mercati petroliferi, esempio: http://www.nationalreview.com/ nrof_leuffer/ leuffer200410010726.asp

Speculazioni e timori possono, per definizione essere influenzati.

[17a]  Sugli effetti del commercio petrolifero basato o meno sul dollaro, cfr. http://www.studien-von-zeitfragen.net/ Zeitfragen/ __Collapse_in_Iran/ __collapse_in_iran.html 

[18] Borsa petrolifera iraniana, maggio 2006: http://www.iribnews.ir/Full_en.asp?news_id=212013&n=32

[18a] Borsa petrolifera russa: http://en.rian.ru/russia/20060510/47915635.html e http://en.rian.ru/russia/20060522/48434383.html (Effetti sul dollaro, cfr. [10])

[19] GNEP:  http://www.gnep.energy.gov/

[20] Rapporto E3 http://www.iaea.org/ Publications/ Documents/ Infcircs/ 2005/ infcirc651.pdf

[21] Arricchimento dell'uranio: http://www.uic.com.au/nip33.htm

[22] Pubblicazione 2004 dell'ONU: http://www.un.org/secureworld/brochure.pdf

[23] Gruppo di esperti NMA, febbraio 2005: http://www.iaea.org/ OurWork/ST/NE/NENP/NPTDS/ Downloads/ SMR_CRP1_SRWOSR/ 2005/ RCM1/Add materials/mna-2005_web.pdf

[24] Idea di El Baradei e proposta di Bush. 7 febbraio 2006: http://www.jaea.go.jp/04/np/documents/sym05_01_endo_en.pdf

[25] Mappa delle stazioni di rifornimento del combustibile nucleare nel mondo: http://www.wise-uranium.org/umaps.html?set=enr

[26] Sviluppi successivi alla stesura dell'articolo: http://www.easybourse.com/ Website/dynamic/ News.php?NewsID=205659 &lang=fra &NewsRubrique=2 &pageliste=

 

ELENCO DEGLI ARTICOLI:

 

Petrodollar Warfare: Dollars, Euros and the Upcoming Iranian Oil Bourse
by William R. Clark (5 agosto 2005)
http://usa.mediamonitors.net/ content/ view/full/ 17450
 
Killing the dollar in Iran, By Toni Straka, "With the world facing a daily bill of roughly $5.5 billion for crude oil at current price levels,"
http://www.atimes.com/ atimes/ Global_Economy/GH26Dj01.html
 
America's Foreign Owners, 22 settembre 2005
http://www.thetrumpet.com/index.php?page=article &id=1712
 
The Proposed Iranian Oil Bourse, Krassimir Petrov, Ph. D., 17 gennaio 2006
http://www.321gold.com/editorials/petrov/ petrov011706.html
 
Trading oil in euros - does it matter?,
di Cóilín Nunan,
Pubblicato il 30 gennaio 2006 su Energy Bulletin.
http://www.energybulletin.net/12463.html  

How can the Dollar collapse in Iran?
di Rudo de Ruijter
http://www.studien-von-zeitfragen.net/ Zeitfragen/ __Collapse_in_Iran/ __collapse_in_iran.html

Maggio 2006/Marzo 2007

 

tradotto da Carlo Pappalardo
http://bastianini.info

gennaio 2008

 

L'autore può essere contattato via il sito www.courtfool.info

Se lo volete, potete copiare l'articolo e diffonderlo o pubblicarlo in riviste e siti web.

 

Se non volete perdere il mio prossimo articolo, cliccate su uno o più di questi link.
(Il vostro indirrizzo e-mail non verrà usato per altri scopi).

flag IT   Gradirei ricevere una e-mail ogni volta che compare un nuovo articolo in italiano.
Se il link non funziona , si prega di inviare una e-mail.
indirizzo: courtfool@xs4all.nl
soggetto:
Subscribe articles IT